09 giu 2022

GBC Italia e l’elezione dei vertici di ANCE

Sempre più uniti per promuovere ricerca, formazione e innovazione per città sostenibili, resilienti e salubri

GBC Italia si congratula con tutta la squadra di Presidenza e con Federica Brancaccio, prima presidente del Mezzogiorno e prima donna alla guida dell’ANCE (Associazione Nazionale Costruttori Edili), che arriva alla presidenza dopo essere stata fino allo scorso marzo al vertice dell’Associazione Costruttori Edili di Napoli, e prima ancora vicepresidente della Commissione Relazioni Industriali e Affari Sociali e componente del Consiglio Generale.

In seguito all’accordo di partnership sottoscritto lo scorso 22 aprile con ANCE, in occasione della giornata mondiale della Terra, GBC rilancia il ruolo di un approccio sostenibile all’edilizia, con l’intento di rafforzare l’intesa tra i due soggetti. “Auguro a nome di Green Building Council Italia, i migliori auguri di buon lavoro alla Presidente Brancaccio e a tutta la sua squadra. - Il commento del Presidente di GBC Italia Marco Mari, che continua - Siamo certi che una donna competente e preparata alla guida di ANCE, saprà apportare un contributo ancora più deciso ai temi della salvaguardia ambientale, in favore di un modo edile ed immobiliare veramente green, promuovendo ricerca, formazione e innovazione per città sostenibili, resilienti e salubri. Con il Presidente Buia c’è stata una grande intesa, siamo certi che con la Presidente Brancaccio troveremo grandi convergenze e spunti di collaborazioni sempre più efficaci per la  promozione dei protocolli energetico-ambientali nella filiera, per la partecipazione a bandi di finanziamento legati alla ricerca, all'innovazione e alla formazione professionale degli operatori e a diffondere le buone pratiche ambientali nell’intero comparto, responsabile del 39% delle emissioni globali di CO2 e di oltre il 50% dei rifiuti speciali.” conclude Mari.

Obiettivi in linea con il progetto di ANCE per la decarbonizzazione del settore edile e con il manifesto GBC Italia per COP26 e il primo position paper di GBC Italia sulla “Sostenibilità Urbana”, le cosiddette sette “regole verdi” ad uso degli operatori dell’edilizia, verso un 2050 carbon neutral ed un ambiente costruito resiliente sostenibile e salubre.

Brancaccio ha dichiarato che opererà nel solco tracciato dalla precedente presidenza, dalla quale “ricevo un’eredità eccezionale”. In merito ai prossimi impegni che attendono l’Associazione, la neo Presidente ha affermato che “sono tanti i dossier aperti e le sfide che l’Associazione deve affrontare nei prossimi mesi per dare un concreto sostegno alle imprese, in questo momento di grandi tensioni politicoeconomiche”.

GBC Italia, conferma che la multidisciplinarietà e il dialogo con tutti gli stakeholders - ANCE si conferma tra i più importanti - sono due elementi fondamentali per affrontare e vincere le grandi sfide del Green Deal europeo e della fase attuativa del PNRR, per mettere in campo soluzioni concrete e per tener fede alle promesse fatte alle future generazioni.