Salta al contenuto


 /documents/20182/507116/Senza-titolo-1.jpg/cef44bc0-42e2-4d24-975e-c4ada208693e?t=1538062995623
27 set 2018

LEED: la certificazione aumenta il valore dell’immobile fino all’11%

La prima ricerca italiana sul valore degli immobili certificati LEED® attesta l'apprezzamento del mercato. L’aumento di valore riconosciuto è tra il 7 e l’11% in più rispetto agli immobili privi di certificazione ambientale. La ricerca, realizzata da Rebuild in collaborazione con CBRE e GBCI Europe, verrà presenta in occasione di REbuild Milano, il 2 ottobre a Milano, evento al quale parteciperà anche GBC Italia, come ente di riferimento per la promozione di LEED in Italia e per il green building.

Il mercato premia gli immobili con la certificazione LEED riconoscendo nella sostenibilità un elemento decisivo per orientare le scelte di investimento: il mercato apprezza di conseguenza il valore dell’asset immobiliare con un incremento tra il 7 e l’11% in funzione della qualità della certificazione.

L’effetto della certificazione non si limita alla diversa valorizzazione dei beni, ma incide sui tempi della loro commercializzazione. L’indagine, condotta sul mercato milanese, evidenzia un significativo miglioramento dei tempi di collocamento sul mercato delle superfici a uso terziario, se l’immobile è certificato.

L’effetto congiunto dei due effetti rilevati nell’indagine - aumento dei prezzi e maggiore rapidità di collocazione sul mercato - determina un aumento del rendimento dell’investimento: un segnale dunque di rilievo per gli investitori per i quali la sostenibilità non è solo una scelta etica, ma un’opportunità per superiori prestazioni economiche e finanziarie.

Questi in sintesi i dati di una ricerca realizzata da REbuild Italia (piattaforma per l’innovazione delle costruzioni italiane), in collaborazione con CBRE (leader al mondo nella consulenza immobiliare) e GBCI Europe (ente terzo che gestisce la certificazione di sostenibilità LEED Leadership in Energy and Environmental Design nel mondo) su immobili locati di grande taglia destinati a operatori professionali nel cuore del centro urbano di Milano e nel distretto Porta Nuova. 

“Dalla ricerca, che verrà integralmente presentata il 2 Ottobre pomeriggio a Milano in occasione di REbuild, emerge chiaramente che il mercato distingue la qualità specifica della certificazione LEED soprattutto nelle versioni Gold e Platinum, rispetto a immobili privi di certificazione, evidenziando una preferenza della domanda per immobili contraddistinti da superiori standard ambientali” conferma Ezio Micelli, Presidente del Comitato scientifico di REbuild.

Questo conferma analoghe indagini condotte, in particolare nel Regno Unito, da RICS che mette in luce la tendenza del mercato immobiliare italiano a riconoscere in modo sempre più netto il ruolo della sostenibilità nella creazione di valore.

“Questa ricerca – dichiara Federica Saccani, Head of Building Consultancy & Sustainability di CBRE Italia - dimostra come anche a Milano la certificazione LEED rappresenta un vero elemento di attrattività per gli investor. I risultati, che per la prima volta riescono a quantificare quello che finora è stato solo un dato qualitativo, confermano che le transazioni di immobili certificati sono più rapide e performanti”.

I programmi di certificazione di sostenibilità a livello di edificio sono diventati parte integrante del settore immobiliare commerciale e il mercato dei capitali ha iniziato a prenderne atto. Le aziende e gli investitori sono attenti ai temi della sostenibilità e considerano i fattori ambientali, sociali e di governance (ESG) come le migliori pratiche da seguire.

Kay Killmann, Direttore di GBCI Europe, punto di riferimento europeo per i Green Building Council continentali evidenzia che “Questo è il primo rapporto in Europa che analizza in profondità i benefici della certificazione LEED. Certificazione che oltre a una serie di significativi vantaggi tangibili apporta molti benefici in grado di ridurre i rischi. Infatti gli edifici certificati LEED non solo risparmiano energia, acqua, materiali e risorse e generano meno rifiuti ma le organizzazioni che occupano tali spazi verificano in misura crescente i loro benefici diretti in termini di incremento di salubrità e produttività e di riduzione del turnover del personale”.

Continua a Leggere »


 /documents/20182/507116/gbc_news_remtech.jpg/ce6479b6-6900-49e4-840d-1c382077c9a1?t=1538121257468
27 set 2018

GBC Italia al Festival Internazionale

Venerdì 5 ottobre GBC Italia sarà al Festival Internazionale a Ferrara con il convegno "Rigenerazione Urbana e Adattamento ai Cambiamenti Climatici", per discutere della riprogettazione e della trasformazione urbana. Rigenerezione, resilienza e adattamento ai cambiamenti climatici saranno le parole chiave dell'evento, organizzato da RemTech Expo in collaborazione e con il patrocinio di GBC Italia.

Tra i relatori il nostro vicepresidente Marco Mari e il Direttore Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Ispra  Alessandro Bratti.

L'evento, gratuito ed aperto a tutti, si terrà presso la Residenza Municipale di Ferrara (Sala Arengo).

Scarica il programma dell'evento: clicca qui.

Per informazioni:

RemTech Expo
+39 0532 909495
+39 0532 900713
secretariat@remtechexpo.com

Continua a Leggere »


 /documents/20182/507116/gbc_wgbw_amatrice.jpg/4fce43e3-ed5c-453b-98a1-f0dc3ed4e573?t=1537966568641
26 set 2018

Ad Amatrice il primo hotel registrato GBC Home

Venerdì 28 settembre alle ore 11 presso il Ristorante il Castagneto sito Nell’Area Food di Amatrice avverrà la presentazione del primo edificio della Ricostruzione Post Sisma 2016 che si andrà a certificare con il Protocollo GBC Home.

L’edificio Albergo-Ristorante Il Castagneto è un “unicum in Amatrice ed in Italia perché è il primo Albergo-Ristorante che si Certificherà con il protocollo GBC Home”. Sarà Sostenibile, in quanto il progetto e la realizzazione delle opere saranno verificate e certificate in conformità di questo innovativo protocollo, il tutto con particolare attenzione alle prestazioni energetiche, alla riduzione degli impatti ambientali e alla massimizzazione di comfort e salubrità degli ambienti interni. Unicum, in quanto prima realizzazione nel territorio di Amatrice ma perfettamente allineata alle prassi internazionali che fanno dell’Edilizia Sostenibile il principale modus operandi a garanzia delle prestazioni e degli investimenti.

L’evento, inserito nel programma internazionale della World Green Building Week avverrà in contemporanea a molte altre iniziative che si svolgeranno dal 24 al 30 settembre in tutto il mondo e contribuirà alla diffusione concreta di pratiche di edilizia sostenibile di pregio.

L'evento avrà la forma di un incontro/colazione, organizzato come un happening in cui, in maniera leggera e smart, verranno spiegati i dettagli di cosa significa avere cura dell’ambiente nella filiera edilizia d’eccellenza.

Continua a Leggere »


 /documents/20182/507116/join-us.jpg/429de490-52e9-499e-8aeb-e767859066af?t=1537953789413
26 set 2018

Questo è il momento perfetto per diventare socio!

Dal 1 ottobre fino al 31 dicembre, se entri in GBC Italia paghi la quota associativa 2018 che rimarrà valida anche per tutto il 2019!*

Perchè diventare socio? Questi solo alcuni dei vantaggi di cui puoi usufruire già da subito:

Opportunità di visibilità
Convegni, riviste di settore, sito di GBC Italia, newsletter e social media.

Logo Socio GBC Italia
Garanzia di indipendenza nel segno di un movimento sovranazionale.

Partecipa all'evoluzione del mercato
Condividi le tue conoscenze ed esperienze nel campo della sostenibilità.

Network di contatti del settore
A livello locale, nazionale e internazionale.


Cosa aspetti? Associati!

Per maggiori informazioni consulta il sito o contattaci:
0464443452
segreteria@gbcitalia.org

 

*La promozione è valida per tutti i nuovi soci e per i soci recessi da più di 3 anni.

Continua a Leggere »


 /documents/20182/507116/evento-gbc-news-veneto.jpg/11e33d2f-bdbb-4c44-a019-fc5be962d7ed?t=1537880206660
25 set 2018

Nasce Venetian Green Building Cluster

La nuova Rete Innovativa Regionale "Venetian Green Building Cluster" riunisce gli operatori veneti della filiera dell’edilizia e delle costruzioni per accelerare la trasformazione green dell’intero settore

Imprese, università e associazioni di categoria del Veneto uniscono le proprie forze per creare una rete votata all’innovazione nell’ambito della edilizia sostenibile. È questa la missione di Venetian Green Building Cluster che riunisce gli operatori veneti della filiera dell’edilizia e delle costruzioni, nell’intento di accelerare la trasformazione green dell’intero settore, sostenendo processi di rigenerazione urbana ed edilizia sostenibile, promuovendo nuovi modelli di business connessi allo sviluppo di città intelligenti, all’Industria 4.0, alla trasformazione del mercato immobiliare, alla limitazione del consumo di suolo.

L’aggregazione è stata riconosciuta dalla Regione Veneto, con delibera 1304 della Giunta, pubblicata il 25 settembre sul Bollettino Ufficiale, come Rete Innovativa Regionale. Le Reti Innovative Regionali, definite dalla Legge Regionale del 30 maggio 2014 n. 13, sono sistemi di imprese e soggetti pubblici con sede in Veneto che operano in filiere strategiche per l’economia regionale, e promuovono iniziative e progetti rilevanti per l’economia del territorio.

Venetian Green Building Cluster, promossa dal Chapter Veneto di Green Building Council Italia, da Confindustria Venezia Rovigo, Fondazione Univeneto, CNA Veneto, ANCE Veneto, Unioncamere Veneto, Confartigianato Veneto, ANACI Veneto, conta – al momento - più di 80 aziende; la Rete lavorerà per lo sviluppo di un contesto urbano sostenibile, vivibile, attrattivo e competitivo, e favorirà la diffusione di un’edilizia ad alte prestazioni energetiche e ambientali. Il cluster darà vita a progetti di ricerca e innovazione che vedranno la collaborazione delle Università del Veneto e delle piccole, medie e grandi imprese, raccogliendo fondi regionali e nazionali e diventando punto di riferimento per l’aggiornamento professionale del settore e interlocutore strategico per le amministrazioni.

La collaborazione tra università e imprese venete - già protagoniste dell’innovazione nel mondo - sarà diretta allo studio ed alla sperimentazione, ad esempio, di metodologie e tecnologie innovative a supporto della progettazione sostenibile di edifici e città, del restauro conservativo, del miglioramento delle performance di impianti ed involucri, dell’invenzione di nuovi materiali, della definizione di nuovi modelli finanziari in grado di sostenere la trasformazione del mercato.
Il Veneto è già all’avanguardia in questo settore e la sua accentuata sensibilità green emerge anche dai dati: secondo l’Annuario Statistico Regionale l’80% delle imprese è green e il 60% mira a ridurre il proprio impatto ambientale fin dalla fase di progettazione. Inoltre, la naturale vocazione all’export spinge il Veneto a migliorare ulteriormente gli standard ambientali dei propri prodotti e servizi.

L’iniziativa regionale risponde ad un trend generale contenuto nell’Agenda 2030 dell’ONU per lo sviluppo sostenibile e la Strategia Energetica Nazionale 2017, il piano decennale del Governo per anticipare e gestire il cambiamento energetico e che incoraggiano un miglioramento delle performance, soprattutto in ambito residenziale.

È possibile aderire al progetto chiedendo informazioni a:
chapter.venetofvg@gbcitalia.org
Ing. Mauro Roglieri - Tel. +39 041 50 93 110
Continua a Leggere »