27 apr 2022

Quando sostenibilità fa rima con futuro

È stato stimato che quando uno studente si diplomerà al liceo, avrà trascorso più di 14.000 ore in una scuola, che è il secondo tempo di esposizione al chiuso più lungo dopo la loro casa.

L'edificio scolastico influisce sulla salute, sul pensiero e sulle prestazioni degli studenti e non solo. Le prove portate da vari studi scientifici sono inequivocabili: anche gli insegnanti possono soffrire di perdita di concentrazione da alti livelli di anidride carbonica, sonnolenza da alte temperature o aumento del rischio di trasmissione di freddo e influenza da scarsa umidità. Investire nella scuola significa investire nel futuro della nostra società e per questo non può che essere fatto mettendo la sostenibilità energetico-ambientale degli edifici scolastici al centro dell’operato delle scelte della P.A.

Un esempio concreto di come si può fare e bene e che ha ricevuto il riconoscimento Leadership in Green Building nel settore pubblico - Premio “Mario Zoccatelli” dal Green Building Council Italia è la scuola “Antonio Brancati” di Pesaro, certificata LEED® Platino e insignita del primo premio delle Nazioni Unite Green Solution Award, come la più sostenibile d’Europa ed anche inserita da UNI nelle buone pratiche di economia circolare.

La scuola produce circa meno di 10kg di CO2/mq/annuo contro i 554Kg di un edificio di tipo tradizionale. Si tratta di un edificio costruito su un'area urbana dismessa e con il punteggio di 88 punti ha ottenuto il certificato LEED Livello Platino, prima scuola in Europa e seconda al mondo ad aver conseguito tale esito.

La nuova scuola media non solo eccelle in efficienza energetico-ambientale, grazie ad un involucro progettato al fine di evitare dispersioni ma anche di impedire il surriscaldamento grazie alla parete ventilata e alle schermature solari. Grande attenzione è stata data al comfort degli studenti, insegnanti e tutti quanti possano utilizzare l’edificio. Il bando prevedeva lo studio dei parametri termo-igrometrici, acustici, illuminotecnici attribuendo grande attenzione al benessere interno in modo da ottenere un ambiente salubre, accogliente tale da avere le migliori condizioni per lo studio.

HEALTHY BUILDING, cioè l’edificio salubre, sano è ciò di cui si occupa GBC Italia, estendendo tutti quelli che sono i vantaggi nell’utilizzo responsabile di energia, illuminazione, nuovi materiali da costruzione e ventilazione, al benessere degli occupanti ed al loro rendimento operativo e professionale. GBC Italia promuove un processo di trasformazione del mercato edile italiano attraverso la promozione dei sistemi di certificazione di terza parte i cui parametri stabiliscono precisi criteri di progettazione e realizzazione di edifici salubri, energeticamente efficienti e a impatto ambientale contenuto. Un sistema che consente grazie alle strategie e alle buone pratiche di riprogettare uffici, edifici, territori, comunità e scuole, rendicontando il valore prodotto, anche grazie a sistemi di rating certificati e protocolli energetico-ambientali.

Ed è qui che interviene la buona amministrazione, in grado di intravedere il futuro in azioni sostenibili anche in edilizia. Si può fare, basta volerlo: GBC Italia c’è!

Guarda il servizio andato in onda per la puntata di Fuoritg Tg3 GREEN CLASS: