30 mar 2022

Un approccio olistico per fornire strumenti strategici all’avanguardia e formare specialisti nel settore dell’edilizia sostenibile

Il quadro finanziario del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) destina alla missione della transizione green 59,46 miliardi di euro per il periodo 2021-2026, il 32,1% delle risorse. Con i 9,16 miliardi del fondo complementare, le risorse salgono a 68,66 miliardi di euro. La missione per la rivoluzione verde e la transizione ecologica prevede 58 delle 197 misure del Piano. Gli investimenti chiave per supportare la transizione green riguardano, tra gli altri settori, energia rinnovabile ed economia circolare, con 18 miliardi di euro ed efficienza energetica negli edifici residenziali con 12,1 miliardi di euro. Secondo le recenti valutazioni dell’Ufficio parlamentare di bilancio, circa il 31% del valore finanziario delle misure sarà gestito dagli Enti territoriali, che si avvarranno di figure professionali in possesso di requisiti sempre più specializzati.

Le modalità con cui le imprese ed i professionisti affronteranno le sfide della transizione ecologica e della formazione specializzata nei settori legati alla filiera edile e immobiliare, saranno il differenziale che sancirà il successo delle iniziative legate anche ai fondi del PNRR. Uno spazio di opportunità a favore dell’impresa per la valorizzazione del territorio e l’efficientamento energetico dei Comuni e degli spazi vitali dei cittadini, siano essi grandi città o piccoli borghi, grossi agglomerati urbani o singoli condomini.  

Tra le conseguenze sulle aziende della transizione green, l’aggiornamento delle competenze l’apporto di consulenti e professionisti specializzati, rappresenta un valore non più trascurabile. Il World Green Building Council, non solo ha intercettato questa necessità, ma l’ha anticipata e ha contribuito a farne emergere l’urgenza. Un’Associazione che da vent’anni detta le linee guida per un mondo costruito decarbonizzato in più di 70 paesi e che rappresenta la più grande organizzazione internazionale al mondo attiva per il mercato delle costruzioni sostenibili.

In particolare, la promozione del sistema di certificazione di terza parte e dei Protocolli proprietari di certificazione energetico-ambientale, sono espressamente sviluppati per le specificità del mercato italiano, i cui parametri stabiliscono precisi criteri di progettazione e realizzazione di edifici salubri, energeticamente efficienti e a impatto ambientale contenuto. Da questi presupposti nascono i corsi di formazione specializzati GBC Italia.

Un vasto catalogo formativo dedicato a professionisti ed aziende, che si sviluppa in un intero percorso per diffondere, promuovere e consolidare, in un processo di miglioramento continuo, tecniche e performance dei professionisti della sostenibilità in edilizia. Tutti gli attori della filiera sono coinvolti, attraverso momenti formativi, workshop e appuntamenti tematici. Sono le buone pratiche a guidare i percorsi di trasferimento delle conoscenza, dove valori come qualità, attenzione al territorio e utilizzo di risorse e materiali adeguati, sono i princìpi su cui si basano le occasione di apprendimento.

I percorsi formativi assicurano l’acquisizione delle competenze scientifiche oggi richieste attraverso un approccio in aula e in FAD, grazie all’apporto del mondo professionale e della produzione nei settori della sostenibilità ambientale, delle energie rinnovabili, delle tecnologie e di organizzazioni a livello nazionale e internazionale nel settore della sostenibilità ambientale e nella filiera edile e immobiliare. La didattica del percorso è partecipativa, interattiva, si sviluppa attraverso dinamiche innovative di scoperta e conoscenza e si interfaccia con istituzioni e associazioni, aziende e organizzazioni, attraverso workshop, case study e challenge. In primo piano i valori: attenzione alla sostenibilità, conoscenza e ricerca per il benessere dei cittadini e la salvaguardia delle risorse ambientali

Percorsi formativi specializzanti GBC Italia, per fare la differenza.