Salta al contenuto
28 feb 2018

L’oro blu: la gestione della risorsa acqua - Milano

Quali soluzioni permetto un buon risparmio idrico in edilizia? Quali sono i migliori processi di gestione (recupero, depurazione, trattamento) dell’acqua?
 

Queste sono alcune delle domande a cui si cercherà di rispondere il 22 marzo 2018 dalle 14.00 alle 18.00 a Milano (Acquario civico) in occasione della giornata mondiale dell’acqua, per porre l’attenzione su una risorsa preziosa che non deve essere sprecata.

La carenza di acqua potabile è una delle sfide più importanti che il mondo deve affrontare e rappresenta anche il problema più grave del terzo millennio, ma non si stanno ancora prendendo provvedimenti adeguati se non in casi di emergenza come a Roma la scorsa estate.
L’edilizia può giocare un ruolo fondamentale e contribuire preventivamente alla salvaguardia e alla gestione efficiente dell’acqua.

Il convengo si pone l’obiettivo di analizzare il tema del risparmio idrico urbano, approfondendo le strategie per uno sviluppo sostenibile delle reti idriche e il contributo degli edifici al risparmio, attraverso la presentazioni di casi applicativi esemplari.


____
 

PROGRAMMA

 

Saluti Istituzionali

Giuliano Dall’Ò, Presidente Green Building Council Italia
Marco Granelli, Assessore a Mobilità e Ambiente, Comune di Milano

 

Il sistema idrico integrato
Luca Montani, MM SpA

 

Il consumo dell'acqua negli edifici e nei sistemi urbani
Davide Chiaroni, Politecnico di Milano

 

Il risparmio della risorsa idrica nei i CAM edilizia e i protocolli energetico-ambientali
Eliana Perucca, Capogruppo Area Gestione delle Acque del Comitato Standard di GBC Italia | Ai Engineering

 

L’efficienza idrica all’interno degli edifici
Stefano Crotti, Ideal Standard

 

Il recupero e la depurazione delle acque
Fausto Rebagliati, REDI


Il ripristino e la tenuta impermeabile del sistema idrico integrato: come evitare il dispendio della risorsa acqua
Guido Cometto, Supershield Italia

 

Case history di edifici certificati con elevata efficienza idrica
Mattia Mariani, Deerns Italia

_____
 

Scarica la locandina
 

Crediti formativi: in fase di richiesta
 

Iscriviti qui!

 
Continua a Leggere »
26 feb 2018

Criteri Ambientali Minimi: nuova pubblicazione

Green Building Council Italia e il gruppo di lavoro CAM-Codice Appalti stanno lavorando in modo attivo per redigere un documento e dei corsi di formazione a supporto dell’applicazione dei Criteri Ambientali Minimi in Edilizia attraverso l’utilizzo dei protocolli LEED e GBC.


In linea con le attività dell’associazione, segnaliamo la recente pubblicazione di Maggioli a cura del segretario del Chapter Sicilia di GBC Italia Toni Cellura: un aggiornamento sui CAM  Edilizia che si applicano a tutti gli appalti pubblici di nuova costruzione, ristrutturazione, manutenzione degli edifici e gestione dei cantieri, alla luce del nuovo Decreto del Ministero dell’Ambiente (D.M. 11 ottobre 2017, pubblicato nella G.U. del 6 novembre).

Il decreto è entrato in vigore il 7 novembre 2017. Il nuovo CAM Edilizia sostituisce integralmente il precedente, emanato circa un anno prima, e contiene alcuni aggiornamenti e modifiche, derivanti dall’adeguamento e l’armonizzazione con le nuove disposizioni presenti nel correttivo al Codice degli Appalti (D.Lgs 56/2017), alcune interpretazioni pubblicate nelle F.A.Q. emanate dal Ministero dell’Ambiente , oltre a svariate novità, consistenti nell’inserimento di criteri ex novo.Il risultato è un vero e proprio restyling, dal momento che le variazioni proposte sono da ritenersi un serio e riuscito tentativo di armonizzare il testo alla normativa e alle direttive nel frattempo emanate, ottenendo il risultato di migliorare quanto contenuto nei due decreti precedenti.

 

Nell'E-book pubblicato dalla Maggioli vengono illustrate le novità e la portata delle variazioni introdotte nel nuovo D.M.

 

Il nuovo testo risulta corredato, per singoli criteri, di schede riepilogative e da tabelle sinottiche, per ognuno dei criteri viene indicata la fase in cui si applica: progetto, gara, esecuzione. Inoltre nelle tabelle e schede risultano indicati, per singoli criteri, i riferimenti normativi, gli obiettivi del singolo criterio e le verifiche previste per la dimostrazione del requisito.

 

Visualizza la pubblicazione qui.

Continua a Leggere »
23 feb 2018

Heritage & Sustainability - Restauro e ricostruzione sostenibile del patrimonio culturale italiano

Il 23 marzo si terrà presso il Salone del Restauro di Ferrara il convegno "Heritage & Sustainability. Restauro e ricostruzione sostenibile del patrimonio culturale italiano".


Un momento di riflessione per sottolineare l’importanza di coniugare Territori, Cultura e Sostenibilità.

Come dimostrano le esperienze di molti altri paesi europei, e alcuni casi italiani, la rigenerazione urbana e territoriale è un ambito dove l’azione congiunta di pubblico e privato può sviluppare rilevanti vantaggi economici, sociali e culturali valorizzando patrimoni edilizi e territoriali ora degradati, o comunque inadeguati sotto il profilo strutturale, tipologico, energetico e ambientale.

Condizione essenziale per un’azione realmente costruttiva è, ovviamente,  il totale e convinto rispetto dei territori, delle radici culturali e del genius loci, ma anche e sopratutto di quanto richiesto dal recente quadro normativo nazionale e internazionale in materia di green economy e in merito ai temi di sostenibilità e monitoring applicati all’ambiente costruito.

Nel convegno verranno analizzate da un punto di vista sia accademico che di produzione normativa e programmazione territoriale le tematiche correlate al restauro e alla ricostruzione sostenibile del patrimonio culturale italiano.

L’evento è strutturato in due parti, la prima basata su relazioni volte a definire e inquadrare i temi in discussione, cui seguirà una seconda sotto forma di tavola rotonda avente l’obiettivo di riflettere, sulla base delle più recenti esperienze, sulla coniugazione di efficaci strategie di sostenibilità e relative certificazioni, finalizzate ad una parte importante del patrimonio immobiliare e storico-culturale del nostro Paese e della valorizzazione delle competenze distintive di tutti gli attori della filiera che vengono coinvolti nelle opere.
 

Crediti Formativi: 4 CFP per architetti

Visualizza qui il programma del convegno

L'ingresso al Salone del Restauro è gratuito previa registrazione obbligatoria.

Per maggiori informazioni: www.salonedelrestauro.com

 

 

Continua a Leggere »
20 feb 2018

In Italia la domanda di mutui verdi è alta

L’accesso a finanziamenti accessibili è stato a lungo l'ostacolo principale per realizzare interventi di efficientamento energetico da parte dei consumatori europei.


Tuttavia, un nuovo studio pubblicato da E.ON, un'importante utility attiva in diversi paesi Europei, dimostra che il prodotto finanziario proposto dall’iniziativa EeMAP, un mutuo per l’efficienza energetica, potrebbe essere proprio la risposta che molti stanno cercando. Lo studio è stato svolto nell’ambito dell’iniziativa EeMAP che mira a definire un nuovo mutuo per l’efficienza energetica in cui E.ON è partner e di cui GBC Italia sta guidando la fase di presentazione e attuazione a livello nazionale insieme ad Unicredit e RICS. L’iniziativa EeMAP ambisce ad incoraggiare le banche a offrire mutui con un tasso più conveniente o con un credito superiore a coloro che sono disposti a investire in proprietà energeticamente efficienti, aiutando così l’Europa a raggiungere i propri obiettivi climatici.


Con tutti gli schemi di finanziamento che hanno già dimostrato di riscuotere uno scarso interesse, perché questo prodotto dovrebbe essere scelto dai consumatori europei?
Questa è la domanda che si è posta E.ON, a supporto della bozza recentemente pubblicata dello strumento pilota che sarà lanciato la prossima estate da un gruppo di banche pioniere.


Con un ampio lavoro di consultazione, è stata presentata l’idea di mutuo per l’efficienza energetica a gruppi di consumatori in Germania, Italia, Svezia e Regno Unito. Le principali conclusioni sono:

  • L’idea è stata recepita molto positivamente in Italia, Svezia e Regno Unito, invece il suo interesse è più limitato in Germania, dove esiste già un simile programma statale di efficienza energetica
  • L'appeal per i consumatori è stato più alto in assoluto in Italia (80% ha risposto: molto/abbastanza allettante), seguito dal Regno Unito (il 66% ha risposto: molto/abbastanza attraente). Pertanto, l'Italia e il Regno Unito sono stati raccomandati tra i paesi europei più promettenti per lo schema pilota.
  • I consumatori gradiscono l'opzione di una riqualificazione energetica chiavi in mano, completamente gestito da una terza parte, ma allo sesso tempo vogliono poter perseguire un approccio più personalizzato.
  • I principali punti di forza del prodotto per il consumatore sono la capacità di supportare una migliore gestione finanziaria, una migliore gestione dell'energia e una migliore gestione del valore della proprietà.
  • Garantire audit energetici gratuiti come parte della misura risulterebbe un incentivo molto conveniente per i consumatori

Il report completo della ricerca di mercato svolta da E-ON è disponibile qui.
Per contribuire alla definizione dello schema pilota di mutuo per l’efficienza energetica, puoi partecipare alla consultazione pubblica rispondendo al sondaggio disponibile qui entro il 12 marzo.

_________________________________________
Questo articolo è parte di una serie di post con cadenza settimanale per divulgare le notizie più interessanti trasmesse dal network di EeMAP (Energy Efficient Mortgage Action Plan) di cui anche GBC Italia fa parte attraverso l'Europe Regional Network del World GBC. Si tratta di una iniziativa europea guidata dalla European Mortgage Federation che intende creare un prodotto finanziario standardizzato a livello europeo: un mutuo per l’efficienza energetica per incentivare i proprietari a migliorare l’efficienza energetica dei propri edifici.
Leggi gli altri articoli qui.

Continua a Leggere »
19 feb 2018

CLOSED POSITION: Cerchiamo un grafico – web designer

Siamo alla ricerca di candidati per la selezione di un grafico web designer che lavori all’interno di Green Building Council Italia nel settore dell’edilizia sostenibile.

Settore: Edilizia
Tipo di impiego: collaborazione
Sede: GBC Italia, Piazza Manifattura 1, 38068 Rovereto (TN)
 
Descrizione del lavoro:
Il candidato si occuperà principalmente di sviluppare tutte le attività di graphic design e di gestione dei canali digitali dell’associazione: dal website content management alla realizzazione di visual per social network e campagne adv, fino alla creazione di nuove pagine del sito web.
Il candidato ideale è una persona dedita al mondo del digital, della grafica web e del foto editing secondo le ultime tendenze di grafica pubblicitaria.

Ci aspettiamo di incontrare persone che dimostrino di possedere buone capacità comunicative e che abbiano un elevato spirito creativo, una forte passione per il proprio lavoro e una spiccata attenzione per le problematiche ambientali.


Competenze ed esperienze richieste:

  • Progettazione e realizzazione del materiale grafico a sostegno delle attività di comunicazione
  • Ottima conoscenza di Photoshop, Illustrator, InDesign, e LiveCycle o strumenti analoghi
  • Creazione e modifica di articoli e pagine web tramite CMS LifeRay
  • Capacità di realizzare lavori grafici coordinati a partire da concept strategici
  • Progettazione grafica e realizzazione di report attività
  • Capacità di lavorare in html e di utilizzare le piattaforme di email marketing e newsletter
  • Video editing & motion graphics
  • Capacità di autogestirsi e buona propensione a lavorare in team
  • Passione, creatività e sensibilità verso il mondo dei green building
  • Un’ ottima conoscenza della lingua inglese parlata e scritta.
  • La padronanza dei più comuni supporti informatici.
  • Dinamismo, capacità di lavoro sotto stress, proattività, orientamento ai risultati e non agli ostacoli.

 

Chi siamo:
Il Green Building Council Italia (GBC Italia) è un’associazione senza scopo di lucro cui aderiscono le più competitive imprese e le più qualificate associazioni e comunità professionali italiane operanti nel segmento dell’edilizia sostenibile. È nata con l’obiettivo di favorire e accelerare la diffusione dell'edilizia sostenibile, guidando la trasformazione del mercato; sensibilizzare l'opinione pubblica e le istituzioni sull'impatto che le modalità di progettazione e costruzione degli edifici hanno sulla qualità della vita dei cittadini; fornire parametri di riferimento chiari agli operatori del settore. L’associazione è membro del WorldGBC e partner di USGBC ed ha una presenza capillare su tutto il territorio italiano grazie ai Chapter , le sezioni locali dell’associazione. GBC Italia adatta alla realtà italiana e promuove il sistema di certificazione indipendente LEED® (Leadership in Energy and Environmental Design), i cui parametri stabiliscono precisi criteri di progettazione e realizzazione di edifici salubri, energeticamente efficienti e a basso impatto ambientale.

Chiusura della raccolta di candidature:
Venerdì 2 marzo si chiude il periodo in cui è possibile candidarsi.

Come candidarsi:
Inviare il proprio CV e lettera motivazionale all’indirizzo e-mail: amministrazione@gbcitalia.org

 

Continua a Leggere »
16 feb 2018

Primo edificio certificato GBC Historic Building: le scuderie della Rocca di Sant’Apollinare

Sono le ex scuderie del Monastero benedettino della Rocca di Sant'Apollinare ad aggiudicarsi il primato della certificazione di GBC Historic Building per il restauro e la riqualificazione sostenibile degli edifici storici.

Il protocollo, realizzato da GBC Italia e sviluppato sulla base di LEED® (lo schema di certificazione più diffuso al mondo), unisce due culture edilizie: quella americana, dove nasce la famiglia di protocolli LEED®, e quella italiana, dove risiede il più ampio patrimonio al mondo di conoscenze e competenze sul restauro storico e conservativo. Uno standard innovativo nel quale convivono le esigenze di recupero di quella parte più pregevole e storica del parco edilizio nazionale con le indicazioni degli obiettivi europei di efficientamento energetico e riduzione dell’impatto ambientale dell’esistente.

La Rocca di Sant’Apollinare è un'antica abbazia benedettina situata nei pressi di Spina, in provincia di Perugia. Collocata su di un colle, la Rocca fu costruita nel X secolo come fortezza a difesa di una nobile famiglia locale.

L'edificio che un tempo ospitava le scuderie è stato oggetto di un complesso ed affascinante intervento di restauro, adeguamento sismico e di riqualificazione energetica commissionato dalla Fondazione per l’Istruzione Agraria. Il progetto, il cui responsabile scientifico è il Prof. Franco Cotana, ordinario di Fisica tecnica industriale presso il Dipartimento di Ingegneria dell’Ateneo di Perugia, è il frutto della collaborazione tra l'Università degli Studi di Perugia e un gruppo di aziende umbre scelte per l'esperienza dimostrata nel campo degli interventi di recupero, di consolidamento statico e di efficientamento energetico di edifici storici.

Le scuderie della Rocca di Sant’Apollinare hanno ottenuto il livello di certificazione ORO, con 72 punti su 110.

“L'edificio ci consentirà di realizzare una sorta di palestra per studenti dei corsi di laurea d’Ingegneria e del dottorato in Energia e Sviluppo Sostenibile - dichiara il prof. Franco Cotana - così come per i professionisti che lavorano sui temi del recupero e valorizzazione dei beni culturali nell'ottica della sostenibilità ambientale, dell'efficienza energetica ed anche della sicurezza sismica soprattutto in un'area come la nostra sensibile a tutti questi temi. L'edificio ed il complesso di Sant'Apollinare in generale sono infatti già sede di svariati eventi tecnico-scientifici e culturali che ci aiutano a disseminare questo messaggio fra gli studenti e la società stessa. Grazie al monitoraggio e controllo in remoto dei principali parametri ambientali sia indoor che outdoor e dei flussi energetici, possiamo tracciare in tempo reale le prestazioni dell'edificio-scuola ed utilizzare questi dati per mantenerle nel tempo.”

“In tutto il mondo si guarda con ammirazione alle realizzazioni architettoniche storiche italiane, non a quelle degli ultimi sessant’anni. – sostiene Marco Mari, Vicepresidente di GBC Italia - L’edilizia storica italiana è fonte di archetipi ripresi in tutto l’occidente; dal Rinascimento al Barocco l’Italia ha ridefinito il vivere civile e inventato l’arte del paesaggio. La community di GBC Italia ha tra i propri compiti quello realizzare strumenti pragmatici e applicabili, finalizzati anche a preservare e mantenere quella edilizia italiana avente valore storico-testimoniale che rappresenta uno tra i patrimoni culturali più belli al mondo. Per ricostruire un’immagine e una visione del nostro Paese, anche e soprattutto nelle aree recentemente funestate dal terremoto nel centro Italia, il protocollo energetico ambientale GBC Historic Building rappresenta uno strumento indispensabile per valorizzare il nostro patrimonio architettonico in linea con le richieste europee di riduzione delle emissioni degli edifici ed i recenti Criteri Ambientali Minimi per l’edilizia (CAM Edilizia) emanati dal Ministero dell’Ambiente.”

Il 22 febbraio si è tenuta presso il Campus di Ingegneria di Perugia la Cerimonia di Consegna della Targa a cui è seguito il convegno: ”Sostenibilità ambientale e criteri ambientali minimi nella ricostruzione Post-Sisma.


Programma dell'evento  
Foto
Scopri maggiori informazioni del progetto qui

 


 

 
Continua a Leggere »
12 mar 2018

I metalli per l’edilizia sostenibile. Acciaio e rame. La certificazione dei fabbricati - Milano, 21 marzo 2018

A Milano si svolgerà una giornata di studio organizzata dal Comitato Metalli e Tecnologie Applicative a 21 marzo 2018.

GBC Italia patrocina l'iniziativa e partecipa alla giornata di studio con interventi tecnici da parte del direttore ing. Marco Caffi, del segretario del Chapter Lombardia, Alessandro Lodigiani, e di alcuni altri soci di GBC Italia.

 

I temi trattati

Il settore dell’Edilizia si confronta con la richiesta, in continuo aumento, di costruire in modo sostenibile coinvolgendo competenze di settori molto diversi.

Agli operatori del settore - Ingegneri, Architetti, Tecnici - viene dedicato un’importante occasione di informazione e approfondimento con presupposti di accessibilità, ma anche di correttezza tecnico-scientifica. L’economia circolare e il ciclo di vita di Acciaio e Rame partendo dagli aspetti metallurgici e completando con significativi casi di studio nell’edilizia abitativa e infrastrutturale saranno tematiche trattate. La maggior conoscenza della natura di questi materiali consente di comprenderne meglio le potenzialità e sviluppare nuove soluzioni per progettare e costruire con successo edifici sempre più sostenibili.

L’AIM raccoglie da oltre 70 anni l’esperienza nel settore dei metalli fornendo informazione scientificamente corretta e riuscendo a far dialogare con successo mondi e professionalità diverse. La collaborazione con GBC Italia, presente con esperti del settore delle certificazioni Leed, fornirà l’inquadramento sia tecnico che normativo necessario per capire meglio come e perché si realizzano sempre più edifici “Green” in Italia e nel mondo.



Crediti formativi

Il riconoscimento di 6 CFP  è stato autorizzato dal Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Milano.


Modalità di iscrizione

Tutti Soci di GBC Italia hanno diritto alla quota agevolata, iscrivendosi tramite scheda iscrizione.

  • Quote agevolate

€ 100,00 (iva incl.) - Soci GBC Italia/Aderenti ai Chapter
€ 210,00 (iva incl.) - Non Soci

  • Quote intere 

€ 130,00 (iva incl.) - Soci GBC Italia/aderenti ai Chapter
€ 240,00 (iva incl.) - Non Soci 

 

Per usufruire della quota agevolata, la scheda di iscrizione ed il pagamento dovranno pervenire alla Segreteria Organizzativa AIM entro il 10 marzo 2018.


Per maggiori informazioni scarica la brochure o vai alla pagina web.

Continua a Leggere »
14 feb 2018

La nostra comunicazione è al top

Siamo al primo posto della classifica green building de il Quotidiano Immobiliare per l’impegno nel comunicare con costanza le nostre attività.


Ogni anno ilQi dedica la propria attenzione alle società e ai manager, che si sono contraddistinti per la loro spiccata comunicazione durante l’anno.


Si tratta di una classifica che sottende una particolare competizione tra le società e i manager che compongono la filiera del real estate. I dati sono frutto di una ricerca del database de ilQi e riguarda editoriali, interviste, numero di notizie, comunicati, rapporti e studi, appuntamenti ed eventi nei quali una società o un manager sono stati citati.


È un risultato significativo che dà evidenza del nostro costante lavoro nel divulgare i principi di sostenibilità in edilizia quotidianamente.


La classifica dei manager vede al primo posto della testata dei green building Roberto Cereda, Lombardini 22 e nostro consigliere esecutivo. Al quarto posto si classifica Alessandro Lodigiani, Duff & Phelps REAG Spa e segretario del Chapter Lombardia di GBC Italia.


Consulta la classifica nell’articolo La comunicazione è al top.

 

Continua a Leggere »
12 feb 2018

Al via la sperimentazione dei mutui per l’efficienza energetica in Europa

Grazie a EeMAP,  sono state presentate delle proposte nuove ed innovative per uno schema di mutuo per l’efficienza energetica, che sarà sperimentato in tutta Europa da banche pioniere e stakeholder esperti del settore delle costruzioni.

Una consultazione pubblica sulle proposte è ora aperta ai commenti fino al 12 marzo, che dà seguito alla pubblicazione di un importante report europeo sulla finanza sostenibile in cui il settore della finanza raccomanda di dare supporto allo sviluppo di mutui per l’efficienza energetica. Non perdere l'occasione di dare il tuo contributo all'implementazione dello strumento partecipando alla consultazione.

La Rete Regionale Europea di World GBC è uno dei partner chiave dell’iniziativa EeMAP, la quale ambisce a colmare il deficit di 100 miliardi di euro di investimenti per l’efficienza energetica degli edifici necessari per raggiungere gli obiettivi climatici europei. In risposta alla richiesta avanzata dalle banche, le proposte nella consultazione definiscono un approccio Europeo standardizzato per i mutui per l’efficienza energetica, per aiutare il settore finanziario a radicare e fare crescere questi prodotti. I mutui per l’efficienza energetica intendono offrire ai consumatori migliori tassi di prestito o maggiori contributi finanziari quando investono in case altamente efficienti o in riqualificazioni per il risparmio di energia.

Una serie di report che definiscono il contesto delle prestazioni energetiche degli edifici ed il mercato di riferimento in tutta Europa sono stati pubblicati dai Green Building Council d’Europa insieme alle proposte per aiutare le banche e altri attori che intendono lanciare attività di piloting su questo schema a livello nazionale. Visualizza qui il report dell'Italia.

GBC Italia è coinvolto nel progetto come principale stakeholder nazionale e contribuisce insieme ai suoi Soci ed esperti, affianco di Unicredit e RICS, al coinvolgimento degli stakeholder del settore delle costruzioni all’implementazione dell’iniziativa EeMAP in Italia.

“La riqualificazione energetica, ma anche ambientale, dei nostri edifici rappresenta una occasione unica per rilanciare il settore edilizio che negli ultimi anni si sta concentrando proprio sulle ristrutturazioni e sulle riqualificazioni. In questo settore le competenze, e le tecnologie edilizie ed impiantistiche per l’efficienza energetica non mancano e le "buone prassi" stanno diventando “le prassi”. Queste favorevoli premesse, tuttavia, non sono sufficienti” –sostiene Giuliano Dall’ò, Presidente di GBC Italia “Il mercato delle riqualificazioni è spesso frenato perché i privati cittadini hanno difficoltà a sostenere gli oneri economici, compromettendo così il raggiungimento degli obiettivi europei di riduzione delle emissioni. In questo contesto i "mutui verdi" per la riqualificazione diventano strumenti utili per promuovere un’azione decisiva a supporto della riqualificazione energetica dell’intero patrimonio edilizio privato. Attraverso i mutui verdi i cittadini sarebbero in grado di concretizzare azioni di riqualificazione, beneficiando fin da subito sui vantaggi in termini di riduzione delle bollette energetiche, con un impegno economico del tutto gestibile.”

James Drinkwater, Direttore della Rete Regionale Europea di World GBC, dichiara: “Per raggiungere gli obiettivi climatici ed energetici dell'Europa, è fondamentale sfruttare il potere dei creditori di mutui per impiegare le finanze private per la riqualificazione energetica degli edifici. Le proposte e i report di mercato rappresentano un passo fondamentale per rendere verde il mercato dei mutui in Europa che rappresenta 7 mila miliardi di euro. Chiediamo alla comunità europea dell'edilizia sostenibile di lavorare con noi per garantire che le proposte possano raggiungere questo obiettivo.”

Parallelamente alla consultazione pubblica, i Green Building Council d’Europa organizzano una serie di eventi volti a istituire gruppi di esperti nazionali per il progetto pilota di mutuo per l’efficienza energetica e per esaminare e rafforzare le proposte pubblicate oggi.

 

GBC Italia, con Unicredit e RICS, sta organizzando l’evento di lancio nazionale delle proposte per uno schema di mutuo per l’efficienza energetica, il prossimo 9 marzo a Milano, presso la sede centrale di Unicredit.

 

Le proposte finali per lo schema pilota dei mutui saranno pubblicate il 14 giugno 2018 in una grande conferenza a Windsor, nel Regno Unito. L'evento riunirà oltre 100 esperti di alto livello in materia di finanza ed edilizia, e segnerà l'inizio ufficiale del programma pilota di mutui per l’efficienza energetica. Un gruppo di finanziatori pionieri, tra cui banche importanti, operatori di medie dimensioni e istituti di credito locali specializzati in Europa hanno già segnalato il loro interesse a partecipare al progetto pilota.

 

Background

 

Per maggiori informazioni sulle iniziative EeMAP e EeDAP, si faccia riferimento al sito dell’iniziativa EeMAP: www.energyefficientmortgages.eu

La progettazione della bozza delle proposte di mutui energeticamente efficienti si basa principalmente sulla ricerca dell'iniziativa EeMAP pubblicata a fine 2017, compresi i seguenti report:

 

___________________________________________

 


This project has received funding from the European Union’s Horizon 2020 research and innovation programme under grant agreement No 746205. The sole responsibility for the content of this material lies with the authors. It does not necessarily represent the views of the European Union, and neither EASME nor the European Commission are responsible for any use of this material

 

Continua a Leggere »
09 feb 2018

Greenbuild a Berlino: il vantaggio di essere socio

Il  17 e 18 aprile i migliori esperti di green building si incontrano a Berlino per l’edizione europea di Greenbuild, la rinomata conferenza mondiale dedicata all'edilizia sostenibile.

Greenbuild è il più grande evento dedicato alla formazione e all'aggiornamento nell’ambito della sostenibilità delle costruzioni, che offre grandi opportunità di networking e di formazione professionale.

Se sei socio di GBC Italia puoi partecipare alla conferenza alle stesse tariffe riservate ai membri di USGB.  Visualizza qui le tariffe.
Per usufruire di questa agevolazione richiedi il codice sconto di partecipazione a: amministrazione@gbcitalia.org.

Nei giorni della conferenza stiamo organizzando dei momenti di incontro per la comunità italiana dei green building presenti a Berlino, in cui condivideremo e coordineremo le azioni per promuovere e far conoscere le pratiche costruttive di eccellenza italiana in tutto il mondo. Questi appuntamenti saranno l'occasione per incontrare di persona anche Mahesh Ramanujam presidente di USGBC e Rick Fedrizzi, presidente di International WELL Building Insistute.

Se partecipi anche tu alla conferenza, segnalaci la tua presenza scrivendo a: segreteria@gbcitalia.org così potremo coinvolgerti meglio nelle attività di GBC Italia a GREENBUILD Europe.

Insieme possiamo fare la differenza!

Continua a Leggere »
06 feb 2018

Efficienza energetica: cosa riferiscono i valutatori immobiliari alle banche?

Una fotografia delle pratiche correnti
Nel valutare se concedere un mutuo per l’acquisto di una proprietà, gli istituti di credito tengono conto, tra i vari aspetti, della capacità del cliente di ripagare l’acquisto e del parere del valutatore sulla qualità e sul valore di mercato dell’immobile. Il ruolo del valutatore è quello di fornire una stima attendibile del valore di mercato basata su dati consolidati e su una metodologia di valutazione appropriata.
Nella pratica corrente non viene richiesto ai valutatori di considerare la prestazione energetica dell’immobile, tuttavia un sondaggio in corso tra i valutatori e i dipartimenti di valutazione del rischio creditizio delle principali banche europee mette in evidenza che c’è una crescente richiesta di informazioni riguardo l’efficienza energetica.

Efficienza energetica e valore
Più della metà delle banche che hanno partecipato al sondaggio chiedono ai valutatori di tenere conto dell’impatto potenziale della classe di efficienza energetica (generalmente attraverso gli attestati di prestazione energetica), con importanti eccezioni che vanno anche oltre e chiedono di considerare le prestazioni energetiche reali e gli impatti ambientali della proprietà.
I valutatori potrebbero considerare gli aspetti legati all’efficienza energetica attraverso ispezioni fisiche negli immobili dal momento che 9 banche su 10 richiedono informazioni sullo stato complessivo della proprietà e sulle condizioni dell’involucro edilizio.
Questi primi risultati incoraggiano il lavoro che il consorzio dell’iniziativa EeMap sta svolgendo in stretta collaborazione con alcune banche europee per definire le checklist e le linee guida per includere gli aspetti di efficienza energetica in modo più approfondito e strutturato.

Disponibilità di dati
La disponibilità dei dati rappresenta una sfida significativa per i professionisti che devono valutare, indipendentemente dal fatto che esistano prove del mercato o meno, è comunque responsabilità del valutatore tenere conto di tutti quegli aspetti di qualità che potrebbero avere un impatto sul valore. In questo senso, migliorare la qualità e la disponibilità dei dati, è un problema che deve essere affrontato al più presto per rinforzare il legame tra prestazioni dell’edificio e riduzione del rischio finanziario.

Per il futuro
La capacità dei valutatori di fornire consulenza sull’impatto dell’efficienza energetica è un aspetto chiave per gli istituti di credito per calcolare l’accessibilità ai mutui senza aumentare il rischio di credito e per consentire ulteriori fondi al consumatore.
Una migliore comprensione della relazione tra efficienza energetica e valore è inoltre importante per un rating più robusto e sensibile al rischio delle proprietà nel portfolio crediti delle banche

 

Traduzione dell'articolo a cura di Zsolt Toth, External Affairs & EU Liaison Manager, Europe RICS. Leggi l'articolo orginale qui: energyefficientmortgages.eu

_________________________________________

Questo è il quarto articolo di una serie di post con cadenza settimanale per divulgare le notizie più interessanti trasmesse dal network di EeMAP (Energy Efficient Mortgage Action Plan) di cui anche GBC Italia fa parte attraverso l'Europe Regional Network del World GBC. Si tratta di una iniziativa europea guidata dalla European Mortgage Federation che intende creare un prodotto finanziario standardizzato a livello europeo: un mutuo per l’efficienza energetica per incentivare i proprietari a migliorare l’efficienza energetica dei propri edifici.

Leggi gli altri articoli qui.

Continua a Leggere »
02 feb 2018

Report LEVEL(S)

È disponibile per il download il report dell'incontro tenutosi a Roma lo scorso 27 novembre in cui GBC Italia e i suoi soci hanno incontrato Josefina Lindblom della DG Environment della Commissione Europea per l’introduzione di LEVEL(S) in Italia.


LEVEL(S) è un nuovo sistema di indicatori chiave di performance, proposto dalla Commissione Europea, per misurare e valutare gli edifici sostenibili in tutta Europa. L'obiettivo di questo strumento open source è quello di arricchire il sistema di metriche di valutazione dell'edilizia sostenibile creando un approccio comune basato sull’integrazione degli attuali strumenti di certificazione presenti sul mercato.


Scarica qui il report dell’incontro del 27 novembre


Clicca qui per maggiori informazioni

Continua a Leggere »
31 gen 2018

Appuntamenti di febbraio
Non perdete questi appuntamenti importanti di febbraio:
 
EVENTI

9  febbraio 2018
NZEB - edifici a energia quasi zero (+)
Seminario a Firenze
 
Tutti i weekend di febbraio 2018
Evento Habita (socio LaMaggiò) (+)
Installazione modulo abitativo e seminari a Sarnico (BG)
 
15 febbraio 2018
Convegno: Nuovi criteri di performance per il real estate (+) 
Peschiera Borromeo (MI)
I soci di GBC Italia possono partecipare usufruendo di condizioni di partecipazione vantaggiose. Scopri di più
 
16 febbraio 2018
Partecipazione e governance. I progetti di rigenerazione del Comune di Prato (+)
Convegno al Politecnico di Milano – spazio Educafè
 
17 febbraio 2018
Convegno: Nuove Frontiere del Design Sostenibile (+)
Lido Nettuno - Lago d'Iseo, Sarnico (BG)
 
22 febbraio 2018
La sostenibilità ambientale nella ricostruzione
Convegno a Perugia nella sede università della ricostruzione
 
23 febbraio 2018
NZEB - edifici a energia quasi zero (+)
Seminario Bologna
 
27 febbraio 2018
Mirtec (+)
Seminario Bergamo
 
Per informazioni: eventi@gbcitalia.org
 
________________________________________
 
FORMAZIONE

7 febbraio 2018 
Corso IFMA - GBC "Modulo A" (+)

12-13 febbraio 2018 
200-1 MILANO - Corso Exam Prep GA (+)
 
12 febbraio 2018
Mandatory provisions e disposizioni minime sulla ventilazione (+)

16 febbraio 2018
Simulazione dinamica per la certificazione LEED e GBC (+)

21 febbraio 2018
Corso CAM - Modulo A (+)

23 febbraio 2018
Corso 100 online (+)
 
Per informazioni: formazione@gbcitalia.org
Continua a Leggere »
29 mar 2018

Mutui verdi per edifici efficienti e sicuri
Alla presenza delle Istituzioni, oltre 140 partecipanti rappresentanti delle principali banche, amministrazioni pubbliche, assicurazioni, operatori energetici, imprese edili si sono confrontati, insieme a esperti in valutazioni immobiliari e efficienza energetica, per capire come applicare al mercato italiano l’approccio trasversale proposto dall’Energy efficient Mortgages Action Plan (EeMAP) per il finanziamento dell’efficienza energetica e della sicurezza antisismica degli edifici. L’evento, organizzato da GBC Italia, UniCredit, RICS Italia e E.ON Italia, in collaborazione con il consorzio EeMAP, è stata un’occasione unica per creare un’efficace sinergia tra tutti gli attori coinvolti e per fornire soluzioni concrete alla necessità di edifici residenziali, commerciali e pubblici efficienti e sicuri.
Continua a Leggere »
31 lug 2018

I prossimi appuntamenti con la formazione
Ecco a voi le date dei prossimi corsi di formazione. Diversi livelli di approfondimento per soddisfare le esigenze di tutti.
 
100-1 Introduzione ai Green Building e la certificazione LEED/GBC
Online | 22 novembre 2018
Dettagli (+)
 
200-1 LEED Green Associate Exam Preparation
Milano | 13-14 novembre 2018
Dettagli (+) 
 
300-2 Corso Exam Preparation LEED AP BD+C
Milano | 29-30 novembre 2018
Dettagli (+)
 
400-4 Corso Introduzione alla mappatura LEED
Milano | 22 novembre 2018
Dettagli (+)
 
400-9 Corso Green BIM
Milano (da definire) | Modullo 3: 21-22-28-29 novembre 2018 
Dettagli (+)
 
Per altre informazioni: formazione@gbcitalia.org
Continua a Leggere »
31 gen 2018

I vantaggi per i soci nella certificazione

I soci attivi di GBC Italia, ossia in regola con il pagamento della quota associativa, hanno diritto a sconti sull’acquisto di prodotti (manuali, formazione ecc.) e certificazioni di progetti LEED e GBC (registrazione e certificazione di progetti) in Italia.

Grazie ad un accordo di partnership con USGBC e GBCI (Green Business Certification Inc.) i soci di GBC Italia possono usufruire di sconti pari a quelli di un socio Silver di USGBC.
I soci che hanno beneficiato degli sconti di certificazione hanno più che ripagato la quota associativa, usufruendo inoltre degli altri vantaggi che un’associazione autorevole come GBC Italia può fornire.

La richiesta dei codici sconto per i progetti LEED richiede sempre un po’ di tempo per cui consigliamo di muoversi con 1 o 2 settimane in anticipo.


Approfittane anche tu!!

Scrivi a certificazione@gbcitalia.org

Continua a Leggere »
31 gen 2018

Mutui verdi in Italia: un workshop a Milano il 9 marzo

Il mercato dei mutui in Europa ha un valore superiore a 7.000 miliardi  di euro e rappresenta più di un terzo del capitale del settore bancario. Il potenziale che questo capitale ha di guidare il miglioramento dell’efficienza energetica del patrimonio costruito e di ridurre le emissioni climalteranti è enorme, ma attualmente non viene sfruttato.

Il Piano d’azione sui mutui per l’efficienza energetica - Energy Efficient Mortgages Action Plan (EeMAP) - è un progetto innovativo che ha lo scopo di creare dei mutui per migliorare l’efficienza energetica degli edifici in Europa.

EeMAP riunisce le principali banche, i valutatori, le compagnie di fornitura e gestione dell’energia e gli esperti di edilizia sostenibile per definire le basi di un mutuo verde in Europa e per sfruttare il valore di questo capitale allo scopo di migliorare le prestazioni energetiche e ambientali dei nostri edifici.

Il progetto mira a stabilire un approccio comune europeo per valutare, finanziare e premiare i mutui verdi, allo scopo di incrementare l’impiego della finanza privata nell’incentivare il mercato dell’edilizia green per raggiungere gli obiettivi climatici europei.

Se ne parlerà il 9 marzo a Milano nel workshop organizzato da UniCredit, GBC Italia e RICS in collaborazione con il consorzio EeMAP.

09 Marzo 2018 dalle 9:00 alle 14:00
Milano, UniCredit, Tower hall

via Fratelli Castiglioni n.12

Obiettivi del workshop

  • Lanciare le linee guida tecniche del progetto EeMAP
  • Lanciare il report di GBC Italia sul contesto nazionale per i mutui verdi
  • Conoscere le più recenti ricerche europee e le migliori pratiche sui mutui verdi, incluse le ricerche sui consumatori.
  • Discutere il feedback di esperti sulla proposta tecnica di EeMAP su come dovrebbero funzionare la valutazione delle prestazioni degli edifici per la concessione di un mutuo green diffuso a livello europeo.
  • Porre le basi per un laboratorio nazionale sui mutui green, che comprenda gli esperti chiave e le aziende che possono supportare la progettazione e la diffusione dei mutui green in Italia.


A chi è rivolto il workshop

Il workshop è rivolto ad aziende e organizzazioni interessate a conoscere le opportunità di business che la diffusione dei mutui green può offrire. Sono invitati a partecipare le banche, i valutatori, le compagnie di fornitura e gestione dell’energia, i consulenti, gli auditor, architetti, ingegneri, imprese, ESCO, imprenditori e proprietari immobiliari. L’evento si focalizzerà principalmente sul mercato della riqualificazione e nuova costruzione del settore principalmente residenziale.

 

Visualizza il programma del workshop qui

 

Per informazioni: internazionale@gbcitalia.org
 

Letture consigliate

EeMAP White Paper
EeMAP Report – Green Building Performance Indicators
EeMAP Report – Green Finance
EeMAP Report – Green Value


___________________________________________
 

  Keynote speaker

  Luca Bertalot
  Secretary General
  European Mortgage Federation


Luca Bertalot è il segretario generale della European Mortgage Federation - European Covered Bond Council (EMF-ECBC), una piattaforma di mercato che funge da catalizzatore e guida gli istituti di credito dell'UE e la comunità di obbligazioni garantite nelle discussioni con le istituzioni europee e gli stakeholders su tutte le questioni relative agli aspetti di retail e di finanziamento del mercato dei mutui. Luca è un esperto nel finanziamento dell'efficienza energetica negli edifici e sta guidando l'iniziativa sui mutui per l’efficienza energetica della EMF-ECBC in qualità di coordinatore del consorzio EeMAP.

___________________________________________

 


This project has received funding from the European Union’s Horizon 2020 research and innovation programme under grant agreement No 746205. The sole responsibility for the content of this material lies with the authors. It does not necessarily represent the views of the European Union, and neither EASME nor the European Commission are responsible for any use of this material

Continua a Leggere »
28 gen 2018

Buon compleanno GBC Italia

Buon compleanno Green Building Council Italia!

Grazie a tutti i soci che hanno reso tutto questo possibile.

 

 

Continua a Leggere »
26 gen 2018

NZEB Edifici a energia quasi zero – Firenze, 9 febbraio

Gli edifici "ad energia quasi zero" (near zero energy buildings NZEB) richiedono poca energia ed hanno elevate prestazione di funzionamento. Gli aspetti caratterizzanti sia in fase di costruzione che in fase di ristrutturazione, sono l'involucro, la produzione di energia rinnovabile e gli impianti.

GBC Italia patrocina il seminario “NZEB Edifici a energia quasi zero” che si terrà a Firenze venerdì 9 febbraio, in cui interviene anche il nostro Vicepresidente Marco Mari.

SEDE:
Aula Magna Rettorato
Università di Firenze
Piazza San Marco, 4 Firenze

DESTINATARI: Professionisti del settore edilizio Architetti, Ingegneri; Geometri, Periti.

OBIETTIVI: La qualità degli edifici si misura su molteplici aspetti prestazionali: sicurezza sismica (sismoresistenza), efficienza energetica, invernale ed estiva, resistenza al fuoco, qualità acustica, microclima e soprattutto la minimizzazione dei fabbisogni energetici, con copertura del restante fabbisogno mediante fonti rinnovabili. Obiettivo del seminario è quello di mostrare come sia possibile soddisfare tali requisiti e migliorarli rispetto ai parametri minimi imposti dalle norme con sistemi/prodotti che rispondano ai requisiti di riferimento.

CONTENUTI: La progettazione interdisciplinare ed integrata dell'edificio permette di considerare simultaneamente gli aspetti di efficienza energetica di un edificio legati all'ottimizzazione dell'involucro (invernale ed estiva), alla migliore configurazione degli impianti di climatizzazione e all'utilizzo ragionato delle fonti rinnovabili. Il seminario è focalizzato sull'individuazione di tali criteri di progettazione integrata.

CREDITI FORMATIVI: per Architetti e Ingegneri Periti Industriali 4CFP

Scarica la brochure del seminario


La partecipazione è gratuita previa registrazione online sul sito di Assform

 

Continua a Leggere »
25 gen 2018

Call per Organismi di Verifica

GBC Italia sta raccogliendo le adesioni per la prossima apertura di un Gruppo di Lavoro dedicato al miglioramento del processo di certificazione.
Nello specifico intendiamo ampliare il numero di progetti registrati e certificati, aumentare con specifici accordi il numero degli Organismi di Verifica Accreditati (OVA) e degli Ispettori Qualificati e snellire il processo di certificazione.

Qui puoi leggere la lettera del Vicepresidente Marco Mari, responsabile dei processi di certificazione che invita gli OVA soci di GBC Italia a partecipare alla prossima riunione che si svolgerà giovedì 1 febbraio presso la sede di Ambiente Italia  (Via Carlo Poerio, 39, 20129 Milano) dalle ore 15 alle ore 16:30.

Ci auguriamo una buona partecipazione all’evento!
Per ulteriori informazioni scrivi a certificazione@gbcitalia.org

Continua a Leggere »
24 gen 2018

Le banche europee: "l’etichetta Green può guidare i finanziamenti per l’efficienza energetica"

Lo scorso 12 Dicembre 2017, a conclusione di un nuovo report del Climate Strategy e UN Environment Inquiry sulla progettazione di un sistema finanziario sostenibile, è emersa una nuova strategia per permettere alle banche di aumentare i finanziamenti a favore di un patrimonio costruito energeticamente efficiente: l'etichetta Green. Il report è stato lanciato a Parigi in occasione del One Planet Summit ospitato dal Presidente francese Emmanuel Macron.

“Il report  descrive come 10 banche europee - ABN AMRO, BBVA, Berlin Hyp, HSBC, ING, Lloyds, SEB, Suedtiroler Volksbank, Triodos e UniCredit – stiano incominciando a identificare, analizzare e promuovere finanziamenti green per il settore residenziale e immobiliare attraverso l'attribuzione diretta delle caratteristiche ambientali nelle operazioni di prestito e dei mercati dei capitali di debito” ha introdotto Peter Sweatman, co-autore del rapporto e amministratore delegato di Climate Strategy & Partners.

Nick Robins, co-autore e co-direttore di UN Environment Inquiry ha aggiunto: “L’etichetta Green è al principio ma le cose stanno cambiando velocemente. Le principali banche riconoscono che hanno bisogno di comprendere le prestazioni ambientali del patrimonio soggetto ai loro prestiti immobiliari per riuscire a supportare meglio i propri clienti e raggiungere i loro obiettivi di sostenibilità.”

L’etichetta Green si riferisce ad un processo sistematico in cui le banche individuano gli attributi ambientali dei loro prestiti e delle garanzie patrimoniali come strumento per incrementare la finanza sostenibile. L’etichetta Green delle operazioni bancarie permetterà un accesso semplificato al mercato dei green bonds, un migliore controllo delle prestazioni dei prestiti green e fornirà informazioni più trasparenti sui rischi climatici e sulla resilienza del patrimonio costruito.

 

Per maggiori informazioni:

Comunicato stampa EMF/ECBC del 13 Dicembre, Bruxelles

_________________________________________

Questo è il terzo articolo di una serie di post con cadenza settimanale per divulgare le notizie più interessanti trasmesse dal network di EeMAP (Energy Efficient Mortgage Action Plan) di cui anche GBC Italia fa parte attraverso l'Europe Regional Network del World GBC. Si tratta di una iniziativa europea guidata dalla European Mortgage Federation che intende creare un prodotto finanziario standardizzato a livello europeo: un mutuo per l’efficienza energetica per incentivare i proprietari a migliorare l’efficienza energetica dei propri edifici.

Leggi gli altri articoli qui.

 

 

 

 

Continua a Leggere »
23 gen 2018

GBC Italia compie 10 anni: il regalo te lo facciamo noi!

Il 28 gennaio 2018 GBC Italia compie 10 anni.  Per festeggiare questa importante occasione ti facciamo noi il regalo offrendoti gratuitamente:

ISCRIVITI QUI (L’offerta è valida fino al 29 gennaio alle ore 13:00)

 

  • I manuali in formato digitale dei protocolli GBC Italia per la progettazione e la certificazione di sostenibilità degli edifici residenziali (GBC HOME), degli edifici storici (GBC HISTORIC BUILDING) e dei quartieri (GBC QUARTIERI).

RICHIEDI QUI I MANUALI (L’offerta è valida fino al 29 gennaio incluso)


Non perdere questa occasione e festeggia insieme a noi questi 10 anni di ordinaria sostenibilità!

Buon compleanno GBC Italia!

Continua a Leggere »
16 gen 2018

Il White Paper di EeMAP: come scatenare un mercato per i Mutui Green

Se si analizzano approfonditamente le dinamiche del settore immobiliare, si possono individuare due gruppi di attori che hanno una maggiore influenza rispetto agli altri: gli occupanti degli edifici e gli investitori istituzionali. Il comportamento di questi due gruppi determinerà a livello generale se saremo in grado di raggiungere gli obiettivi di sostenibilità per il settore delle costruzioni che conta per più di un terzo delle emissioni europee.


In Europa non esiste uno strumento più comune ai consumatori e agli investitori del mutuo. I mutui rappresentano un terzo del patrimonio del settore bancario europeo – equivalente a metà del PIL europeo (settemila miliardi di Euro alla fine del 2016). Il potenziale che questo capitale ha di guidare il miglioramento dell’efficienza energetica del patrimonio costruito e di ridurre le emissioni è enorme, ma attualmente non viene sfruttato.


Sulla base dei feedback ricevuti dalle maggiori banche d’Europa, il White Paper del progetto EeMAP definisce le seguenti raccomandazioni per l’implementazione di un mutuo green in Europa:

  1. Una struttura semplice e standardizzata faciliterebbe l’ingresso sul mercato. Ugualmente, una definizione chiara di un mutuo per l’efficienza energetica aiuterebbe le banche a differenziare i nuovi prodotti dai mutui convenzionali nei loro processi di gestione del rischio finanziario. In questo modo le banche sarebbero in grado di raccogliere dati per dimostrare la riduzione del rischio finanziario dovuta all’efficienza energetica.
  2. Le banche hanno bisogno di una guida chiara su come istruire i valutatori immobiliari in relazione alle prestazioni energetiche degli edifici. Questo aiuterebbe ad assicurare che il livello di prestazione energetica sia tenuta debitamente conto nelle valutazioni immobiliari.
  3. Indicatori semplici ed efficaci per misurare l’efficienza energetica aiuterebbero le banche a includere l’efficienza energetica nella valutazione del rischio creditizio.

 

Il White Paper dell’iniziativa EeMAP chiama all’azione i giocatori chiave di questa partita. Se la vostra organizzazione desidera unire le forze nel progetto EeMAP e scatenare un mercato per i mutui green, scrivete a EeMAP@hypo.org.

 

Traduzione dell'articolo a cura di James Drinkwater, Regional Director, Europe Network – World Green Building Council

______________________________________

Questo è il secondo articolo di una serie di post con cadenza settimanale per divulgare le notizie più interessanti trasmesse dal network di EeMAP (Energy Efficient Mortgage Action Plan) di cui anche GBC Italia fa parte attraverso l'Europe Regional Network del World GBC. Si tratta di una iniziativa europea guidata dalla European Mortgage Federation che intende creare un prodotto finanziario standardizzato a livello europeo: un mutuo per l’efficienza energetica per incentivare i proprietari a migliorare l’efficienza energetica dei propri edifici attraverso condizioni finanziarie favorevoli di un mutuo collegato ad una proprietà altamente efficiente.

 

Continua a Leggere »
16 gen 2018

Invito & Ingresso Gratuito Forum e Fiera Klimahouse

Al seminario "Soluzioni e applicazioni per la progettazione inegrata edificio-impianto", organizzato da EdicomEdizioni in occasione della fiera Klimahouse a Bolzano, sarà presente il direttore di GBC Italia, Marco Caffi con un intervento sulla durabilità e resilienza nella riqualificazione sostenibile negli edifici esistenti.


Mercoledì, 24 gennaio 9:30-13:30
Bolzano, Klimahouse

Sala Ortles - Via Bruno Buozzi, 35 - adiacente ma esterno alla Fiera


Crediti formativi: è in corso la procedura di rilascio dei crediti formativi per architetti, geometri, ingegneri, periti industriali e consulenti casa clima.


Comfort, ridotto consumo energetico e sicurezza antisismica sono tre aspetti fondamentali di un edificio di qualità che in una logica di riqualificazione dello stesso devono essere trattati e considerati in maniera integrata per ottenere vantaggi economici e di tempistiche dell’intervento. Partendo dalle impostazioni fondamentali e dalle problematiche relative al patrimonio esistente, verranno analizzate le soluzioni per ottenere edifici con un alto grado di comfort e un basso fabbisogno energetico unitamente agli aspetti di adeguamento antisismico, sia per la parte involucro sia per la parte impiantistica. Verranno anche presentate le peculiarità di due sistemi di certificazione, CasaClima e GBC Italia, le strategie e i criteri progettuali per Case Passive e i recenti sviluppi normativi in campo elettrotecnico da parte di CEI – Comitato Elettrotecnico Italiano.


Programma:

  • Strategie e criteri progettuali per edifici passivi - Marco Cimini, Passive House Institute Italia
  • Requisiti, strumenti e prodotti per costruire, riqualificare e certificare CasaClima - Matteo Rondoni, Ricerca e Sviluppo Agenzia CasaClima
  • Il contributo degli impianti elettrici al comfort e al risparmio energetico secondo le norme CEI - Angelo Baggini, Università di Bergamo, CEI
  • Durabilità e resilienza nella riqualificazione sostenibile negli edifici esistenti - Marco Caffi, Direttore GBC Italia

 

  • Tavolo tecnico: Riqualificazione prestazionale degli edifici: SOLUZIONI per L’INVOLUCRO
  • Tavolo tecnico: Riqualificazione prestazionale degli edifici: SOLUZIONI per GLI IMPIANTI
     

Scarica il programma.


La partecipazione è gratuita con iscrizione obbligatoria (l'ingresso alla fiera è gratuito per i partecipanti al convegno).

 

Continua a Leggere »
12 gen 2018

A Ferrara un esempio virtuoso di applicazione dei CAM

Martedì 9 gennaio 2018 è stato firmato il Protocollo d'intesa tra Comune di Ferrara, Intercantieri Vittadello spa, Acer Ferrara e la Società Investire SGR SpA per la definizione del livello di sostenibilità ambientale dell'intervento edilizio delle "Corti di Medoro" a Ferrara. L'accordo, sottoscritto e illustrato alla stampa alla presenza dall'assessora comunale all'Urbanistica Roberta Fusari, prevede l'impegno da parte di tutti i soggetti coinvolti ad operare seguendo le indicazioni della Commissione europea per un impiego efficiente delle risorse, in riferimento ai "Criteri Ambientali Minimi (CAM) per l'affidamento di servizi di progettazione e lavori per la nuova costruzione, ristrutturazione e manutenzione di edifici pubblici”. Nell’accordo vengono messi in campo accorgimenti relativi alle modalità di esecuzione delle demolizioni e ai tipi di materiali da utilizzare nel cantiere e di smaltimento dei materiali prodotti dalla demolizione stessa.


In particolare, fra le specifiche tecniche previste dal protocollo di intesa "almeno il 50% del peso dei componenti edilizi e degli elementi prefabbricati, escludendo gli impianti, deve essere sottoponibile, a fine vita, a demolizione selettiva ed essere riciclabile o riutilizzabile". Inoltre "il contenuto di materia recuperata o riciclata nei materiali utilizzati per l'edificio, anche considerando diverse percentuali per ogni materiale, deve essere pari ad almeno il 15% in peso valutato sul totale di tutti i materiali utilizzati".
Per quanto riguarda il cantiere attualmente in corso "almeno il 70% in peso dei rifiuti non pericolosi generati durante la demolizione e rimozione di edifici, parti di edifici, manufatti di qualsiasi genere presenti in cantiere, ed escludendo gli scavi, deve essere avviato a operazioni di preparazione per il riutilizzo, recupero o riciclaggio".
Sono anche previste particolari disposizioni relativamente all'utilizzo di materiali ecologici e a basso impatto ambientale per quanto riguarda impianti di climatizzazione e termo-idraulici, coibentazioni, vernici, tramezzature, pavimenti e rivestimenti, infine l'illuminazione a basso consumo energetico.
Le demolizioni avviate nell'aprile 2017 hanno prodotto ad oggi 11.700 tonnellate di materiali vari (tra cemento, ferro, acciaio, alluminio, legno, cartongesso e isolanti vari) che per oltre il 90% è stato conferito (circa 700 viaggi) ad aziende specializzate nel loro riutilizzo creando sia valore per l'ambiente in termini di risparmio di materie prime, sia valore economico. 

 

 
All'incontro con i giornalisti erano inoltre presenti per l'occasione Edoardo Zanchini, vice presidente nazionale Legambiente e Marco Mari, vice presidente nazionale Green Building Council Italia che sono intervenuti sottolineando gli aspetti virtuosi messi in campo a Ferrara da soggetti pubblici e privati che vanno nella direzione di un concreto rispetto dell'ambiente e una attenzione alla collettività grazie alla destinazione sociale dell'edificio. Nei diversi interventi è emerso come questa azione vada descritta a livello nazionale come uno dei primi esempi di applicazione di normative CAM concepite per il settore pubblico e virtuosamente trasferiti nel settore edilizio privato.

Link utili:
cronacacomune.it

 

Continua a Leggere »
12 gen 2018

1° Forum REGREENERATION - Roma, 17 gennaio

Il 1° Forum ReGREENeration "Rigenerare come valore sostenibile crea valore immobiliare" si terrà a Roma il 17 gennaio 2018 alle ore 9:00-16:30 (Hotel Nazionale - Sala Capranichetta).


Tra la lista dei relatori, molti i personaggi illustri come l'On. Ermete REALACCI - Presidente VIII Commissione Camera dei Deputati, Federico Testa Presidente di ENEA, Giuliano Dall’Ò, presidente di GBC Italia, Paolo CRISAFI - Dir. gen. Assoimmobiliare e molti altri.

L’iniziativa segna l’apertura di "Homo Condòmini Tour 2018" il Roadshow 2018 per l’efficienza energetica degli edifici e collegato ad Habitami, campagna pubblica riqualificazione energetica edifici. 

L'obiettivo? Mettere attorno a un tavolo Istituzioni, Stakeholder, Uffici Studi, Associazioni immobiliari e Associazioni dei consumatori per individuare insieme le forme e gli strumenti più efficaci per far comprendere ai cittadini come la riqualificazione energetica faccia bene all’ambiente, migliori il conto di gestione energetica e accresca sia il valore degli edifici che degli immobili oltre a generare comfort abitativo.

Rigenerare come valore sostenibile è rigenerare come valore immobiliare perché l'efficienza energetica non è un concetto astratto.

 

PARTECIPANO:

Sessione Ambiente e Clima
Stefano CASERINI - Mitigazione dei cambiamenti climatici Politecnico di Milano

Sessione Politica e Ambiente
On Ermete REALACCI - Presidente VIII Commissione Camera dei Deputati
On Serena Pellegrino - VicePresidente VIII Commissione Camera dei Deputati
Sen Gianni GIROTTO - X Commissione Senato
Ivan  STOMEO - delegato ANCI Politica in materia di Energia

Sessione Efficienza Energetica
Federico TESTA - Presidente ENEA
Davide CHIARONI - ViceDirettore Energy & Strategy Group Politecnico Milano
Alessandro NOTARGIOVANNI - Economista dell’Energia
Giuliano DALL’Ò - Presidente Green Building Council Italia
Alessandro BALDUCCI - Presidente Urbanit

Sessione Real Estate
Paolo CRISAFI - Dir. gen. Assoimmobiliare
Maurizio PEZZETTA - VicePresidente Vicario FIMAA
Fabrizio SEGALERBA - Seg. Nazionale FIAIP
Paolo BELLINI - Presidente ANAMA
Rossana ZACCARIA - Presidente Legacoop Abitanti
Francesco BURRELLI - Presidente ANACI
Vittorio FUSCO - Presidente ANAPI

Sessione Cittadini Consumatori
Luisa CRISIGIOVANNI - Seg. gen Altroconsumo
Emilio VIAFORA - Presidente Federconsumatori
Francesco LUONGO - Presidente Movimento Difesa del Cittadino
Carlo DE MASI - Presidente Adiconsum

MODERANO
Marco MARCATILI - Economista e Responsabile Sviluppo di Nomisma
Giovanni PIVETTA - Responsabile Habitami e Homo Condòmini Tour 2018

SALUTI
Mario AGOSTINELLI - Presidente Energia Felice
Cristiana CERUTI - Ceo Tabula Rasa


Scarica qui il programma.

 

È prevista la diretta streaming dalle ore 9:30 su Facebook Canale Energia e sul sito canaleenergia.com (Media Partner)

Il 2° Forum si terrà presso la sala Falck di Assolombarda a Milano il 30 gennaio 2018, ore 9:00 - 16:30.

 

Per maggiori informazioni:
sito - info@homocondominitour.it

Continua a Leggere »
10 gen 2018

Soluzioni per l’edilizia ad alta efficienza - Venezia, 19 gennaio

GBC Italia patrocina il seminario: "Soluzioni per l’edilizia ad alta efficienza. L'integrazione edificio impianto" che si terrà a Venezia venerdì 19 gennaio. Tra i relatori il nostro Vicepresidente Marco Mari.

Il seminario vuole approfondire il sistema costruttivo per edifici residenziali per mezzo di sistemi assemblati in X-Lam: edifici sismo-resistenti, ad elevato risparmio energetico prodotti industrialmente abbinati a soluzioni innovative in pompa di calore standardizzate e ad elevate prestazioni.

Seminario gratuito

Venerdì, 19 gennaio 2018 alle 14.30-18.30
Venezia,
Università IUAV Venezia - Sestriere Santa Croce, 191
Aula Magna - Area Tolentini

Crediti formativi per Architetti e Ingegneri Periti Industriali 4CF e Geometri 2CF


Destinatari
Professionisti del settore edilizio Architetti, Ingegneri, Geometri, Periti, Studenti e Perosone Interessate.

Obiettivi
Obiettivo del seminario dimostrare come sia possibile oggi costruire bene, in modo sostenibile con bassissimo impatto ambientale e a bassissimi costi di gestione. A tal scopo saranno anche presentati, ai professionisti del costruire ed alla comunità, modelli già realizzati di edilizia ad alta efficienza energetica. In particolare verrà approfondito un esempio realizzato all’interno del territorio di Sottomarina.

Contenuti
I sistemi costruttivi standardizzati così concepiti consentono livelli di performance elevatissimi abbattendo i costi sui tempi di cantiere ed sui noli, garantendo i risultati, evitando sovrapposizioni ed errori. Attraverso la “Case History - Sottomarina” sarà possibile capire più concretamente le peculiarità delle scelte di progetto: una sessione pratica dove, a cantiere “aperto”, presenta una opportunità unica poter visionare come sia stato possibile raggiungere tali obiettivi.

Scarica la brochure del seminario.

La partecipazione è gratuita previa registrazione online.

 

Continua a Leggere »
09 gen 2018

Rinnova il tuo impegno per un futuro più sostenibile. Rinnova la quota associativa a GBC Italia!

Già da ora è possibile rinnovare la quota associativa 2018 che puoi comodamente pagare attraverso carta di credito o bonifico bancario, dopo aver eseguito l’accesso sul portale di GBC Italia tramite login e password assegnate al momento dell’iscrizione.


Brevi istruzioni sul rinnovo della quota associativa:

  1. Accedi all'area riservata cliccando su "Il tuo account".
     
  2. Clicca su "Pagamento Quota associativa anno 2018".
     
  3. Aggiorna i campi "Categoria da statuto" e "Fatturato" se variati rispetto all'anno precedente.
     
  4. Effettua il pagamento:
           UNICREDIT BANCA
           BIC: UNCRITM10FT
           IBAN: IT 23 E 02008 20802 000104723604

 

Per indicazioni più dettagliate, ti invitiamo a consultare il seguente documento.


Approfitta per rinnovare subito la quota. GBC Italia ti aspetta con un intenso programma di eventi su tutto il territorio italiano e un network di professionisti e aziende che rappresentano i migliori player dell'edilizia sostenibile.

Per qualsiasi necessità o ulteriori chiarimenti, non esitare a contattare la segreteria di GBC Italia: segreteria@gbcitalia.org
 

Termine ultimo per il rinnovo della quota è il 31 marzo 2018. 

Continua a Leggere »
09 gen 2018

L’Europa vuole modificare le norme bancarie per incentivare i green building

Gli sforzi per ridurre le emissioni del parco edilizio europeo stanno ricevendo un notevole impulso: la Commissione Europea sta valutando la possibilità di ridurre i requisiti patrimoniali per le banche per premiare coloro che investono in edifici energeticamente efficienti.


Al vertice One Planet tenutosi a Parigi il mese scorso, Valdis Dombrovskis, vicepresidente e capo dei servizi finanziari della Commissione europea, ha affermato che l'uso del capitale privato è essenziale per aiutare l'UE a ridurre le emissioni di carbonio del 40% entro il 2030.


Ha rimarcato che la Commissione sta attualmente valutando proposte per ridurre i requisiti patrimoniali per gli investimenti “verdi”, che potrebbero essere un forte incentivo per le banche per dirigere il capitale ad investire su edifici ad alta efficienza energetica:


"Questo potrebbe essere fatto in una prima fase riducendo i requisiti patrimoniali per determinati investimenti che rispettino il clima, come i mutui per l’efficienza energetica o le auto elettriche", ha affermato.


La dichiarazione arriva dopo che la rete regionale europea (ERN) del WorldGBC e i suoi partner hanno presentato in ottobre una nuova ricerca per la creazione di mutui per l’efficienza energetica. La pubblicazione aiuterebbe le banche a identificare gli edifici green che rappresentano anche un rischio inferiore del credito, consentendo loro di premiare chi compra o riqualifica gli edifici, con tariffe preferenziali o finanziamenti aggiuntivi.


La ricerca fa parte del "Piano di azione per i mutui per l’efficienza energetica" finanziato dall'UE con il programma Horizon 2020 (Energy Efficient Mortgages Action Plan - EeMAP).
L'iniziativa mira a sviluppare linee guida per le banche che desiderano svolgere attività pilota su mutui ipotecari per immobili efficienti dal punto di vista energetico e a raccogliere dati sulla loro performance finanziaria. Si spera che la fase di test, che incomincerà nell’estate 2018, possa fornire alla Commissione europea e agli enti di regolamentazione per le banche, le prove necessarie per applicare requisiti inferiori ai capitali sui prestiti per agli edifici più green, e trasmettere questi benefici ai consumatori che scelgono edifici efficienti.


Mentre le agenzie di rating del credito come Moody's hanno espresso preoccupazione riguardo alla riduzione dei requisiti patrimoniali per le operazioni green, il recente rapporto EeMAP Una revisione degli indicatori di prestazione edilizia che influiscono sul rischio di credito ipotecario dimostra che le performance dell'edilizia sostenibile possono migliorare attivamente il profilo di rischio di un bene.


Inoltre, analizza attentamente le future tendenze normative in materia di edilizia sostenibile che potrebbero influire sul valore delle attività o sulla valutazione degli edifici, una zona di interesse chiave per le agenzie di rating.


Stephen Richardson, responsabile tecnico di ERN per EeMAP, ha dichiarato:

"I mutui verdi sono un tema caldo in Europa in questo momento e il sostegno espresso dalla Commissione è un grande incentivo per le banche e gli altri attori a impegnarsi nella fase pilota dell'iniziativa EeMAP. I Green Building Council in tutta Europa sono pronti ad aiutare banche e investitori interessati a navigare nel panorama tecnico e normativo dei green building nei diversi mercati nazionali, e in primavera verranno presentate una serie di linee guida per il mercato ".


Recenti ricerche del Regno Unito che ha introdotto standard energetici minimi per le proprietà private in affitto, forniscono prove evidenti del fatto che l'utilizzo dei Certificati di Prestazione Energetica potrebbe fornire alle banche una visione molto più accurata della spesa delle famiglie a supporto del calcolo di sostenibilità del mutuo. Secondo questa ricerca, le banche potrebbero giustificare circa £ 4.000 di prestiti aggiuntivi per case sottoposte a una riqualificazione energetica standard, sulla base di valutazioni più accurate dei risparmi energetici previsti.


Per approfondimenti: http://www.worldgbc.org/green-mortgages

________________________________________________________________________________________

 

L’articolo apre una serie di post con cadenza settimanale per divulgare le notizie più interessanti trasmesse dal network di EeMAP (Energy Efficient Mortgage Action Plan) di cui anche GBC Italia fa parte attraverso l'Europe Regional Network del World GBC. Si tratta di una iniziativa europea guidata dalla European Mortgage Federation che intende creare un prodotto finanziario standardizzato a livello europeo: un mutuo per l’efficienza energetica per incentivare i proprietari a migliorare l’efficienza energetica dei propri edifici attraverso condizioni finanziarie favorevoli di un mutuo collegato ad una proprietà altamente efficiente.
 

Continua a Leggere »
22 dic 2017

Arriva il corso sui Criteri Ambientali Minimi per l'Edilizia!

Arriva la nuova proposta formativa di GBC Italia sui Criteri Ambientali Minimi (CAM) per l'Edilizia. Approfitta della speciale offerta valida fino al 28 febbraio e tieniti aggiornato sulle ultime novità introdotte dai CAM Edilizia!

Il corso fornisce un approfondimento dei criteri ambientali minimi che le amministrazioni pubbliche devono adottare per l’affidamento di servizi di progettazione e lavori per la nuova costruzione, ristrutturazione e manutenzione di edifici e per la gestione dei cantieri della pubblica amministrazione.

Il corso si struttura in due moduli, base e avanzato, frequentabili separatamente e comodamente online.

Per conoscere il percorso formativo e ricevere maggiori informazioni sul corso è possibile frequentare un seminario di presentazione gratuito della durata di un'ora che si terrà nelle seguenti date:

17 gennaio 2018
21 febbraio 2018
14 marzo  2018

Per informazioni e iscrizioni scrivi a: formazione@gbcitalia.org

________________________________________________________________________________

INFORMAZIONI SUL CORSO:

Obiettivi del corso:
Fornire al professionista e alle pubbliche amministrazioni gli strumenti per gestire i “Criteri Ambientali Minimi”.

Contenuti Tecnici:
Gli acquisti verdi della Pubblica Amministrazione (GPP) sono obbligatori in base all’art. 34 del Dlgs 50/2016 “Codice degli appalti”, che prevedono l’adozione dei “Criteri Ambientali Minimi” o “CAM” contenuti nei documenti approvati, o che verranno approvati in seguito, con i vari Decreti Ministeriali, per ogni categoria di prodotto o servizio. In particolare l’obbligo per le stazioni appaltanti è quello di inserire nei bandi di gara almeno le specifiche tecniche e le clausole contrattuali contenute nei documenti di CAM. Il comma 2 del medesimo articolo sancisce che i CAM siano tenuti in considerazione anche ai fini della stesura dei documenti di gara per l’applicazione del criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, dando seguito alla raccomandazione, già contenuta nella premessa dei CAM stessi, di inserire nei bandi di gara anche i criteri premianti ivi contenuti. Il corso affronta le problematiche di carattere generale e le specifiche tecniche da inserire nelle varie fasi di gara e di articolazione dell'appalto  si articola in due momenti, base ed avanzato.


Argomenti trattati:
Modulo A: (online, 1 ora)
  • introduzione al percorso formativo relativo ai CAM per istruire i professionisti e la pubblica amministrazione sulla materia. Date disponibili: 17 gennaio / 21 febbraio / 14 marzo  2018

 

Modulo B: (online, 12 ore + 2Q/A con docente)
  • l GPP e introduzione ai CAM
  • Gli Strumenti di gestione ambientale
  • Disposizioni ambientali e contenuti sugli appalti pubblici

Modulo C: (online, 12 ore + 2 Q/A con docente)
  • La relazione tra Codice degli appalti e CAM Edilizia.
  • Applicazione dei CAM alle varie fasi dell'appalto: progettazione/gara/aggiudicazione/contratto/esecuzione
  • CAM Edilizia,approfondimento dei criteri (selezione candidati/gruppi di edifici/specifiche tecniche dell’edificio/componenti in edilizia/cantiere/criteri premianti/clausole contrattuali)


Struttura del corso:
Modulo A
durata 1 ora, spiegazione introduttiva sui CAM.

Modulo B
durata 12 ore, i criteri minimi ambientali negli appalti pubblici (12 ore di corso + 2 ore con il docente una volta terminato il percorso didattico).

Modulo C
12 ore, i criteri minimi ambientali in edilizia (12 ore di corso + 2 ore con il docente una volta terminato il percorso didattico).


Costo del corso:
Modulo A: free
Modulo B: €200,00 + IVA Non Soci, €180,00 + IVA Soci e aderenti chapter
Modulo C: €320,00 + IVA Non Soci, €270,00 + IVA Soci e aderenti chapter

Prezzo promozionale modulo A+B+C acquistati simultaneamente, disponibile fino al 28 febbraio:
Soci e aderenti chapter: €400,00 + IVA
Non Soci: €450,00 + IVA


Docenti:
  • Toni Cellura: Architetto, svolge attività professionale nel settore dei sistemi di gestione energetico-ambientale a favore di PMI, cluster di imprese e Pubbliche Amministrazioni. Esperto dell’Agenzia Nazionale per la Protezione Ambientale (1999-2001) ,dal 2008 è rappresentante del distretto produttivo sull’edilizia sostenibile e risparmio energetico (Ecodomus) riconosciuto dalla Regione Sicilia. Dal 2013 è segretario del Chapter Sicilia di GBC Italia.
  • Maurizio Cellura: Professore ordinario di Fisica tecnica ambientale presso l’Università di Palermo. È socio fondatore e Presidente dell’Associazione italiana LCA e coordinatore del gruppo di lavoro Energie e tecnologie sostenibili”. È membro della Subtask B IEA SHC Task 40 – ECBCS Annex 52.
Continua a Leggere »