EeMAP Assessment Briefing - "Creating an energy efficient mortgage for Europe" (15.02.2018)
 

La Rete Regionale Europea di World GBC è uno dei partner chiave dell’iniziativa EeMAP, la quale ambisce a colmare il deficit di 100 miliardi di euro. I Green Building Council d’Europa hanno pubblicato una serie di report che definiscono il contesto delle prestazioni energetiche degli edifici secondo il mercato del Paese di riferimento, insieme alle proposte per aiutare le banche e altri attori che intendono lanciare attività di piloting su questo schema a livello nazionale.

Scarica il report.

Area download  Policy e position paper


 /documents/20182/720688/gbc-news-ce-levels.jpg/52cead03-dadd-4407-a3da-f6910762a939?t=1552479230196
$dataStr

La Commissione Europea delinea la roadmap per Level(s)

La Commissione Europea ha recentemente pubblicato un report in cui si identifica l'apporto in termini di dati e informazioni che il sistema di indicatori LEVELs è in grado di dare ai policy maker a livello nazionale che intendono focalizzare i regolamenti edilizi  in termini di sostenibilità e circolarità.

La Commissione apre ora una consultazione con la comunità di stakeholder per sviluppare una tabella di marcia per integrare edilizia sostenibile e valutazione del ciclo di vita (LCA). Tra le prime attività necessarie sono incluse quelle di sensibilizzazione, formazione di competenze, uso degli strumenti digitali e allineamento degli strumenti di certificazione e delle politiche nazionali. 
GBC Italia sta lavorando su questi temi attraverso le attività internazionali (LEVELs, Advancing Net Zero), i progetti europei (BIM4REN, BUILD UPON 2), le nuove proposte di progetto inviate (LIFE) e i gruppi di lavoro nazionali (GdL LCA,  Economia Circolare e LEVELs).

Level(s) é ora in fase di test in più di 130 progetti di edifici in 21 paesi d'Europa. I risultati della fase di test verranno utilizzati per aggiornare la versione beta, in vista di un rilascio finale nel marzo 2020.

Il report è consultabile cliccando qui.

Continua a Leggere »


 /documents/20182/720688/gbc-news-sustfinance.jpg/73ad3ffe-6e01-4098-b40e-a95e6a69cc6b?t=1552477529046
13 mar 2019

Tassonomia della finanza sostenibile: la necessità di un approccio pragmatico

ERN ha risposto alla consultazione europea su una tassonomia condivisa per la Finanza Sostenibile sostenendo un approccio pragmatico che favorisca l'uso degli strumenti in vigore ma che sul medio termine punti a tenere conto delle emissioni di carbonio nella fase d'uso degli edifici sempre rispettando il principio di dare priorità all'efficienza energetica dell'edificio.

On 22 February, WorldGBC Europe submitted their response to a consultation from the technical expert group on sustainable finance set up by the European Commission on a classification system – or taxonomy – for environmentally sustainable economic activities. This follows on from the Commission's legislative proposal on an EU taxonomy in May 2018.

Using insights from the Energy Efficient Mortgages Action Plan (EeMAP) and the network's work on Level(s), WorldGBC Europe's response advocated taking a pragmatic starting point for the taxonomy. The response welcomed TEG's proposal to evaluate the use of Energy Performance Certificates as a proxy but stressed that in the medium term, the taxonomy should evolve to focus on in-use carbon emissions, whilst respecting the principle of energy efficiency first.
 
The response further stressed that a life cycle approach to buildings is the level of long-term ambition our sector needs to aim for. Therefore, the taxonomy must give a clear signal to the financial sector that sustainable built environment assets must aim for net zero carbon across their whole life cycle in order to be Parisproof and deliver the EU’s vision of a climate neutral Europe.

To achieve this level of ambition, and to make the choice of a pragmatic starting point acceptable, the taxonomy metrics and thresholds must be flexible and reviewed and updated at regular intervals in the period up to 2050.

Continua a Leggere »


 /documents/20182/720688/turbina.JPG/1f75925f-bab8-4f3b-8cda-8bef64234b1f?t=1551455417447
01 mar 2019

Protagonisti della transizione per un' Europa “carbon neutral” nel 2050

Editoriale di Giuliano Dall'Ò

In linea con i mesi passati, anche marzo si annuncia denso di eventi che vedono il nostro GBC impegnato a stimolare la trasformazione sostenibile del nostro settore.  Un invito particolare, quindi, a leggere con attenzione le nostre comunicazioni e a partecipare ai diversi incontri, che sono certo saranno anche momenti di proficuo confronto per la nostra comunità ed un’opportunità per allargarla ulteriormente.


Oltre ai numerosi eventi nazionali, nel mese di marzo si terrà ad Amsterdam anche l’importate conferenza internazionale Greenbuild Europe, alla quale la delegazione italiana partecipa da sempre numerosa anche con speech molto apprezzati.
È questa una delle tante occasioni che GBC Italia ha per confrontarsi su una scala più ampia di quella nazionale in merito ai temi, alle innovazioni ed alle priorità utili a perseguire la nostra mission.


La dimensione internazionale di GBC Italia è forse quella meno conosciuta, ma per esperienza ritengo che sia fondamentale per arricchire l’associazione con occasioni di scambio e confronto sui temi cardine per l’evoluzione della sostenibilità nell’edilizia. Negli anni scorsi GBC Italia ha raggiunto la posizione di membro established all’interno del World GBC, ruolo che ha permesso all’associazione di partecipare da protagonista ad alcuni importati progetti e consolidare così i rapporti con alcune istituzioni europee. Fra cui la Commissione Europea che sta lavorando intensamente sul tema dell’economia circolare e sulla transizione per un’Europa “carbon neutral” al 2050, incluso il patrimonio del costruito. Da qui la proposta di uno strumento per valutare e rendicontare la sostenibilità degli edifici, Level(S), che la nostra associazione ha deciso di supportare a partire dalle prime consultazioni, coordinando attivamente sul territorio nazionale la fase di testing.  In tale ambito Manuela Ojan, che ha la delega alle attività internazionali all’interno del Comitato Esecutivo, evidenzia che “il nostro impegno a supporto di Level(S)è stato segnalato alla Commissione Europea, che, nella persona del Direttore del DG Environment, ha inviato una specifica lettera di ringraziamento al nostro Presidente. Un gesto incoraggiante e utile per segnalare alle autorità nazionali il ruolo di GBC quale referente per l’adozione dei nuovi stumenti comunitari.“


Stimolati e rafforzati dai risultati raggiunti, ci prepariamo ora a proporre una nuova sfida: la partecipazione al progetto “Advancing Net Zero”, lanciato dalla rete mondiale dei GBC, che mira a promuovere e supportare l'accelerazione della trasformazione del 100% degli edifici a zero emissioni nette di carbonio entro il 2050. Nelle prossime settimane, prenderemo un impegno formale sia in termini di attività di formazione che di divulgazione, ed inviteremo tutti i soci a supportare attivamente l’associazione partecipando alle attività del  progetto.
Perché prendere impegni così ambiziosi e di lungo periodo? Perché è importante avere una visione e seguire percorsi identificati e condivisi, con il supporto di strumenti di implementazione comuni qual è ad esempio Level(S). Ed anche perché è gratificante sentirsi parte di una comunità internazionale che sa apprezzare il nostro coinvolgimento riconoscendo il contributo. Sono convinto che la partecipazione a progetti internazionali e il confronto con gli altri Green Building Council costituiscano per GBC Italia una grande opportunità per incrementare l’esperienza e la competenza comune, ma anche per acquisire la conferma che la direzione intrapresa è comune ad un movimento più ampio.
Ho qui accennato solo alcune delle attività internazionali che abbiamo in atto. Invito tutti a monitorare regolarmente le comunicazioni ed il nostro sito web per rimanere aggiornati sulle proposte attivate dalla rete internazionale e per indentificare le opportunità di coinvolgimento e partecipazione che possono essere di maggiore interesse. Se il cambiamento in atto è da tempo percepito, noi vogliamo essere protagonisti non solo in Italia ma anche in un orizzonte più ampio quale è quello internazionale.

 

Continua a Leggere »


 /documents/20182/684270/GBCI.jpg/95c1a9b0-74d6-4777-9f66-85b0663d0f37?t=1551368271540
28 feb 2019

La fatturazione per i progetti LEED europei

Da aprile 2017, GBCI Europe si occupa di gestire le esigenze del mercato europeo per la certificazione LEED.  Dall'inizio del 2019 è stata introdotta anche la fatturazione europea per i progetti registrati o in fase di certificazione LEED.
Questo comporta che tutte le tasse di registrazione e certificazione LEED saranno fatturate in Euro e potranno essere pagate tramite SEPA/bonifico bancario o carta di credito a GBCI Europe.

LEED Online genera direttamente le fatture in Euro con le istruzioni di pagamento a GBCI Europe.
È importante inserire il numero di partita IVA della società per il meccanismo di applicazione dell'IVA.

In caso di richieste di chiarimento si può contattare via mail  la referente di GBCI Europe Nicole Killmann.

Continua a Leggere »


 /documents/20182/684270/pic+2.jpg/85047b91-56d7-4407-b856-c02b85576ccc?t=1550501099903
18 feb 2019

Level(s) update

La seconda newsletter di LEVELs, svela i dati dei progetti partecipanti alla fase di test presentati lo scorso dicembre al workshop di Bruxelles.

L’Italia è il terzo paese per numero di progetti partecipanti dopo la Finlandia e la Francia, con 9 progetti di edifici residenziali e 10 progetti di edifici per uffici o terziario.

GBC Italia ha organizzato un gruppo di lavoro per supportare i team italiani che partecipano alla fase di test e i lavori riprenderanno nelle prossime settimane.
Se interessati a partecipare al gruppo di lavoro scrivete a internazionale@gbcitalia.org

Si parlerà di LEVELs il 19 Marzo al Greenbuild di Amsterdam in una intera sessione dedicata. World GBC ha organizzato un workshop a inviti per il prossimo 3 Maggio a Bruxelles, e insieme alla DG Environment ospiterà a Bruxelles una conferenza di alto livello sulla policy legata a LEVELs il prossimo 16 maggio in occasione della EUGreenWeek.

 

Continua a Leggere »