05 ago 2017

Consultazione per un modello di economia circolare in Italia

Il Ministero dell'ambiente ha avviato una consultazione pubblica on line sul Documento di inquadramento e posizionamento strategico "Verso un modello di economia circolare per l'Italia".

Nel documento si legge che “Per quanto riguarda il settore rifiuti, la loro produzione (urbani e speciali) risulta pari a 178 milioni di tonnellate, di cui circa 1/3 dal settore “costruzioni e demolizione”. A fronte del dato aggregato, che rimane costante negli ultimi 5 anni, cresce la frazione idonea a processi di riciclo, aumentando così le potenzialità per rendere sempre più circolare l’economia italiana.

È quindi evidente l’importanza che il settore dell’edilizia riveste ai fini di un efficace sviluppo dell’economia circolare nel nostro paese e più in generale nel mondo.

La consultazione si concluderà il 18 settembre 2017 e come Green Building Council riteniamo opportuno contribuire con un documento, costruito e condiviso con i soci, che metta in evidenza alcuni aspetti peculiari dell’economica ricolare in edilizia.

Per questo invitiamo tutti i soci a partecipare alla consultazione pubblica attraverso un contributo diretto al Ministero o unendosi ad un'azione coordinata dall'associazione.

Per questo nelle seguenti date sono pianificate due call, aperte a tutti i soci che vogliono portare un loro contributo di commento al documento in consultazione.

  • 7 settembre 2017 ore 17.00
  • 12 settembre 2017 ore 17.00

 

La conferma di partecipazione alle attività ed eventuali contributi scritti va inviata via mail all’indirizzo comitato@gbcitalia.org entro il giorno 4 settembre 2017 .

A seguito di queste riunioni sarà elaborato e trasmesso al Ministero un documento di commento a firma di GBC Italia.

Per inviare invece il proprio contributo direttamente al Ministero è necessario registrarsi al seguente link, il contributo può essere dato anche rispondendo a un questionario.

Per altre informazioni e approfondimenti vi invitiamo a consultare la pagina del Ministero dedicata alla consultazione del Documento.



21 ago 2017

Impatto del position paper della ERN sulla revisione della EPBD 2010/31/EU

GBC Italia ha contribuito alla stesura di un position paper che la ERN ha consegnato lo scorso 21 Marzo, a Bendt Bendsten membro danese del Parlamento Europeo e referente per il processo di aggiornamento della EPBD, per sottolineare l’importanza delle strategie nazionali di riqualificazione del costruito nella revisione della Direttiva sull’efficienza energetica degli edifici (EPBD 2010/31/EU).

Il breve report riassume le proposte della ERN nel position paper e i risultati dell’incontro avvenuto lo scorso 26 Giugno presso il Consiglio Trasporti, Telecomunicazioni e Energia dell’Unione Europea.



04 ago 2017

Savona è la prima città in Europa a sperimentare LEED for Cities

Savona misurerà il livello di sostenibilità e di benessere sociale del proprio centro urbano con il nuovo protocollo di USGBC, diventando la prima città pilota d’Europa.


USGBC e GBCI hanno annunciato che Savona, città con più di 62.000 abitanti, è la prima città in Europa a registrarsi per il progetto LEED for Cities, il nuovo sistema di certificazione che combina la sostenibilità ambientale e aspetti di benessere sociale con le analisi a livello comunale, basandosi su LEED, il sistema di certificazione più diffuso al mondo per i green building.

"La città di Savona si impegna a misurare i progressi in termini di sostenibilità da condividere con gli altri in modo da poter essere un modello di riferimento per altre città che stanno cercando di partecipare a LEED for Cities", ha dichiarato Ilaria Caprioglio, sindaco della città di Savona “LEED for Cities era proprio il progetto che cercavamo. Il motto era cercare di agire avendo la dimensione di insieme, di tutto, dell’intera città. L’importante è non procedere a singole zone o senza una visione d’insieme, ma si deve raccogliere i dati, le problematiche, le criticità. Un lavoro molto lungo e impegnativo, ma che serve per costruire delle fondamenta solide e sicure per vincere la partita della sostenibilità urbana.”


LEED for Cities è uno strumento utile che fornisce alle città una struttura per misurare e gestire le prestazioni del consumo idrico, dell'utilizzo di energia, la valutazione della fruibilità dei servizi di trasporto pubblico; la produzione di rifiuti, e il benessere sociale (Human Experience) che prevede l'individuazione di parametri di benessere sociale per valutare l’uguaglianza, l’istruzione, il reddito, e lo stato di salute dei cittadini.


LEED for Cities viene gestita tramite la piattaforma di performance Arc di GBCI.

"Le città devono affrontare molte sfide oggigiorno - ha dichiarato Kay Killmann, amministratore delegato di GBCI Europe – le persone chiedono maggiore trasparenza e informazioni sui luoghi in cui vivono, lavorano e studiano. Ora più che mai, i governi locali sono laboratori di innovazione e di problem solving sociale".

Gli amministratori hanno enormi opportunità per avviare un dialogo con i cittadini, invitandoli a contribuire al progresso della città. LEED for Cities è uno strumento che fornisce ai cittadini e ai loro amministratori una visione dettagliata delle prestazioni in tutta la città.

Francesca Galati e Daniele Guglielmino, i LEED AP di questo progetto, hanno dichiarato che "LEED for Cities rappresenta un'opportunità unica per aumentare la consapevolezza sullo stato di salute, di benessere e sostenibilità su scala urbana e Savona rappresenterà il primo caso studio della Regione Europea ".

Savona va ad affiancarsi a altre importanti realtà negli Stati Uniti e in Asia che conta già più di 50 città nel mondo. Il mercato europeo rappresenta un focus particolare per USGBC e GBCI. Infatti, trattandosi del primo Comune in Europa ad aderire, il progetto sarà garantito a costo zero.

 

Link utili:

usgbc.org



05 ago 2017

Consultazione sulla Strategia Energetica Nazionale

La consultazione pubblica sulla Strategia Energetica Nazionale (scarica qui il documento) si concluderà il prossimo 31  agosto.

È importante che Green Building Council esprima una propria posizione in merito agli aspetti energetici correlati al settore delle costruzioni, raccogliendo il contributo di tutti i soci.

Nel documento è richiamata l’importanza della riqualificazione del patrimonio edilizio e sono citati alcuni meccanismi finanziari per attivarla. Temi questi che GBC ha fatto propri formulando in diverse sedi proposte concrete e sviluppando un protocollo dedicato alla riqualificazione degli edifici residenziali esistenti di imminente pubblicazione.

La nostra visione trasversale del settore può far emergere spunti di interazione e coordinamento fra la strategia energetica nazionale e lo sviluppo dell’economia circolare nel nostro paese. Per questo invitiamo tutti i soci a prendere visione anche  della proposta di consultazione del documento, “Verso un modello di economia circolare per l’Italia” del Ministero dell’Ambiente.

Per raccogliere il contributo critico di tutti i soci e le proposte migliorative alla SEN abbiamo pianificato due call nelle seguenti date:

  • 28 agosto 2017 ore 17.00
  • 29 agosto 2017 ore 17.00

 

Eventuali contributi scritti e la conferma di partecipazione alle attività va inviata via mail all’indirizzo comitato@gbcitalia.org entro il giorno 25 agosto 2017.

A seguito di queste riunioni sarà elaborato e trasmesso al Ministero un documento di commento a firma di GBC Italia.



31 lug 2017

Master BEAM Building Enviromental Assessment and Modeling – Università IUAV di Venezia

Venezia, novembre 2017 - novembre 2018
domanda di ammissione entro il 15 settembre 2017


Lo IUAV di Venezia apre le iscrizioni, per l'anno accademico 2017/2018 al Master di II livello BEAM - Building Enviromental Assessment and Modeling, il cui obiettivo è quello di formare professionisti capaci di quantificare a valutare la prestazione energetica e ambientale e l'impatto economico di edifici nuovi ed esistenti.
Il corso, che offrirà gli strumenti di scelta e di analisi per la progettazione architettonica sostenibile, trae la sua motivazione dalla necessità di formare dei professionisti capaci di comportarsi come veri e propri consulenti nel programma costruttivo, partecipando a processi di commissioning e presentandosi come esperti di certificazione ambientale e padroni delle più moderne tecniche di simulazione.
Puntando a trasformare le metodiche della progettazione, si vuole contribuire al raggiungimento di una migliore consapevolezza dei processi alla base del comportamento fisico-ambientale degli edifici e fornire competenze specifiche nel campo della modellazione e dell'analisi digitale per le verifiche funzionali, energetiche, costruttive ed economiche del progetto. I partecipanti avranno modo di acquisire un metodo di progettazione integrato, in grado di impostare un'analisi parametrica delle diverse soluzioni possibili e di individuare la proposta ottimale, e di fare proprie competenze nell'applicazione dei protocolli di verifica e monitoraggio delle prestazioni degli edifici, sia grazie all'uso di software che tramite misure in opera. Si cercherà di spingere, infine, verso la creazione di un rapporto più diretto tra ricerca e produzione, coinvolgendo nel percorso formativo imprese, aziende e strutture professionali e attivando con esse scambi di conoscenze e competenze.


Partecipazione
Possono partecipare al Master i possessori di laurea di secondo livello o vecchio ordinamento in Architettura, Ingegneria o Pianificazione. Il numero massimo di partecipanti ammessi al Master è di 20 iscritti.


Iscrizione e costi
Gli interessati dovranno presentare la domanda di ammissione, comprensiva di tutti gli elaborati specificati nel bando, esclusivamente online entro e non oltre il 15 settembre 2017. 

La graduatoria degli ammessi sarà resa nota entro il 15 ottobre 2017.

Gli studenti ammessi dovranno formalizzare l'iscrizione effettuando l'immatricolazione, entro il 22 ottobre 2017, sempre attraverso il sito internet. La domanda di immatricolazione dovrà essere anche presentata personalmente all'indirizzo specificato nel bando o inviata via mail a master@iuav.it o via fax.

La partecipazione al Master richiede il versamento di una quota di iscrizione pari a 6.000 € da saldare secondo le modalità e i tempi specificati nel bando. È ammessa, inoltre, l'iscrizione a singoli moduli al costo di 2.000 € ciascuno.


Stage
Il Master prevede anche la partecipazione ad uno stage da svolgere all'interno di aziende, imprese costruttrici o studi professionali durante il quale lo studente avrà la possibilità di mettere in pratica gli strumenti acquisiti con la formazione teorica, approfondire alcune delle tematiche trattate a lezione e lavorare all'elaborazione della tesi. 


Appuntamento
da novembre 2017 a novembre 2018
Palazzo Badoer, San Polo 2468, Venezia e Laboratorio di fisica tecnica ambientale FISTEC, via Torino 153/A, Mestre – Venezia.

Scarica qui la locandina.