Lee Siang

Workshop
Milano, 20 giugno 2017

La rinascita sostenibile delle città
 

Lo scorso 20 Giugno 2017, GBC Italia ha incominciato un percorso di dialogo con le città Italiane per condividere le azioni esemplari verso la sostenibilità degli edifici e delle aree urbane. Keynote speaker dell'incontro, il Presidente di World GBC Tai Lee Siang, architetto e Urbanista che ha contribuito in modo importante alla rigenerazione Green della Città di Singapore. Le municipalità di Milano, Bergamo, Reggio Emilia e Torino hanno portato le loro buone pratiche insieme a Italferr che ha raccontato l'approccio verso la sostenibilità del patrimonio costruito e elle infrastrutture del gruppo Ferrovie. Il report riassume gli interventi della mattinata di lavoro

Leggete il report per il risultato della giornata di lavoro.



 /documents/20182/412545/gbc_news_CS_mutuiverdi.jpg/3702e7ea-dfbe-4494-938c-5b972cb7fba9?t=1528984422744
14 giu 2018

Le principali banche europee lanciano un nuovo sistema di mutui verdi

Oggi la rete europea del World Green Building Council (WorldGBC) e le principali banche europee hanno lanciato un nuovo schema pilota di mutui per l'efficienza energetica. È un segnale importante da parte degli investitori che dimostra come l’edilizia sostenibile stia diventando un mercato chiave per la crescita dell'Europa.

Lo schema pilota è finalizzato alla sperimentazione di nuovi criteri europei per i mutui dedicati a proprietà energeticamente efficienti. Questi criteri sono stati sviluppati dai Green Building Council della rete europea di WorldGBC, partner dell'iniziativa Energy Efficient Mortgages progetto finanziato dalla UE. Alcune delle più grandi banche europee partecipano al progetto pilota, tra cui BNP Paribas, ING Bank, Nordea Bank e Société Générale.

I green building sono sempre maggiormente riconosciuti come investimenti a basso rischio sia per i mutuatari che per i creditori per la riduzione dei costi in fase d’uso e la capacità di mantenere meglio il loro valore immobiliare nel tempo. Inoltre, vi è una domanda in rapida crescita da parte degli investitori per obbligazioni garantite da mutui verdi, che contribuisce a creare un business per gli istituti di credito che sono spronati a proporre mutui più allettanti a coloro che optano per case più ecologiche.

Le banche partecipanti allo schema pilota potranno esplorare tassi di interesse più bassi per i mutui che soddisfano i criteri delle linee guida, così come altre forme di finanziamento preferenziale. La partecipazione di quasi 40 importanti banche alla fase pilota è la prova che i grandi investitori riconoscono come migliore investimento le abitazioni ad alta efficienza energetica.

"L'impegno delle principali banche europee in questo progetto pilota dimostra che l’ediliza sostenibile sta diventando centrale. La rete europea di World GBC ha sviluppato criteri di rendimento energetico per nuove costruzioni e ristrutturazioni per contribuire a stabilire uno standard di mercato coerente per le banche che emettono mutui verdi". Dichiara Terri Wills, CEO di WorldGBC "Non vediamo l'ora di sviluppare gli standard nel tempo per supportare la comunità degli investitori nell'affrontare i rischi climatici".

Il gruppo di banche che partecipano al progetto pilota sta studiando come i criteri del programma possano essere applicati attraverso le loro attività di mutuo nei prossimi 1-2 anni. L'iniziativa ambisce a stabilire una nuova generazione di prodotti ipotecari che aiutino i consumatori a ridurre il consumo di energia in tutto il settore immobiliare.

Michael Lewis, CEO di E.ON UK, ha dichiarato: "I mutui verdi hanno il potenziale per sbloccare una rivoluzione dell'efficienza energetica consentendo ai proprietari di accedere a finanziamenti a prezzi accessibili attraverso i quali migliorare le loro abitazioni. Siamo orgogliosi di essere coinvolti come partner leader nell'iniziativa Energy Efficient Mortgages e riteniamo che la fase pilota lanciata oggi offra una grande opportunità per le banche, le utility e gli esperti di efficienza energetica di collaborare per trasformare una grande visione in realtà."

I Green Building Council in tutta Europa hanno condotto una consultazione di mercato all'inizio di quest'anno con oltre 500 esperti per sviluppare i criteri pilota, al fine di garantire che questi possano essere applicati in modo adeguato agli edifici a livello locale. I Green Building Council in diversi paesi stanno ora iniziando a istituire "hub" di mutui verdi per sostenere investitori e partner locali in materia di energia e costruzioni che intendono esplorare o pilotare programmi di mutuo per l'efficienza energetica. Green Building Council Italia è l’organizzazione di riferimento a livello nazionale.

Le banche che partecipano al progetto pilota sono:

1. ABN AMRO (NL)
2. Argenta Bank (BE)
3. AXA Bank (BE)
4. Banca Monte dei Paschi di Siena, BMPS (IT)
5. Banco BPM (IT)
6. Belfius Bank & Verzekeringen (BE)
7. Berlin Hyp AG (DE)
8. BNP Paribas Fortis (BE)
9. BNP Paribas (UK)
10. Groupe BPCE (FR)
11. BPER Banca (IT)
12. Caisse des Dépôts Group (FR)
13. Caixa Geral de Depósitos, CGD (PT)
14. Caja Rural de Navarra (ES)
15. Compagnie de Financement Foncier (FR)
16. Crédit Agricole (IT)
17. Crelan (BE)
18. Friulovest Banca (IT)
19. Garanti Bank (RO)
20. ING Bank (BE)
21. KBC Bank (BE)
22. Mortgage Society of Finland, Hypo (FI)
23. Münchener Hypothekenbank eG (DE)
24. Norddeutsche Landesbank, NORD/LB (DE)
25. Nordea Bank (SE)
26. Nordea Eiendomskreditt (NO)
27. Nordea Kredit (DK)
28. Nordea Mortgage Bank (FI)
29. OP Mortgage Bank (FI)
30. Rabobank (NL)
31. Raiffeisen Bank (RO)
32. Société Générale (FR)
33. Société Générale (IT)
34. Triodos Bank (BE)
35. Triodos Bank (SE)
36. Unión de Créditos Inmobiliarios, UCI (ES)
37. Volksbank Alto Adige (IT)

Green Building Councils che supportano l’iniziativa EeMAP:

  • Croatia GBC
  • GBC Finland
  • Alliance HQE - GBC France
  • DGNB (German Sustainable Building Council)
  • Irish GBC
  • GBC Italia
  • Dutch GBC
  • Polish GBC
  • GBC España
  • UKGBC
Continua a Leggere »


 /documents/20182/373496/gbc_news_workshop_04.jpg/5a822b3b-3072-4e66-bc3b-4ddbaaba79c0?t=1527851785146
31 mag 2018

Workshop LEED v4 BD+C: percorsi di conformità alternativi per l’Europa

Piazza Arnoldo Mondadori, 3
20122 Milano
c/o Goldmann & Partners

 

I percorsi di conformità alternativi di LEED - Alternative Compliance Paths (ACPs) - estendono l’applicabilità di LEED ai progetti di tutto il mondo, fornendo dei percorsi alternativi compatibili con il raggiungimento dei crediti LEED.

Per meglio comprendere come USGBC stia indirizzando questi requisiti di mercato, vi invitiamo a partecipare al workshop che si terrà mercoledì 4 luglio a Milano e avrà come focus gli ACP di recente rilascio (aprile 2018).

L’evento, organizzato da GBCI Europe e Macro Design Studio in collaborazione con GBC Italia, vedrà la partecipazione di Ingemar Hunold, capo ricerca in ambito di ACP per EnviroSustain GmbH, e il contributo di Elena Veneziani di UL su database di materiali come una risorse attendibili di informazioni di prodotti sostenibili.

I soci di GBC Italia possono partecipare al workshop al costo di 24,4€ anzichè 42,7€.

Se sei socio e vuoi usufruire dello sconto, richiedi il codice sconto a eventi@gbcitalia.org e poi iscriviti qui.

Il workshop si terrà in inglese e in italiano senza traduzione.

 

PROGRAMMA

13:30        Registration
   
14:00 Intro GBC Italia
  Giuliano Dall’O, GBC Italia President
Alessandro Lodigiani, Chapter Lombardia GBC Italia
   
14:20
 
Location & Transportation | LT Credits
Materal & Resources | MR Credits
  Ingemar Hunold
   
15:20 Material Databases featuring UL's SPOT
  Elena Veneziani
   
15:50 Networking Coffee Break
   
16:20

 
Energy & Atmosphere | EA Prerequisite and Credit
Indoor Environmental Quality | EQ Prerequisite
(including clarification for Natural Ventilation requirements)
  Ingemar Hunold
   
17:30 Debate on the application and future development of ACPs moderate
  Andrea Fornasiero, Chairman of GBC Italia Standard Committee
   
18:00 End
Continua a Leggere »


 /documents/20182/373496/EeMap.jpg/ea0ddabf-0ef6-4fd9-aa97-a89266ad2d96?t=1526628861861
18 mag 2018

Partono i mutui verdi: il webinar il 19 giugno

Piloting Energy Efficient Mortgages in Europe
Martedì 19 Giugno 2018  - 10:00 AM BST

 

Il 14 Giugno il progetto EeMAP, finanziato dall’Unione Europea nell’ambito dell’iniziativa H2020, lancerà una innovativa azione per l'avvio di un mutuo per l’efficienza energetica a scala europea, con la collaborazione di molti istituti di credito.


Il progetto EeMAP è stato citato dal Rapporto del Parlamento Europeo sulla Finanza Sostenibile, pubblicato lo scorso 16/05, in cui si indica come il progetto possa potenzialmente creare le condizioni per ridurre il rischio dell'investimento migliorando al contempo la sostenibilità ambientale:


“Calls for the analysis and encouragement of private initiatives, such as the EeMAP project on ‘green mortgages’, in order to assess and demonstrate under what conditions green assets may entail a reduction of risk for investments while at the same time enhancing environmental sustainability”


Martedì 19 giugno si terrà un webinar per scoprire quali banche hanno deciso di prendere parte e in quali paesi. In questa occasione sarà possibile scoprire come alcune società si stanno posizionando a livello europeo in qualità di leader per il mercato dei mutui e dei bond green.


La sessione sarà moderata da Dr. Stephen Richardson, capo-progetto EeMAP per la rete Europea di World Green Building Council.


Speaker:

Jennifer Johnson, Head of Legal & Economic Affairs at EMF-ECBC (coordinatore del progetto EeMAP)
Jennifer darà un aggiornamento sull’azione pilota, sulle banche che vi aderiranno e sul supporto che le istituzioni europee daranno all’iniziativa.

Barry Lynham, Direttore Globale per la Strategia e la Comunicazione per Knauf Insulation
Barry parlerà di come i mutui possono risolvere le principali barriere agli investimenti in efficienza energetica e incrementare il tasso di riqualificazione.

Rob Cartwright, Direttore Soluzioni per l’Energia per e-Tech Solutions
Rob spiegherà come la piattaforma software innovative di e-Tech può ottimizzare la valutazine delle proprietà per i mutui per l’efficienza energetica

 

I posti sono limitati. Registrati subito qui per non perdere questa opportunità!

 

Dopo la registrazione, riceverai una email di conferma contenente le informazioni per seguire il webinar.

 

Continua a Leggere »


 /documents/20182/373496/gbc_news_beirut.jpg/0fd45523-2c1e-4d04-9839-690f87f980dc?t=1525768496109
08 mag 2018

GBC Italia presenta in Libano il protocollo GBC Quartieri®

In occasione del Technical Workshop on Green Neighborhoods, tenutosi il 3 e 4 maggio a Beirut (Libano), GBC Italia ha presentato il paper “Rating systems for Green Neighbourhoods and Cities: the Italian experience”, a cui è seguita la presentazione di un esempio pratico di impiego del protocollo GBC Quartieri all’interno di iniziative di rigenerazione urbana da parte di Politecnica Ingegneria ed Architettura, società che si occupa di progettazione integrata e socia di GBC Italia.

La presentazione ha riscosso un notevole successo, in particolare per il percorso di GBC Italia nell’analisi e nell’adattamento al contesto italiano del protocollo originale americano con la creazione dello strumento GBC Quartieri. Tale operazione è stata riconosciuta come essenziale anche per il contesto libanese, dove attualmente non esistono strumenti di sostenibilità completamente compatibili e conformi al contesto nazionale.

I partecipanti libanesi, rappresentati da ingegneri, architetti, accademici e da società di consulenza, oltre ad aver dimostrato una profonda sensibilità per la disciplina tecnica, hanno condiviso l’impiego del protocollo GBC Quartieri non solo come strumento di certificazione e pianificazione, ma anche come guideline per tutti gli attori pubblici responsabili dell’incentivazione e della promozione delle buone pratiche di sostenibilità su scala urbana.

Continua a Leggere »


 /documents/20182/277605/Editata.jpg/46634984-ca28-460c-a72c-2d705ed6ddb4?t=1524830125250
27 apr 2018

GBC Italia protagonista a Greenbuild Europe

Editoriale di Giuliano Dall’Ò, Presidente Green Building Council Italia

Si è concluso da pochi giorni un evento molto importante per la nostra comunità: Greenbuild Europe, che in questa edizione si è svolto a Berlino dal 16 al 18 aprile. Mantenendo il format delle precedenti edizioni, la conferenza internazionale è stata organizzata attraverso una serie di sessioni parallele che hanno presentato e aperto al confronto casi studio molto interessanti. Un'occasione di aggiornamento su dove si sta orientando la visione del Green Building attraverso diverse chiavi di lettura, da quella tecnologica a quella economica, senza trascurare gli aspetti di un mercato, quello della sostenibilità in edilizia, che è in continua crescita anche se con ritmi diversi da Paese a Paese.
Il bilancio di questo evento è assolutamente positivo, sia per quanto riguarda la "comunità allargata" del Green Building, ossia quella internazionale non limitata all'Europa, sia per quanto riguarda la nostra comunità che in questi ultimi mesi si è dimostrata particolarmente effervescente.
Confrontarsi con ciò che si sta facendo in Europa, ma anche nel mondo è di per sé una cosa importante e utile, linfa vitale per chi vuole rimanere nel mercato in modo attivo.
La presenza di relatori italiani era consistente: un quarto delle sessioni presentate poteva infatti contare sulla presenza di relatori italiani e gli argomenti trattati hanno attratto tra le più alte percentuali di uditori.


La sessione plenaria ha avuto come relatori due veri miti del Green Building: Rick Fedrizzi, attualmente Chairman e CEO dell'International WELL Building Institute, e Mahesh Ramanujan, presidente e CEO dell'U.S. Green Building Council e del Green Business Certification Inc.. Molto interessante e coinvolgente è stato anche l'intervento, sempre programmato nella sessione plenaria di apertura, di Selina Juul, paladina del movimento che si batte da anni per evitare lo spreco di cibo. Un intervento forse non sovrapponibile al mondo dell'edilizia green, ma che testimonia la necessità di allargare la visione a tutti gli aspetti legati all'abitare sostenibile.
I temi toccati sono stati tantissimi, tuttavia quello che è emerso è che la valutazione della sostenibilità degli edifici sta facendo degli importanti salti di qualità e di scala. Il passaggio da protocolli che riguardano gli edifici a protocolli che riguardano le comunità era già stato avviato da tempo, basti pensare al protocollo LEED ND. Con il protocollo LEED for Cities tuttavia abbiamo notato una vera accelerazione e siamo veramente orgogliosi che una delle prime città certificate a scala mondiale, e la prima città europea, sia una città italiana, la città di Savona. Un ringraziamento particolare va alla sindaca Ilaria Caprioglio che grazie alla sua determinazione ha dimostrato come sia possibile realizzare dei progetti che sembrano impossibili: un esempio concreto di buona politica.


Un ulteriore elemento che viene confermato dai lavori presentati a Berlino è il salto di qualità della certificazione ambientale, sia per gli edifici che per le comunità, che si spinge a valutare le prestazioni sulla base di dati reali di funzionamento.
Una sostenibilità quindi non presunta ma monitorata costantemente: quale migliore garanzia per gli investitori oltre ovviamente che per gli utenti?
Lo strumento proposto è la piattaforma ARC promossa da GBCI che oltre ad essere un naturale complemento ai protocolli LEED (alcuni di questi, come ad esempio LEED EBOM e LEED for Cities, nascono in simbiosi con essa) si apre anche ad altri protocolli. L'obiettivo è quello di costruire una base di dati mondiale, indispensabile per avere dei benchmark condivisi e per monitorare l'evoluzione della sostenibilità non solo ambientale. Come GBC Italia garantiremo grande attenzione a questo progetto che riteniamo davvero strategico.


Ma veniamo a noi, ossia alla delegazione italiana che ha partecipato a Greenbuild Europe. La nostra delegazione a Berlino era terza per numero di presenze, dopo quella degli USA e della Germania. Un segnale forte nel contesto internazionale, molto apprezzato da Mahesh che ha ritagliato una parte del suo tempo per incontrarci, per condividere il nostro percorso, per darci spunti di riflessione per conoscerci personalmente tutti e per rafforzare quel legame già presente tra il nostro GBC e USGBC.
Un incontro bello, costruttivo, davvero stimolante e coinvolgente. Mahesh ha confermato che USGBC è al nostro fianco anche per valorizzare i nostri protocolli e la piattaforma ARC diventa uno strumento essenziale di condivisione.

Far parte di una comunità come GBC Italia è importante per una serie di motivi: chi è socio di GBC condivide una visione, quella del green building e più in generale della sostenibilità, della quale diventa protagonista per il contributo che può dare, diventa parte di un network non solo nazionale ma anche internazionale e si tiene costantemente aggiornato sulle ultime innovazioni del mercato.


La partecipazione ad eventi come Greenbuild Europe, tuttavia, aggiunge a tutto questo altri valori che diventano vantaggi ed opportunità di business nell'economia verde. Il confronto diretto, non mediato dalle piattaforme digitali, tra le persone, il parlarsi, il ragionare su stimoli esterni offerti ad esempio dai casi studio presentati a Greenbuild, cercando di valorizzare tutte le possibili sinergie è un valore aggiunto notevole all'appartenenza ad una comunità: è la linea di confine tra il far parte di una famiglia e l'essere protagonisti.
Greenbuild Europe è stata una bella esperienza per tutti, organizzata in modo eccellente da Kay Killman e dal suo staff con il supporto di USGBC.
Tutti coloro che hanno partecipato a Greenbuild sono tornati a casa con un tesoro fatto di stimoli, di visioni condivise, di idee per il presente oltre che per il futuro e di contatti fatti non solo attraverso mail o bigliettini da visita ma volti, sorrisi e strette di mano: una dimensione umana che vogliamo valorizzare anche in Italia promuovendo occasioni di incontro reale. Anche su questo ci impegneremo.

Link correlati: I vincitori al Greenbuild Europe Leadership Award 2018

 

Continua a Leggere »