Salta al contenuto


 

Sviluppiamo un quadro di indicatori per valutare l'impatto delle iniziative delle città  sulle policy nazionali ed europee  per la riqualificazione degli edifici e accresciamo la leadership e le competenze delle pubbliche amministrazioni nazionali per la decarbonizzazione del patrimonio edilizio europeo.

DOWNLOAD GRATUITI

 Report | Bringing embodied carbon upfront
 Report | How to include building renovation in your Sustainable Energy and Climate Action Plan
 

CONTATTI

Sito: https://www.worldgbc.org/build-upon
Mail: valentina.marino@gbcitalia.org

 

This project has received funding from the European Union's Horizon 2020 research and innovation programme under Grant Agreement No 840926. The sole responsibility for the content of this website lies with the authors. It does not necessarily reflect the opinion of the European Union. Neither the EASME nor the European Commission are responsible for any use that may be made of the information contained therein.



 /documents/20182/1501289/gbc-italia-focus-group-bu2.jpg/f9559af1-bc00-41ce-a6ed-f0c21da99110?t=1590746838463
29 mag 2020

Focus group italiano del progetto BUILD UPON²

Lo scorso 8 e 15 maggio si è svolto il Focus Group del progetto BUILD UPON2 che intende sviluppare un Framework di indicatori per valutare i benefici delle azioni di riqualificazione a scala urbana.

La struttura di indicatori sarà uno strumento di supporto alle città Italiane per contribuire alla strategia nazionale di riqualificazione e assicurarsi che le iniziative intraprese a scala locale siano allineate con le priorità politiche nazionali ed europee. Lo strumento conterrà un insieme di milestone e indicatori misurabili, in grado di integrare dati e informazioni raccolti alla scala locale. Il Framework di indicatori sarà testato da 8 Città Pilota europee del progetto, inclusa la città di Padova, per 6 mesi a partire da Luglio 2020

Il Focus Group si è posto l’obiettivo di coinvolgere i principali esperti nazionali e le pubbliche amministrazioni per valutare l’appropriatezza degli indicatori e di definire le azioni necessarie per utilizzare lo strumento in Italia.

Hanno partecipato su invito numerose Amministrazioni Pubbliche tra cui 7 città (Brescia, Mantova, Milano, Padova, Parma, Pesaro e Roma) e 6 regioni (Provincia di Trento, Piemonte, Lombardia, Veneto, Friuli Venezia Giulia e Marche), alcuni enti nazionali (ENEA, ISPRA), le associazioni impegnate per la sostenibilità (tra cui Fondazione Sviluppo Sostenibile), tre università (Politecnico di Milano, Università di Brescia e Università Bocconi) e alcuni rappresentanti del settore professionale che si dedicano alla riqualificazione, alla rigenerazione urbana e all’ambiente (tra cui il nostro socio Ambiente Italia) e alcuni rappresentanti del settore dell’energia (tra cui EDISON).

Tra i risultati degli incontri è rilevante citare che il Framework proposto dal progetto BUILD UPON2 è stato considerato di grande interesse per la capacità di valutare gli impatti degli interventi di riqualificazione a 360 gradi e di allineare la verifica del raggiungimento degli obiettivi di sostenibilità alle diverse scale, nazionale regionale e locale.

Per facilitare l’utilizzo del Framework di indicatori sarà necessario supportare le amministrazioni locali con strumenti e competenze per organizzare la raccolta dati e monitorare il progresso degli indicatori nel tempo.

Nelle prossime settimane sarà reso pubblico il report dell’incontro. Vi invitiamo a seguire gli sviluppi del progetto nella pagina web dedicata.

Continua a Leggere »


 /documents/20182/1424562/renovation+wave.jpg/69ff9783-df2f-48c5-8333-75c4cafeaa4f?t=1588153643839
29 apr 2020

Diamo il via alla Renovation Wave: il nuovo rapporto del progetto BUILD UPON²

L'Europa ha colto il suo momento "primo uomo sulla luna", cercando di rendere possibile ciò che sembra apparentemente impossibile. Nel definire una visione coraggiosa per diventare il primo continente neutrale dal punto di vista climatico, l'UE sta cercando di promuovere una "corsa allo spazio" globale per azzerare le emissioni. Uno dei percorsi centrali per raggiungere questo obiettivo è l'iniziativa "Renovation wave", prevista dall'Europa per affrontare il problema dell'inefficienza energetica del patrimonio edilizio europeo. Il nuovo report del progetto BUILD UPON² evidenzia come le città e le aziende leader si stiano impegnando per un patrimonio edilizio a zero emissioni. Contribuisci anche tu!

Per leggere il report clicca qui.

BUILD UPON² è un progetto guidato da un gruppo di Green Building Council (tra cui GBC Italia) della rete europea di WorldGBC in collaborazione con Climate Alliance e BPIE. Il progetto vuole supportare l'attuazione di strategie di riqualificazione richieste dalla legislazione europea aiutando le città nel raggiungimento degli obiettivi di decarbonizzazione al 2050, attraverso il potenziale degli edifici.

---

Il progetto BUILD UPON² è finanziato nell’ambito del programma quadro di ricerca e innovazione H2020 con il contratto n. GA 840926.

 

Continua a Leggere »


 /documents/20182/1424562/gbc-news-green-deal.jpg/dad095ac-5ae8-4979-a4b4-cc09fbf047d1?t=1587123901748
17 apr 2020

Il ruolo fondamentale del Green Deal per la ripresa economica europea

L'attuale Commissione europea si concentra sulla realizzazione di un "Green Deal per l'Europa". L'obiettivo del Green Deal è quello di realizzare un'Europa neutrale dal punto di vista climatico entro il 2050 e molte delle politiche e delle leggi di punta per realizzare questo obiettivo sono state pubblicate il mese scorso.

Tuttavia, il panorama politico è cambiato radicalmente a causa della crisi conseguente all’emergenza sanitaria globale. La Commissione ha fortunatamente resistito alle richieste di alcuni operatori del settore di ritardare il Green Deal a causa della crisi e ha invece insistito sul fatto che il Green Deal dovrebbe ora essere al centro della ripresa economica.

Lo scorso 9 aprile è stata resa pubblica una lettera aperta sul ruolo che il Green Deal può avere nella ripresa europea, sottoscritta da 13 ministri europei per le politiche ambientali e climatiche tra cui il ministro italiano Sergio Costa (MATTM). Nella lettera i ministri dichiarano che

“La capacità di agire dell'UE dipende in gran parte dalla nostra capacità di lavorare insieme in modo solidale per costruire il ponte tra la lotta contro Covid-19, la perdita di biodiversità e il cambiamento climatico”.

Una parte fondamentale del Green Deal sarà il focus sulla riqualificazione, la cosiddetta "Renovation wave", e molti stanno ora valutando il ruolo che questa potrebbe svolgere nel guidare la ripresa economica grazie alle ricadute positive sul cambiamento climatico, sulla ripresa economica e sulla resilienza delle comunità.

BPIE, partner insieme a GBC Italia e ad altri GBC e organizzazioni europee del progetto europeo Build Upon2, ha recentemente pubblicato un piano d’azione per la Renovation Wave che sottolinea il ruolo fondamentale della riqualificazione degli edifici per la ripresa economica europea.

GBC Italia è attivo nel contesto delle policy per il Green Deal Europeo attraverso molte delle proprie attività, come espresso nel Manifesto Un ambiente costruito sostenibile per l’Italia del futuro.

Il Manifesto di GBC Italia sarà presentato lunedì 20 aprile attraverso un webinar aperto a tutti in cui interverranno: Giuliano Dall’Ò, Presidente GBC Italia, James Drinkwater, Direttore Europe Regional Network World GBC, Josefina Lindblom, DG Environment European Commission.

Per maggiori info e per l’iscrizione al webinar clicca qui.
Continua a Leggere »


 /documents/20182/1205057/news-report-build-upon-2.jpg/c994fb01-30b7-4ba6-b873-6912f01c56f8?t=1578483512148
08 gen 2020

Come includere la ristrutturazione degli edifici nel piano nazionale per l’energia e il clima

È disponibile per il download il rapporto “How to include building renovation in your Sustainable Energy and Climate Action Plan”, scritto da BPIE e pubblicato per il progetto europeo Build Upon 2 del programma quadro H2020. Il report mappa le possibili sinergie tra obiettivi politici a livello locale e nazionale, e fornisce suggerimenti su come le iniziative di rinnovo locali possano essere debitamente prese in considerazione nella stesura e nell'implementazione di riqualificazione di lungo periodo, al fine di creare una forte politica di rinnovamento nel settore dell'edilizia.

La politica nazionale di efficienza energetica è ampiamente determinata dal quadro giuridico dell'UE e molte delle misure nazionali di efficienza sono il risultato diretto dell'attuazione delle direttive dell'UE (in particolare dal pacchetto "Clean Energy for all Europeans").

Per quanto riguarda la politica immobiliare a livello nazionale, gli Stati membri sono tenuti a preparare strategie di ristrutturazione a lungo termine per raggiungere un patrimonio edilizio altamente decarbonizzato ad alta efficienza energetica entro il 2050.

Allo stesso tempo, gli enti regionali e locali svolgono un ruolo importante nel condurre e realizzare iniziative sul clima dell'UE, non solo nella stesura e attuazione della politica immobiliare, ma spesso nell'attuazione di obiettivi locali ancora più ambiziosi.

Inoltre, anche se le decisioni provengono da un livello di governance più alto, i lavori di ristrutturazione e costruzione vengono eseguiti a livello locale, con un impatto sulla comunità locale. A livello comunale, i firmatari volontari del Patto dei sindaci (CoM) sono tenuti a creare la propria politica e il proprio quadro per raggiungere gli obiettivi climatici, chiamati Piani di azione per l'energia e il clima (SECAP). Il settore dell'edilizia è uno dei principali settori di azione questi Piani nazionali per l’energia e il clima.

DOWNLOAD REPORT
Continua a Leggere »


 /documents/20182/1168109/Summit+BU2.JPG/3787bc44-68ec-4842-945b-3a9fd14773b8?t=1576755471698
19 dic 2019

Gli esiti del primo Summit dei leader europei per la decarbonizzazione

Più di 150 stakeholder si sono riuniti lo scorso 3-4 Dicembre a Bruxelles per il primo Summit Europeo dei progetti Build Upon2 e Advancing Net Zero.
Insieme a GBC Italia hanno partecipato rappresentanti di Città e aziende che si stanno impegnando in azioni di decarbonizzazione degli edifici.


I soci DEERNS, COIMA, MANENS-TIFS e ITALCEMENTI hanno partecipato ai lavori rappresentando il punto di vista degli stakeholder nazionali sulle opportunità di raggiungere gli obiettivi al 2050 e sulla necessità di allineare le azioni alle diverse scale: dalle politiche nazionali al contributo degli edifici e delle imprese. DEERNS in particolare ha annunciato la sua adesione al progetto Advancing Net Zero impegnandosi a decarbonizzare tutte le attività operative e gli uffici al 2025.


Il vicesindaco della città di Padova (città pilota), Arturo Lorenzoni ha presentato i piani e le azioni per gli interventi di efficienza energetica sugli edifici residenziali e pubblici. Insieme alle città di Roma, Pesaro e Brescia (città follower), il vicesindaco ha partecipato ai tavoli di lavoro dedicati al dibattito sulle azioni necessarie per realizzare la decarbonizzazione in ambito urbano e sulla valutazione dell’impatto delle iniziative locali.
Molte sono state le testimonianze di città europee e aziende globali che hanno deciso di mettersi in gioco per guidare il mercato verso approcci a zero emissioni di carbonio. Da tutti i settori è stata sottolineata l’importanza di mettere al centro il valore delle persone, siano essi i cittadini o gli utenti degli edifici, e l’importanza delle partnership, per raggiungere gli obiettivi climatici.
Nel progetto Advancing Net Zero, GBC Italia promuove le migliori pratiche nazionali in termini di edifici a emissioni zero.
L’associazione è inoltre partner del progetto Build Upon2 che mira a definire una struttura di indicatori per la valutazione dell’impatto delle iniziative delle città rispetto agli obiettivi delle strategie nazionali a lungo termine per la riqualificazione degli edifici.

Maggiori informazioni sul progetto Build Upon2 qui
Maggiori informazioni sul progetto Advancing Net Zero qui

Continua a Leggere »