Salta al contenuto
07 dic 2018

Dai protocolli alle strategie condivise per promuovere la sostenibilità in edilizia: una nuova alleanza?

Editoriale di Giuliano Dall'O'

I protocolli per la valutazione delle performance energetiche ed ambientali degli edifici, e più recentemente dei territori, si sono rivelati strumenti eccellenti, senza dei quali con molta probabilità non si potrebbe parlare oggi di sostenibilità in edilizia con cognizione di causa.

Lo sappiamo noi di GBC Italia, promotori delle famiglie di protocolli LEED e GBC, ma lo sanno anche le altre organizzazioni e associazioni che promuovono i protocolli della famiglia BREEAM, i protocolli ITACA, i protocolli CasaClima, il protocollo ENVISION promosso da ICMQ, per non parlare del protocollo WELL, ultimo nato, promosso in Italia da Apta Vitae, tanto per citare quelli più noti.

Un protocollo è importante perché definisce delle regole, costruite nella maggior parte dei casi dal lavoro di comitati tecnico-scientifici ai quali hanno contribuito associazioni, portatori di interesse ed università, regole che vengono aggiornate in considerazione della evoluzione delle conoscenze, dell'innovazione tecnologica che si trasforma in nuovi prodotti e sistemi che il mercato offre ma anche e soprattutto tenendo conto delle emergenze. Basti pensare alla evoluzione che c'è stata sui protocolli che, partendo dal considerare l'edificio e il suo impatto sul territorio, si sono diversificati da un lato partendo dal territorio e dalla città, dall'altro ponendo al centro dell'attenzione la qualità ambientale all'interno dell'edificio stesso.

Il mercato ha le sue esigenze e in molte, troppe occasioni tutto il lavoro fatto dagli attori del processo che porta alla realizzazione di un edificio "green" di qualità energetica ed ambientale molto superiore rispetto alla media degli edifici costruiti viene svilito ponendo come unico obiettivo il raggiungimento di un rating e la consegna della "targa". 
L'esigenza di comunicare a chi deve decidere, non importa se un singolo cittadino o un investitore, la qualità energetico-ambientale in modo semplice ma efficace è sacrosanta ed è anche l'ultimo passaggio di un processo lungo e spesso complesso. Occorrerebbe tuttavia far chiarezza su cosa c'è dietro questa targa: oltre ai protocolli, strumenti che diventano vere e proprie linee guida al servizio dei progettisti, ci sono professioni competenti mossi spesso da principi etici e da tanto volontariato, ci sono scelte progettuali definite e misurate oggettivamente, ci sono dei controlli severi indipendenti e, cosa non meno importante, c'è la certezza di una garanzia per l'acquirente o per il locatario, che ciò che c'è scritto nella targa è vero.

Tutte queste cose, ovviamente, riguardano i sistemi di rating seri, consolidati, che hanno una storia. Valorizzare queste peculiarità comunicando, in modo semplice e trasparente ma rigoroso, il percorso, il processo e la garanzia che viene data a tutto questo è fondamentale e irrinunciabile. Penso che a tutti prima o poi sia pervenuta la domanda: quanto costa una targa con un determinato rating? domanda che evidenzia una totale ignoranza ma che rispecchia purtroppo una percezione distorta presente nel mercato immobiliare.

Dai protocolli, ma in particolare dalla loro applicazione e delle esperienze acquisite "sul campo" in parecchi anni si possono fornire elementi utili ai decisori politici in modo che le procedure possano diventare in un futuro delle prassi cogenti. Il progetto europeo LEVELS, al quale partecipa il network europeo dei Green Building Council, è una importante occasione per andare in questa direzione ma anche una conferma di quanto sia importante trovare una sinergia tra il nostro lavoro e le attività legislative e normative. Una occasione da non perdere, questa volta a livello nazionale, è quella dei CAM (Criteri Ambientali Minimi) dai quale emerge una importante sinergia tra ciò che è contenuto nelle leggi ed i protocolli. E siamo solo all'inizio: la questione ambientale quindi, non solo energetica nel settore edilizio, ma anche nel territorio e nelle infrastrutture, deve essere una grande opportunità di sviluppo e le esperienze acquisite attraverso i protocolli devono necessariamente essere canalizzate stimolando i decisori.

Siamo di fronte ad una seconda fase nella quale chi ha delle esperienze le deve mettere a fattor comune, con l'obiettivo di promuovere e supportare le vere sfide. La domanda che dobbiamo stimolare non è quale sia il protocollo migliore, ma quale sia il contributo concreto che un protocollo può dare su temi portanti come la decarbonizzazione nel settore delle costruzioni e nel territorio o l'economia circolare. Una ulteriore riflessione comune può riguardare la necessità di far comprendere al mercato, ossia a chi investe, il maggior valore effettivo di un edificio "green" certificato, passaggio fondamentale per allargare la base degli edifici di qualità che non possono rimanere icone di una nuova visione ma devono diventare necessariamente la prassi per tutti i nuovi edifici e, quando possibile, anche per gli edifici da riqualificare.

Il convegno che abbiamo promosso il prossimo 14 dicembre al Politecnico di Milano, convegno che metterà a confronto per la prima volta alcuni dei principali attori della certificazione energetica-ambientale, ha in fondo questo scopo: aprire un tavolo di confronto affinché, pur nel sacrosanto rispetto delle origini delle diverse esperienze, che personalmente considero delle ricchezze, si possano promuovere azioni comuni sui temi portanti e strategici di una rivoluzione che è solo all'inizio, sia a livello nazionale sia a livello internazionale, ma che sta accelerando in modo notevole. Una nuova alleanza tra chi ha investito molto e può dire molto. 

Continua a Leggere »
07 dic 2018

La Green Night del Chapter Lombardia | Milano, 13 dicembre

Aperitivo con musica live per festeggiare i 10 anni del Chapter Lombardia di Green Building Council Italia.

Un momento informale di networking tra soci di oggi e di ieri  per scambiarsi anche gli auguri di Natale.

Non puoi mancare!

Milano,  Spices & Soul, via Savona 1. 

Giovedì 13 dicembre | dalle 19:00 alle 22:00

RSVP ! per iscriverti clicca qui

Continua a Leggere »
04 dic 2018

Tomassetti è il nuovo segretario del Chapter Emilia Romagna

Diamo il benvenuto al nuovo segretario del Chapter Emilia Romagna Gildo Tomassetti di Airis che rimarrà in carica per i prossimi 3 anni di mandato.

Il Chapter Emilia Romagna si è riunito lunedì 3 dicembre presso la sede di AIRIS a Bologna per eleggere il nuovo segretario e il consiglio direttivo.

La nuova squadra del direttivo dell’Emilia Romagna è formata da:

  1. Cristian Ferrari
  2. Gildo Tomassetti
  3. Ernesto Antonini
  4. Piergabriele Andreoli
  5. Emanuele Gozzi
  6. Stefano Mora
  7. Ferdinando Sarno

 

Ringraziamo il segretario uscente Stefano Mora per il prezioso lavoro svolto in questi anni, che assume ora il ruolo di Vice-Segretario per ragioni di continuità ed esperienza nel ruolo.

 

Continua a Leggere »
03 dic 2018

Energy Efficient Mortgages: Un futuro più verde per l’Europa

Oggi l'Energy Efficient Mortgages (EEM) ha pubblicato la definizione di mutuo per l’efficienza energetica, frutto di un'ampia consultazione intersettoriale di mercato da parte degli istituti di credito che testano il quadro dei mutui per l’efficienza energetica e del consiglio consultivo EEM.
L'annuncio di oggi coincide con l'inizio della Conferenza sui cambiamenti climatici delle Nazioni Unite - COP24 - che si tiene a Katowice, in Polonia, in questi giorni, fino al 14 dicembre.
 
La definizione è intesa come una risposta concreta agli sforzi della Commissione Europea per costruire un'unione di mercati dei capitali, per facilitare la transizione all'energia pulita in linea con gli accordi di Parigi e, in questo contesto, per costruire un sistema finanziario che supporti la crescita sostenibile. Fornirà un benchmark di mercato per rendere operativa l'integrazione di mutui per l’efficienza energetica nelle linee di business dei quarantuno istituti di credito pionieri coinvolti. Alla fine del 2017, tali istituti di credito rappresentavano il 55% dei mutui in circolazione nell'Unione europea, pari al 25% del PIL dell'UE, costituendo una massa critica significativa nel mercato.

L'iniziativa EEM è guidata dal mercato e finanziata dal programma Horizon 2020 della Commissione Europea, che mira a fornire un quadro europeo standardizzato e una struttura di raccolta dei dati relativi ai mutui per l’efficienza energetica, con condizioni di finanziamento favorevoli per edifici efficienti, ristrutturazioni per il risparmio energetico e misure antisismiche.
 
Il programma pilota EEM è stato lanciato nel giugno 2018, in seguito all'impegno degli attori del mercato in un processo di consultazione condotto mediante eventi a livello nazionale ed europeo. Gli istituti di credito partecipanti alla fase pilota sono sostenuti dal consiglio consultivo EEM, che comprende rappresentanti della Commissione Europea, la Banca europea per gli investimenti, la Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo, la società finanziaria internazionale, la Banca mondiale, l'iniziativa finanziaria dell'UNEP, il governo scozzese e Climate Bond Initiative.

Per consultare la definizione di mutuo per l'efficienza energetica, clicca qui
 
Gerassimos Thomas, vicedirettore generale per l'Energia, Commissione Europea, ha dichiarato: "Credo che l'iniziativa EEM porterà un cambiamento positivo nel mercato, fornendo finanziamenti più accessibili per l'efficienza energetica negli edifici. Faciliterà l'attuazione degli investimenti in efficienza energetica laddove sono maggiormente necessari, nel settore dell'edilizia. Avere concordato una definizione è un passo importante, aprendo la strada a un rapido lancio di mutui per l'efficienza energetica. La definizione concordata è operativa e di facile utilizzo e può essere rafforzata nel tempo, per adeguarsi all'alto livello di ambizione dell'Iniziativa EEM e per utilizzare meglio gli strumenti forniti dal quadro legislativo europeo".

Luca Bertalot, coordinatore dell'iniziativa Energy Efficient Mortgages, ha dichiarato:
"Ora è il momento di agire, impostare una roadmap del mercato è il modo più efficace per fornire soluzioni di finanziamento ipotecario per sostenere i cittadini europei nel rendere le loro case più efficienti dal punto di vista energetico, confortevoli, sicure e, quindi, a prova di futuro. La definizione annunciata oggi fornisce un solido benchmark operativo di mercato per gli istituti di credito e un chiaro programma per l'agenda della finanza sostenibile della Commissione Europea, facilitando il coordinamento intersettoriale e istituzionale e offrendo innovazioni di mercato e sinergie."
 
Per consultare gli istituti di credito, fare clic qui
Per consultare il Consiglio consultivo, fare clic qui
Per consultare le organizzazioni di supporto, fare clic qui

Luca Bertalot, Coordinatore dell’Iniziativa Energy Efficient Mortgages
E: lbertalot@hypo.org
Tel: +32 2 285 40 35 

I progetti EeMAP e EeDaPP hanno ricevuto finanziamenti dal programma di ricerca e innovazione Horizon 2020 dell'Unione Europea nell'ambito della convenzione di sovvenzione n.746205 e n.784979

 

Continua a Leggere »
30 nov 2018

Riqualificazione sostenibile degli edifici storici nel cratere del terremoto

Domenica 11 novembre, si è tenuto, nell'ambito della Fiera Riabita a Fermo, il convegno "Riqualificazione sostenibile degli edifici storici nel cratere del terremoto", organizzato dal Chapter Marche di GBC Italia.

La sessione, focalizzata sulla sostenibilità degli interventi di ricostruzione post sisma degli edifici storici, ha visto, tra gli altri, la partecipazione del nostro Vicepresidente Marco Mari che ha spiegato come i protocolli GBC Italia abbiano inizato a considerare i temi della durabilità e della resilienza degli edifici, per valutare la qualità resiliente degli edifici storici."La community italiana dell'edilizia non ha nulla da invidiare a quelle degli altri paesi - ha dichiarato Mari - Anzi l'Italia è portatrice di tante conoscenze legate agli eventi sismici e legate ad altri aspetti ambientali critici, che caratterizzano il nostro paese".

Tra i relatori del convegno, anche Andrea Valentini, segretario del Chapter Marche, che ha presentato il protocollo GBC Condomini applicato al caso studio del Condominio Antinori a L'Aquila. "In questo aggregato edilizio - sostiene Valentini - le tematiche della durabilità e della resilienza, importantissime nelle aree sismiche, si confrontano con i principi di sostenibilità ambientale a 360°."

Ecco il video con le interviste:

Scarica la locandina dell'evento: clicca qui.

Continua a Leggere »
28 nov 2018

Connected Living | Come la tecnologia migliora il comfort abitativo degli edifici

Il comfort ambientale sta divenendo il fattore determinante nella valorizzazione degli edifici poiché la qualità costruttiva delle abitazioni e degli uffici influisce in maniera preponderante sia sulla salute psicofisica sia sulla produttività delle attività svolte. Durante l’evento, che si terrà il 4 dicembre a Milano, saranno dunque illustrate le tecniche progettuali più innovative e le modalità per ottimizzarle.

PROGRAMMA

14:30 | Registrazione partecipanti

15:00 | Seminario

Introduzione al seminario
Giorgio Tartaro, giornalista e direttore editoriale

Il comfort ambientale quale fattore premiante il valore dell’edificio
Alessandro Lodigiani, Segretario del Chapter Lombardia di GBC Italia

La sostenibilità non è più un’opzione nei percorsi edilizi
Mario Cucinella, Architetto e Fondatore di MCA Mario Cucinella Architects.

Sistemi intelligenti di controllo dell’irraggiamento e illuminazione naturale, connettività e comfort
Massimo Riggio, Chief Marketing Officer di Nice

Quando la tenda si fa architettura
Fabio Gasparini, Direttore generale di Resstende

Energie interconnesse per il comfort abitativo
Alessandro Trevisan, Relatore Accademia Viessmann

Migliorare la gestione della luce, del calore e del suono grazie alle schermature solari
Matteo Scampini, Direttore Generale di EOSDESIGN

18:00 | Cocktail di networking offerto da Nice per i partecipanti registrati all'evento

 

ISCRIVITI QUI


NOTA Richiesta accreditamento crediti per architetti inoltrata a CNAPPC e in attesa di conferma

DATA E ORA
martedì 4 dicembre 2018
14:30 – 18:00

LUOGO
Laboratorio Casabella
via Vigevano 8
Milano

LOCANDINA
Clicca qui

Continua a Leggere »
27 nov 2018

Heritage & Sustainability | 3 days workshop | GBC Italia, UNESCO, Comune di Ferrara

GBC Italia con UNESCO e il Comune di Ferrara organizzano un workshop internazionale di 3 giorni incentrato sugli strumenti energetico ambientali per la governance sostenibile del patrimonio architettonico esistente.

L'evento, che si terrà dall'11 al 13 dicembre 2018, si svolgerà tra due dei più prestigiosi edifici della città di Ferrara, ovvero il Castello Estense e il Palazzo Ducale.

GBC Italia ha fortemente voluto questo momento per valorizzare l’operato della propria community e quello dell’intera filiera dell’edilizia e del restauro alla luce anche del sempre maggiore interesse internazionale sull'applicazione internazionale del protocollo GBC Historic Building™.

Il workshop è strutturato in sessioni suddivise nelle tre giornate di lavoro.

Nella prima giornata vi sarà una introduzione sui principi e le pratiche di governance dell'energia sostenibile con una presentazione delle soluzioni geotermiche più avanzate e innovative applicate agli edifici storici (progetto EU-Cheap-GSHPs) oltre alla presentazione di uno specifico strumento software Decision Support System (DSS), che permette test interattivi.

Nella seconda giornata, verrà presentato lo stato dell'arte in ambito di certificazione ambientale ed energetica per gli edifici storici tramite il protocollo GBC Historic Building™ e verranno presentati alcuni casi esemplari.

Nella terza e ultima giornata, si parlerà dell'importanza del dialogo tra pubblico e privato per migliorare l'impatto economico dei territori. La giornata si chiuderà con le visite guidate presso due edifici ferraresi: il MEIS (certificato GBC Historic Building™, ORO) e Palazzo Gulinelli, in corso di certificazione GBC Historic Building™.

L'obiettivo dell'evento è quello di dare evidenza di come la conservazione dell'integrità e dell'autenticità del nostro patrimonio culturale costruito possa andare di pari passo con un uso più sostenibile ed efficiente dell'energia. In questo senso, i siti designati dall'UNESCO come Ferrara, hanno le potenzialità per esibirsi come laboratori per lo sviluppo di buone pratiche per testare e implementare soluzioni e idee innovative, ispirando cambiamenti nelle politiche, nella pianificazione e nella tecnologia, che stanno andando oltre i confini locali per espandersi su larga scala.

Scarica la locandina dell'evento: clicca qui.

Workshop realizzato in collaborazione con l'evento internazionale RemTech Expo. Per iscrizioni, scrivere a: Simona Campana secretariat@remtechexpo.com.

Continua a Leggere »
22 nov 2018

Vuoi entrare nel mercato nord americano e israeliano?

I progetti RE.USA e Med Art ISRAEL, promossi da Assorestauro e GBC Italia, hanno come obiettivo principale l'internazionalizzazione delle aziende italiane appartenenti al comparto del restauro architettonico, della sostenibilità ed efficienza energetica del costruito storico e moderno nel mercato statunitense e in quello israeliano.

Stati Uniti e Israele, come molti altri paesi, sempre più si stanno orientando verso la riqualificazione del costruito esistente e la rivalutazione di quello storico come traccia identitaria delle proprie radici.

La community dell’edilizia sostenibile, rappresentata da GBC Italia, contribuisce attivamente alla trasformazione della filiera edilizia in direzione della sostenibilità con strumenti innovativi e concreti come i protocolli energetico-ambientali (rating system) della famiglia LEED-GBC. Tra questi, l’interesse internazionale si sta sempre più concentrando sul protocollo GBC Historic Building™, la cui applicazione e conoscenza da parte di tutti gli attori della filiera rappresenta un differenziale importante anche e sopratutto nei processi di internazionalizzazione ed è riconosciuta come valore anche per i progetti definiti nella collaborazione tra GBC Italia e Assorestauro.

Nello specifico, i progetti sono rivolti ai produttori di materiali e tecnologie, ai progettisti e fornitori di servizi dedicati, alle imprese di restauro specializzate e alle imprese della filiera della sostenibilità e retrofitting energetico.

Entrambi i progetti prevedono finanziamenti della Regione Emilia Romagna sui costi delle attività per le aziende emiliano romagnole.

 

Per saperne di più:

Progetto RE.USA Clicca qui

Progetto Med Art Israel Clicca qui

Contattare Assorestauro:  Clicca qui

 

Continua a Leggere »
20 nov 2018

In Trentino nasce il Polo Edilizia 4.0: il centro di eccellenza nella ricerca e innovazione

Presso la Manifattura di Rovereto martedì 20 novembre è stato firmato il protocollo di intesa che avvia la stretta collaborazione tra gli 11 enti che rappresentano il settore dell’edilizia.

Riparte un settore segnato più di altri dalla crisi. Il nuovo Polo diventerà un centro di eccellenza per innovazione e sviluppo in tutte le fasi del ciclo di vita degli edifici e delle infrastrutture urbane. Un nuovo linguaggio del costruire.

Si tratta anche di una ripartenza, per un settore come l’edilizia segnato dalla crisi degli ultimi dieci anni, che ha fortemente ridimensionato imprese e addetti. Alla Manifattura di Rovereto, luogo simbolo di riqualificazione e recupero che guarda al futuro, nascerà un centro di eccellenza per la ricerca e l’innovazione in edilizia. Vi aderiscono undici enti che rappresentano tutti gli operatori del comparto: società di ricerca, progettisti, costruttori, organizzazioni di imprese e ordini professionali.

Sarà un luogo in cui si sviluppano le competenze, si offrono servizi, si fa innovazione per e con le aziende.

La crisi e la rinascita

I profondi cambiamenti e l’evoluzione tecnologica dell’ultimo decennio nel settore delle costruzioni impongono un deciso cambio di direzione. Serve un nuovo linguaggio del costruire.

La nascita di un polo per l’innovazione e lo sviluppo, denominato “Polo Edilizia 4.0”, è un segnale preciso che va nella direzione della competitività e radicale rinnovamento del settore. Perché senza un forte investimento in innovazione l’edilizia come la si concepisce oggi è destinata a rimanere al palo.

Il valore degli investimenti in costruzioni in Provincia di Trento è sceso del 35,6 % in pochi anni, passando dai 2.594 milioni di euro nel 2004 ai 1.671 del 2015 (fonte Cresme, prezzi costanti 2005). Un solo esempio è sufficiente a capire il gap attuale tra manifattura e edilizia: la percentuale di tempo improduttivo della manodopera nell’industria è inferiore al 15%, mentre è superiore al 60% nelle costruzioni edili.

Cosa si farà nel nuovo “Polo”

Il tavolo di lavoro, nei prossimi mesi, dovrà definire in dettaglio l’ambito di azione del Polo, decidere la forma giuridica più idonea, individuare i costi per la realizzazione delle attività e le modalità di finanziamento, sviluppare ed implementare il modello dell’acceleratore di start-up.

L’adesione al progetto vede una rappresentatività unica nel suo genere, con un potenziale di sviluppo elevatissimo.

Stamane hanno firmato il protocollo i rappresentanti di tutti gli enti coinvolti: Il presidente dell’Associazione Artigiani e Piccole Imprese della Provincia di Trento Marco Segatta, il vicepresidente dell’Associazione Trentina dell’Edilizia (Ance) Andrea Basso, il presidente del Collegio dei Geometri Stefano Cova, il presidente del Collegio dei Periti Industriali Lorenzo Bandinelli, il presidente del Comitato Piccola Industria (Confindustria) di Trento Marco Giglioli, il rappresentante del Consiglio Nazionale delle Ricerche Martino Negri, la presidente della Federazione Trentina della Cooperazione Marina Mattarei, il direttore di Green Building Council Italia Marco Caffi, il presidente di Habitech Distretto Tecnologico Trentino Marco Pedri, la presidente dell’Ordine degli Architetti Susanna Serafini, il presidente dell’Ordine degli Ingegneri Gianmaria Barbareschi.

Il Polo sarà aperto anche alle adesioni di altre istituzioni pubbliche e private, perché la via d’uscita dalla crisi dell’edilizia passa dalla collaborazione e condivisione delle competenze.

Continua a Leggere »
13 nov 2018

Sei esperto di Embodied Carbon? Raccontalo al World GBC!

World GBC, nell'ambito del progetto globale Advancing Net Zero (ANZ), ha lanciato uno studio focalizzato sull'Embodied Carbon (il contenuto di CO2 dei materiali da costruzione). A supporto dello studio, World GBC sta raccogliendo testimonianze di esperti sul tema Embodied Carbon, Operational Carbon and Life Cicle emissions.

GBC Italia sollecita i Soci che si occupano di produzione di materiali da costruzione a candidarsi per raccontare la propria esperienza.
 
Il progetto Advancing Net Zero di WorldGBC
Il principio alla base del progetto ANZ è quello per cui solo raggiungendo l'obiettivo di un ambiente costruito con zero emissioni di carbonio sia nell’utilizzo degli edifici che nei materiali da costruzione sarà possibile decarbonizzare tutta la filiera delle costruzioni entro il 2050. Per maggiori informazioni è possibile visitare la pagina web di ANZ.
 
I soci interessati a rilasciare una testimonianza in inglese sul tema Embodied Carbon possono scrivere una mail a internazionale@gbcitalia.org  per dare la propria disponibilità entro il 19 novembre 2018.

 

Continua a Leggere »
12 nov 2018

Nuova green session del Chapter Lombardia | 28 novembre - Milano

La Sfida della Qualità dell’Ambiente Interno negli Spazi da Vivere – 28 novembre 2018.
Tecnologie e soluzioni green building per migliorare il benessere delle persone

Il Chapter Lombardia di GBC Italia, in collaborazione con UL, organizzazione globale indipendente che si occupa di scienza della sicurezza dal 1894, propone una nuova green session sul tema della qualità dell’ambiente interno negli spazi abitati.

L’evento  si pone come obiettivo quello di offrire un momento di aggiornamento e riflessione su come inquinamento, cambiamenti climatici, nuovi stili di vita abbiano contribuito a fare crescere l’attenzione sulla qualità ambientale interna. Rimettere al centro la persona negli spazi da vivere per migliorare il benessere degli occupanti ha riflessi significativi sulla produttività e sulla qualità della vita di aziende e famiglie. Questi aspetti sono da tenere in considerazione non solo nella progettazione dell’edificio, ma anche nelle fasi di sviluppo del prodotto che andrà ad essere impiegato nell’edificio.

La nuova green session, a partire dai rischi dovuti a scelte di materiali e impianti non adeguati, metterà a fuoco l’evoluzione delle soluzioni tecniche per riuscire a massimizzare il benessere ed il confort degli occupanti sia in edifici terziari che residenziali.

Media Partner: WOW! Ways of Working – Montly Interactive Web Magazine

Data – Mercoledì 28 novembre, 2018

Orario – 14:45 – 18:45, incluso aperitivo di networking finale

Location:- Copernico Milano Centrale- Via Copernico 38- Sala Teatro – Piano Terra

Partecipazione Gratuita.

Clicca qui per la registrazione

Scarica il programma completo

Continua a Leggere »
08 nov 2018

Città resilienti: una responsabilità sociale | 6^ Conferenza Passivhaus

A Riva del Garda (TN) il 24 novembre si accendono i riflettori della 6^ Conferenza Nazionale Passivhaus, che gode del patrocinio di GBC Italia.

Tra i relatori della conferenza ci sarà anche il nostro direttore Marco Caffi e la prima volta quest'anno, un testimonial d’eccezione: Neri Marcorè, ambasciatore della rigenerazione urbana e sociale nel mondo.

Le politiche europee al 2030 prevedono la necessità di ridurre le emissioni agendo proprio sugli edifici, complici insieme ai trasporti, dell’inquinamento del nostro Pianeta.  La riqualificazione energetica e la costruzione di edifici a basso consumo e impatto ambientale è diventata una priorità per le amministrazioni, le imprese, i committenti in Italia. PASSIVHAUS risulta la via più semplice ed economicamente più vantaggiosa per arrivare a edifici ad energia quasi zero.


La 6^ Conferenza Nazionale PASSIVHAUS riaccende il dibattito sull’impegno verso una sostenibilità e responsabilità sociale in materia di edifici ma anche su scala urbana. L’evento di networking è in programma sabato 24 novembre a partire dalle ore 9:30 presso il Centro Fiere Congressi Riva del Garda, in provincia di Trento.

Passivhaus con 25 anni di storia alle spalle si proietta verso un utilizzo ancora più importante in Italia rafforzato dalla pubblicazione del Masterpiece “Passivhaus” di Francesco Nesi, da acquistare per chi vorrà direttamente alla Conferenza.
Quattro i talk principali della giornata: le azioni virtuose su scala urbana, la sfida della progettazione multidisciplinare, i modelli internazionali di sviluppo sostenibile a confronto, Passivhaus..in pratica. Discutono e intervengono top player dall’Italia e del mercato europeo.

Scarica il programma completo.

NERI MARCORÈ: UN TESTIMONIAL SIMBOLO DELLA “RIGENERAZIONE”
La 6^ Conferenza Nazionale Passivhaus si arricchisce quest’anno di un ospite speciale: l’attore e conduttore televisivo marchigiano Neri Marcorè. “La sostenibilità non è un problema da risolvere” - ha dichiarato Marcorè al recente Festival dello Sviluppo sostenibile di Parma “ma un’opportunità per tutti”. Sul palco l’artista aprirà una riflessione sui cambiamenti climatici, sul rapporto tra uomo e natura. Un attore con la sostenibilità nel cuore, noto per aver ideato RisorgiMarche, il festival musicale per la rinascita delle comunità e dei territori marchigiani colpite dal sisma.

PASSIVHAUS: CRESCONO LE “BEST PRACTICE” IN ITALIA
La 6^ Conferenza Nazionale PASSIVHAUS diffonderà i progetti più significativi, dal nord al sud Italia, capaci in questi ultimi anni di dare slancio e sviluppo al territorio e di creare una coscienza più consapevole. Protagonisti saranno gli attori dell’edilizia sostenibile che racconteranno e motiveranno la scelta e i risultati performanti ottenuti grazie a PASSIVHAUS.
La buona notizia è che in Italia aumentano gli edifici a basso consumo, tra innovazione, comfort abitativo e risparmio energetico, tornando a due concetti chiave: la green economy e la transizione energetica delle città, con uno sguardo al recepimento della direttiva europea 2018/844/UE.  

PASSIVHAUS TOUR: LA NOVITÁ DELL’EDIZIONE 2018
Trento non è solo la cornice della 6^ Conferenza Nazionale Passivhaus ma è il quartier generale dell’Istituto ZEPHIR PASSIVHAUS Italia, fondato nel 2011 a Pergine Valsugana (TN). La provincia di Trento è inoltre quella con il più alto numero di edifici, residenziali e non residenziali, certificati PASSIVHAUS.
Per vivere a 360 gradi l’esperienza di comfort abitativo, sarà possibile prendere parte al tour in pullman, dedicato agli smart building nei dintorni di Trento. Una novità esclusiva quella del “Passivhaus Tour” con visite guidate da esperti che riguarderanno: l’Eco Hotel Bonapace di Nago Torbole, primo hotel Passivhaus di Italia, l’asilo nido sovracomunale di Civezzano e Fornace, il Centro di Aggregazione Giovanile “La Provvidenza” di Pergine Valsugana, lo Studio Gadler edificio per uffici.
L’obiettivo della Conferenza Nazionale Passivhaus è ampliare e condividere conoscenze, costruire una rete di professionisti della filiera a tutela del patrimonio abitativo, tracciando con l’aiuto di top player e divulgatori lo scenario culturale, ambientale ed economico in cui saremo chiamati ad agire.

Acquista il biglietto della 6^ Conferenza Nazionale PASSIVHAUS.

INFO UTILI
Anche quest’anno l’organizzazione riconferma alcune scelte green: dal gadget ecologico all’utilizzo di materiali riciclati e riciclabili, all’accordo di sostenibilità solidale siglato con il Banco Alimentare, per contribuire alla lotta contro gli sprechi di cibo.
La Conferenza Nazionale Passivhaus, per la sua valenza formativa, è valida per l’attribuzione dei crediti ai professionisti: Architetti (7CFP), Geometri (3CFP), Periti Industriali (7CFP), Passivhaus (8CFP).
 

 

Continua a Leggere »
05 nov 2018

Offerta di lavoro: Consulente LEED, BREEAM, WELL

Greenwich Srl, azienda socia di GBC Italia e attiva da oltre 10 anni nel settore della consulenza LEED, BREEAM e WELL, è alla ricerca di uno Specialista nel settore del Green Building da inserire nel proprio organico.

Il candidato deve rispondere ai seguenti requisiti:

  • Qualifica LEED AP e/o BREEAM AP (o Assessor) e/o WELL AP;
  • Esperienza nel settore della Consulenza LEED e/o BREEAM e/o WELL;
  • Laurea in ingegneria;
  • Padronanza della lingua inglese.

 

La sede di lavoro principale è Medolago (BG).


Le candidature con l'invio del proprio CV devono essere trasmesse a g.zaffino@greenwichsrl.it, specificando nell’oggetto CANDIDATURA CONSULENTE LEED AP/BREEAM AP/WELL AP.

 

Continua a Leggere »
31 ott 2018

Strumenti BIM per interventi di riqualificazione energetica: il nuovo progetto Horizon 2020 BIM4REN

Con 3 milioni di imprese e 18 milioni di lavoratori, l'industria delle costruzioni rappresenta circa il 9% del PIL dell'Unione europea. Tuttavia, il settore è tra le industrie meno digitalizzate dell'economia europea. Il settore delle costruzioni è anche responsabile di circa il 40% del consumo di energia nell'UE e genera il 36% dei gas serra in Europa. In questo contesto, il progetto BIM4REN, finanziato dall'UE, che riunisce 23 partner interessati all’ambito edile sotto la guida del Centro francese di ricerca e tecnologia (RTO) Nobatek / INEF4, mira a sviluppare strumenti e servizi di Building Information Modeling (BIM) di facile utilizzo per la riqualificazione energetica di edifici esistenti. L'incontro iniziale di questo progetto quadriennale, finanziato fino a 7 milioni di euro dal programma europeo Horizon 2020, si è svolto a Bordeaux lo scorso 24-25 ottobre.
La visione del progetto è stata già presentata ad alcuni esperti BIM, professionisti della ristrutturazione ed enti pubblici in una conferenza pubblica intitolata "Digital Conference 2018 - Digitalise or die: Nuovi strumenti per il settore delle costruzioni" a cui hanno preso parte 80 persone per discutere sulla necessità di una rivoluzione digitale del settore delle costruzioni al fine di migliorare la collaborazione, la produttività e la qualità.

La trasformazione digitale sta avvenendo a un ritmo lento nel settore delle costruzioni europeo. Ciò significa un enorme divario tra le opportunità digitali teoriche e le realtà costruttiva locale. Edifici più efficienti dal punto di vista energetico richiedono metodi e strumenti innovativi e adatti ai professionisti del settore delle costruzioni, in particolare le PMI, e processi efficienti e collaborativi lungo l'intera catena di valore dell’edilizia. Per affrontare questi problemi, Il progetto "Strumenti e tecnologie basati sul BIM verso una riqualificazione veloce ed efficiente per gli edifici residenziali - BIM4REN" mira a introdurre strumenti BIM all'avanguardia e di facile utilizzo a supporto di processi di riqualificazione energetica, investendo in particolare sui risultati di tre siti pilota (Parigi, San Sebastian e Venezia) che forniranno dati reali per valutare le prestazioni delle innovazioni BIM4REN.

Il BIM è troppo spesso percepito come una raccolta di strumenti e metodi di lavoro complessi che richiedono diverse settimane di lungo addestramento, spesso inaccessibile alle piccole imprese dal punto di vista finanziario e pratico. La partnership BIM4REN mira a sfruttare appieno la tecnologia BIM per migliorare l'efficienza energetica in situazioni di ristrutturazione e riqualificazione del patrimonio edilizio esistente, con particolare attenzione alla microedilizia e alle piccole e medie imprese. RTO di prim'ordine attivi nel settore delle costruzioni (Nobatek, CSTB, Tecnalia, TNO e Fraunhofer ISE)  lavoreranno a fianco di importanti attori industriali (EDF, CMB CarpiATI Project), Università (Aachen University e Vilnius University), aziende di R&S (R2M Solution, COMET e Ekodenge), fornitori di tecnologie (IES, EnerBIM, WiseBIM, VRM e AEC3), PMI (Kursaal e Termoline), un'organizzazione Social Housing (Logirep), l’associazione Green Building Council Italia e la Confederazione europea dei costruttori EBC, l'organizzazione europea che rappresenta micro, piccole e medie imprese dell’edilizia.

"Il nostro settore è per il 94,1% rappresentato da aziende con meno di 10 dipendenti e il 99,4% con meno di 49 dipendenti, tuttavia, mentre la trasformazione digitale del settore delle costruzioni non può essere realizzata senza le PMI, queste aziende non hanno accesso o non usano il BIM", afferma Eugenio Quintieri, segretario generale di EBC, che aggiunge:" Strumenti e metodi digitali consentono di alleggerire compiti pesanti ed evitare azioni sovrapposte, migliorare l'immagine delle nostre professioni, andare verso maggiore efficienza, più risparmio energetico e migliore comunicazione all'interno della catena del valore, purché siano finanziariamente e tecnicamente accessibili alle PMI e costituiscano un reale valore aggiunto! "

Responsabile del 40% del consumo finale di energia nell'UE, l'industria delle costruzioni deve contribuire alla decarbonizzazione dell'economia europea entro il 2050, per raggiungere gli obiettivi dell'UE di ridurre le proprie emissioni di CO2 di almeno l'80% e il suo consumo energetico del 50%. "La trasformazione digitale porta risultati in termini di produttività e consumo energetico, soprattutto avvicinando il consumo reale dell'edificio a quello previsto in fase di calcolo", aggiunge Thomas Messervey, CEO di R2M Solutions e consigliere di GBC Italia, che avverte che entro 5 o 10 anni, la trasformazione guidata dalla tecnologia digitale sarà ancora più radicale: "Oltre alle piattaforme collaborative e ai modelli digitali, dovremo imparare a lavorare con l'intelligenza artificiale, l'Internet delle cose, gli stand alone bulldozer, i gemelli digitali, i cloud, edge computing e molti altri strumenti digitali e intelligenti. "

Il BIM non dovrebbe essere considerato solo come uno strumento per creare e gestire progetti edili di alta qualità in modo più rapido ed economico, ma anche come un'opportunità significativa per ridurre il consumo di energia e le emissioni di gas serra e come il principale stimolo per una migliore collaborazione lungo l'intera catena di valore dell’edilizia. "Considerato il divario tra il modo in cui viene concepito l'uso del BIM e la realtà del suo utilizzo da parte di micro, piccole e medie imprese, dobbiamo sviluppare potenti strumenti per attrarre e coinvolgere i professionisti della costruzione nello sviluppo del BIM", conclude Antoine Dugué, il coordinatore di BIM4REN.

Infatti, BIM4REN mira a sviluppare una piattaforma di servizi collaborativi che coinvolga tutte le parti interessate lungo tutta la catena di valore, al fine di orientare i flussi di lavoro alla tecnologia digitale. In questo senso, il consorzio BIM4REN riunirà una vasta comunità di soggetti interessati all’edilizia, per attività di collegamento con enti e realtà legati a questo settore che potrebbero essere interessati ai risultati del progetto BIM4REN.

Ti invitiamo a manifestare il tuo interesse ed unirti alla community di stakeholder BIM4REN!

Per informazioni: valentina.marino@gbcitalia.org

 

Continua a Leggere »
29 ott 2018

Conferenza UE: Level(s) | Bringing Buildings into the Circular Economy

La Commissione Europea organizza il 18 dicembre a Bruxelles una conferenza per sensibilizzare il settore dell’edilizia verso una economia circolare. Molti passi sono già stati fatti nella direzione della sostenibilità, ma la trasformazione del settore deve accelerare se l'Europa intende arrivare a un'economia circolare e raggiungere gli obiettivi di riduzione delle emissioni, l'efficienza nell'utilizzo delle risorse e il potenziale socio-economico del settore.

La conferenza approfondirà come Level(s), il nuovo quadro di riferimento per la sostenibilità delle costruzioni della Commissione europea, che mira a fornire i parametri per le future politiche del settore, potrà supportare questa trasformazione in tutta Europa,

Level(s) punta a essere un sistema di riferimento europeo per il miglioramento delle prestazioni degli edifici in sei aree: emissioni del ciclo di vita, efficienza delle risorse, uso dell'acqua, salute e comfort, resilienza e adattamento, costi e valore. Ci sono oltre 130 progetti in 21 paesi che stanno testando Level(s).

Partecipa anche tu alla conferenza per entrare nel network della comunità che si occupa di delineare le politiche future del settore edile nella UE e ascolta le voci dei leader di mercato, tra cui:

-Karmenu Vella - Commissario europeo per l'ambiente, la pesca e gli affari marittimi
-Lars Ostenfeld Riemann, direttore esecutivo, edifici, Ramboll
-Cees van der Spek, direttore degli affari pubblici e delle relazioni internazionali, OVG Real Estate
-Derk Welling, Senior Responsible Investment & Governance Specialist, APG Asset Management

I partecipanti ascolteranno anche le testimonianze di coloro che stanno testando Level(s) su progetti in tutta Europa. Verranno condivise le loro esperienze nello sperimentare Level(s) sui loro progetti. Inoltre, i rappresentanti delle principali associazioni di Bruxelles del settore dell'edilizia e del settore immobiliare discuteranno del ruolo di Level(s) nel disegnare la futura politica dell'UE per gli edifici sostenibili.

Questa conferenza è aperta a tutti gli stakeholder interessati a Level(s) e non è limitata solo a coloro che stanno sperimentando questo strumento.

Per maggiori informazioni e registrarsi all'evento cliccca qui

 

Continua a Leggere »
25 ott 2018

Fatti notare! Prendi il tuo posto verde nel mondo

GBC Italia organizza a dicembre due importanti appuntamenti per il settore dell’edilizia con ospiti di rilievo internazionale.

Perché non diventare Day Sponsor dei nostri convegni e mettere la tua azienda sotto i riflettori della trasformazione green?

12-13 dicembre | Ferrara. Due giornate all’insegna della conservazione del patrimonio italiano.

La misura della sostenibilità degli edifici storici: il protocollo GBC Historic Building®
La riqualificazione sostenibile del patrimonio storico. L’esempio della città di Ferrara e le opportunità di internazionalizzazione

14 dicembre | Milano. Roundtable con Ospiti internazionali, Pubblica Amministrazione e mondo dell’Imprenditoria
La decarbonizzazione e l’economia circolare in edilizia e nelle infrastrutture: il ruolo dei rating-system energetico-ambientali.

Ecco i vantaggi di cui potrai beneficiare diventando day sponsor dei nostri eventi a soli 1.000€:

  • Inserire il logo dell'azienda sui materiali di comunicazione previsti per l'evento: news sul sito di GBC Italia, flyer, cartella stampa, programma evento;
  • Esporre il logo dell'azienda su slideshow proiettata in occasione dell'evento in apertura e chiusura degli interventi del convegno;
  • Esporre e distribuire brochure di materiale illustrativo e promozionale dei propri servizi e prodotti, volantini e simili in quantità non superiore a 300 pezzi.

 

Sei interessato a prendere un posto di rilievo all'interno della filiera edilizia? Scrivici entro il 9 novembre! Il nostro staff penserà poi a darti tutto il supporto necessario.

Per info: eventi@gbcitalia.org

Continua a Leggere »
25 ott 2018

GBC Italia a Ecomondo | Efficientamento degli edifici esistenti

GBC Italia sarà presente e protagonista di alcuni importanti appuntamenti dell'edizione 2018 di Ecomondo.

Mercoledì 7 Novembre nel panel Nuovi modelli organizzativi per le filiere industriali (clicca qui per il programma completo), parleremo di come gli schemi di organizzazione industriale delle filiere di produzione possano divenire una straordinaria opportunità di sviluppo per settori come l'edilizia nei quali il recupero e la valorizzazione dei materiali impiegati è ancora difficoltosa e incontra ostacoli tecnici ed economici. 

Giovedì 8 novembre GBC Italia organizza il convegno dal titolo Efficientamento edifici esistenti, per discutere sul tema della riqualificazione profonda degli edifici come opportunità per un rilancio del settore. Affinché tale potenziale sia sfruttato per produrre benefici di lungo periodo sarebbe necessario che:

  • La riqualificazione energetica degli edifici sia lo spunto per una più profonda trasformazione dell’intero patrimonio immobiliare del paese mediante:
  • L’incentivazione della deep-renovation integri gli interventi energetici con quelli strutturali e di salubrità degli ambienti
  • L’innovazione del settore sia favorita mediante l’industrializzazione delle tecniche di riqualificazione con la conseguente riduzione dei tempi e costi degli interventi.

 

Gli obiettivi di deep-renovation richiedono anche la creazione di strumenti di finanziamento evoluti rispetto alle attuali proposte, che ne garantiscano una sostenibilità economica. I meccanismi di finanziamento dovrebbero trovare le modalità per soddisfare le diverse esigenze della domanda, come ad esempio la costruzione di mutui verdi con condizioni correlate sulle performance dell’edificio, e per risolvere la criticità degli incapienti garantendo la “portabilità” delle detrazioni nei confronti del mondo bancario e delle utilities. L’incentivazione finanziaria dovrebbe essere accompagnata anche da un’adeguata semplificazione amministrativa eliminando le difficoltà che l’utente e l’operatore medio ha per accedervi.

Per investimenti di così lunga durata, e di rilevante impegno tecnico ed economico, è fondamentale attivare strumenti di controllo del raggiungimento del risultato quali:

  • I protocolli di certificazione di sostenibilità energetico-ambientale, che consentono di guidare la progettazione degli interventi integrati e misurarne l’impatto.
  • I sistemi di monitoraggio dei consumi, per verificare la costante performance nel tempo.

 

Il convegno cercherà di toccare tutti questi aspetti, mediante relazioni di attualità ed innovazione, fondamentali per una reale evoluzione ed accelerazione della deep-renovation degli edifici e della rigenerazione urbana.

PROGRAMMA

14:30 Introduzione

14:45 Daniela Bosia e Valentina Marino (Politecnico di Torino)
La valorizzazione del patrimonio edilizio esistente

15:15 Paolo Bonaretti (Amministratore delegato di Iren Smart Solution)
L’integrazione delle soluzioni come driver nelle politiche di riqualificazione del patrimonio pubblico e privato

15:45 Marco Caffi (Direttore di GBC Italia)
Gli interventi di rigenerazione urbana: dalla scala quartiere alla scala edificio. I protocolli GBC Quartieri e GBC Condominio e GBC HB come linee guida di intervento per retrofitting sostenibili

16:15 Andrea Costa (R2M Solution e coordinatore comitato tecnico EA di GBC Italia)
Le tecniche di riqualificazione profonda integrata: efficienza, sicurezza, confort e salubrità

16:45 Davide Vivaldi (Responsabile Settore Finanziamenti Privati e Small Business MPS) (TBC)
Gli strumenti finanziari innovativi per la riqualificazione profonda degli edifici esistenti

17:15 Lorenzo Balsamelli (Onleco e coordinatore protocollo GBC Condomini di GBC Italia)
Case history

DETTAGLI

Giovedì 8 Novembre 2018 | 14:30 - 18:00
Rimini Fiera, Expo Centre | Sala Gardenia Hall Est
Per maggiori informazioni e iscrizioni: clicca qui.

 

Continua a Leggere »
24 ott 2018

Alessandro Lodigiani si conferma segretario del Chapter Lombardia!
Martedì 23 ottobre 2018 si sono svolte le elezioni per il rinnovo delle cariche del Chapter Lombardia.
 
Alessandro Lodigiani di Duff & Phelps REAG SpA è stato confermato segretario per altri 3 anni di mandato.
 
La nuova squadra del direttivo del Chapter Lombardia è formata da 14 consiglieri, un mix tra nuovi ingressi e conferme, che rappresentano bene l’intera filiera del real estate. Un team giovane con tanta voglia di fare per promuovere nuove iniziative e supportare le azioni dell’associazione sul territorio. Un ringraziamento speciale va ai consiglieri che hanno lavorato nel triennio passato e un augurio di buon lavoro al nuovo direttivo in carica! 
 
Componenti del direttivo del Chapter Lombardia:
 
  1. Alessandro Lodigiani, Duff & Phelps Reag
  2. Luca Bertoni, Fabryca Società di Ingegneria
  3. Alberto Bruno, Progetto CMR
  4. Andrea Costa, R2M Solution
  5. Riccardo Diaferia, Deerns Italia
  6. Maria Elena Gasperini, Jacobs Italia
  7. Alberto Lodi, libero professionista
  8. Massimiliano Mandarini, Marchingenio
  9. Paolo Panciroli, CNA Lombardia
  10. Dante Parisi, Italcementi
  11. Giuseppe Petrelli, Synthesis
  12. Laura Rusconi Clerici, Tekne
  13. Carmen Spagnoli, Lombardini22
  14. Elena Veneziani, UL International Italia

 

La sede del Chapter Lombardia rimane invariata presso:
 
ICMQ
Istituto di Certificazione e Marchio di Qualità per Prodotti e Servizi per le Costruzioni
Via G. De Castillia, 10
20124 Milano
Continua a Leggere »
23 ott 2018

Venetian Green Building Cluster: costituito il consorzio di rappresentaza

Nuovo importante passo per Venetian Green Building Cluster che riunisce gli operatori veneti della filiera dell’edilizia e delle costruzioni con lo scopo di sviluppare e innovare l’edilizia sostenibile, accelerare la trasformazione green dell’intero settore, sostenere processi di rigenerazione urbana ed edilizia sostenibile, promuovere nuovi modelli di business connessi allo sviluppo di città intelligenti, all’Industria 4.0, alla trasformazione del mercato immobiliare, alla limitazione del consumo di suolo.

Venerdì 12 ottobre, di fronte al notaio, è stata “firmata” la costituzione del consorzio di rappresentanza della rete innovativa regionale riconosciuta recentemente dalla Regione Veneto con delibera 1304 della Giunta, come Rete Innovativa Regionale e promossa da Chapter Veneto di Green Building Council Italia, da Confindustria Venezia Rovigo, Fondazione Univeneto, CNA Veneto, ANCE Veneto, Unioncamere Veneto, Confartigianato Veneto, ANACI Veneto.

I componenti del consorzio e i rispettivi consiglieri sono i seguenti:

  • Ance Veneto Progetti S.R.L., Salmistrari Giovanni, Presidente
  • Green Building Council Italia, Roglieri Mauro, Vice Presidente
  • Fondazione Univeneto, Romagnoni Piercarlo, Consigliere
  • Seingim Global Service S.R.L., Pinton Fabio, Consigliere
  • Ecipa Societa' Consortile A Responsabilita' Limitata, De Col Moreno, Consigliere
  • Istituto Veneto Per Il Lavoro, Casteller Mirco, Consigliere

 

Questa fase organizzativa, che terminerà con i primi incontri dei rappresentanti del consorzio, a breve lascerà spazio allo sviluppo della progettazione ed alla messa in pratica delle azioni contenute nei principi cardine di Venetian Green Building Cluster, ad esempio per lo studio di metodologie e tecnologie innovative a supporto della progettazione sostenibile di edifici e città, del restauro conservativo, del miglioramento delle performance di impianti ed involucri, dell’invenzione di nuovi materiali, della definizione di nuovi modelli finanziari in grado di sostenere la trasformazione del mercato.

Continua a Leggere »
22 ott 2018

Città Consapevoli | Milano, 26.10.2018

Costruire architetture e spazi urbani centrati sul benessere della persona: è questo il concetto che anima “Conscious Cities 2018”, la quarta edizione del Festival londinese che avrà Milano come ultima tappa dell’evento.


Nello spazio ibrido e multidisciplinare di Lombardini22 - quarto partner del network globale nato a Londra, con New York e Melbourne - si parlerà di Architettura, Spazi Urbani, e Neuroscienze Cognitive, sul piano economico e sociale.


L’appuntamento italiano del Festival Internazionale, il 26 ottobre, approfondirà il grande potenziale di un trend in crescita ma ancora inesplorato, con un divario sostanziale tra richiesta degli utenti e offerta di mercato. Rispondere con cura alle articolate richieste emotive di chi vive gli ambienti risulta un investimento proficuo per tutte le parti in gioco, proprietari di immobili, utenti e developers.
Uffici disegnati per aumentare la produttività e il team building, scuole che favoriscono l’apprendimento, ospedali che riducono i tempi di recupero: le neuroscienze applicate alla progettazione diventano strumento per ottenere una migliore user experience, che si traduce anche in un impatto positivo sulla spesa sanitaria per la cura del disagio psicofisico.


L’evento vedrà protagoniste diverse personalità di settore tra cui Itai Palti, fondatore del movimento “Conscious Cities”, architetto e ricercatore, per raccontare la trasformazione di spazi fisici in un’esperienza multisensoriale attraverso data analysis e nuove tecnologie.
Per approfondire l’impatto neurologico ed emotivo degli ambienti architettonici interverranno Michela Balconi, responsabile del Dipartimento di Ricerca in Neuroscienze Sociali ed Affettive, e Davide Ruzzon, Architetto e Direttore Scientifico del Master NAAD allo Iauv di Venezia, il primo nel mondo dedicato interamente alle Neuroscienze applicate alla progettazione architettonica.
Tra i relatori anche Alice Hollenstein, fondatrice dell’organizzazione Urban Psychology Consulting & Research, con base a Zurigo, concepita per supportare imprenditori edili e urbanisti in questo nuovo approccio alla progettazione.
Per discutere gli effetti negativi e psichici prodotti dalla città moderna e i fattori che devono essere presi in considerazione nel processo di pianificazione urbana interverranno il Presidente RUR (Urban Research Institute) Giuseppe Roma e Piero Pelizzaro, specializzato in resilienza urbana e Chief Resilience Officer al Comune di Milano.
Fabio Bicciato, esperto in Finanzia Etica e Cooperazione Internazionale, parlerà della necessità di investimento sostenibile nel settore immobiliare a fronte di fattori come il cambiamento climatico, le crescenti disuguaglianze sociali e i flussi di migrazione, per generare un impatto che sia incisivo a livello sociale ed ambientale.


Il confronto avverrà nella suggestiva cornice di Lombardini22, la società di progettazione italiana che nel 2013 ha introdotto per prima il dibattito in Italia attraverso il progetto culturale “Empatia degli Spazi”. Un percorso che nel 2016 ha portato, con la Direzione dello stesso Davide Ruzzon, alla fondazione di TUNED: il nuovo strumento di Lombardini22 concepito per guidare lo sviluppo del progetto architettonico in sintonia con le attese emozionali delle persone che li abitano.

 

Scarica qui il programma degli interventi.

La partecipazione è gratuita.
Riserva il tuo posto attraverso Eventbrite
o scrivendo a eventi@lombardini22.com

 

 

Continua a Leggere »
18 ott 2018

Connected Living | Come la tecnologia migliora il comfort abitativo degli edifici

Il comfort ambientale sta divenendo il fattore determinante nella valorizzazione degli edifici poiché la qualità costruttiva delle abitazioni e degli uffici influisce in maniera preponderante sia sulla salute psicofisica sia sulla produttività delle attività svolte. Durante l’evento, che si terrà il 26 ottobre a Oderzo (TV) presso The Nice Place, saranno dunque illustrate le tecniche progettuali più innovative e le modalità per ottimizzarle.

PROGRAMMA

13:30 | Welcome coffee e registrazione partecipanti

14:00 | Seminario

Introduzione al seminario
Giorgio Tartaro, giornalista e direttore editoriale

Il comfort ambientale quale fattore premiante il valore dell’edificio
Marco Caffi, Direttore GBC Italia

L’ottimizzazione del comfort e dell’efficienza dell’edificio: le tecniche di simulazione dinamica
Michele De Carli, Professore associato in Energy and Building presso Università degli Studi di Padova

La sostenibilità non è più un’opzione nei percorsi edilizi
Mario Cucinella, Architetto e Fondatore di MCA Mario Cucinella Architects.

16.00 | I player che oggi si contraddistinguono per soluzioni innovative

Sistemi intelligenti di controllo dell’irraggiamento e illuminazione naturale, connettività e comfort
Massimo Riggio, Chief Marketing Officer di Nice

Protezione solare interna nei grandi headquarters: la bidirezionalità nel percorso dell’energia e del controllo
Massimiliano Asara, Responsabile Commerciale di Omnitex

Migliorare la gestione della luce, del calore e del suono grazie alle schermature solari
Matteo Scampini, Direttore Generale di EOSDESIGN

Schermature solari ed ecobonus, dove stiamo andando
Abramo Barlassina, Responsabile Assotende, Federlegnoarredo

Energie interconnesse per il comfort abitativo
Alessandro Trevisan, Relatore Accademia Viessmann

Luce e benessere
Antonio Levantesi, IoT Product Manager di iGuzzini Illuminazione

Case history di edifici certificati con elevate prestazioni di comfort
Andrea Fornasiero, Presidente Comitati Standard di GBC Italia e R&D Engineering di Manens-Tifs

Aperitivo di networking


ISCRIVITI QUI
Connected Living 26/10


NOTA Richiesta accreditamento crediti per architetti inoltrata a CNAPPC e in attesa di conferma

DATA E ORA
venerdì 26 ottobre 2018
13:30 – 19:30

LUOGO
Nice Spa
1 Via Callalta
31046 Oderzo (TV)

LOCANDINA
Clicca qui

Continua a Leggere »
15 ott 2018

Convention e Assemblea GBC Italia | 14 dic 2018 Milano

Venerdì 14 dicembre presso il Politecnico di Milano si terrà un importante convegno internazionale dal titolo "La decarbonizzazione e l’economia circolare in edilizia e nelle infrastrutture: il ruolo dei rating-system energetico-ambientali".

La necessità di un salto di qualità dell’edilizia in Italia, e in tutto il mondo, rende di grande attualità la comprensione dei processi e degli strumenti oggi disponibili per contrastare il cambiamento climatico, limitare l’uso di risorse, contribuire in modo concreto alla decarbonizzazione e all’evoluzione verso un’economia circolare.

I rating system di sostenibilità dell’edilizia rappresentano concretamente una parte della risposta a tale esigenza, supportando la Pubblica Amministrazione, gli investitori, i professionisti e le imprese nell’integrazione dei complessi processi che caratterizzano il settore delle costruzioni.

Il convegno ha lo scopo di riunire a confronto, per la prima volta in Italia, i diversi sistemi di rating per la valutazione della sostenibilità in edilizia, facendo emergere gli obiettivi comuni e le peculiarità dei singoli sistemi che costituisco uno dei principali strumenti per la trasformazione del mercato delle costruzioni. 

PROGRAMMA

Politiche di sviluppo sostenibile dell’edilizia 9:30 – 10:30

Giuliano Dall’Ò Presidente Green Building Council Italia
Moderatore

Stefano Della Torre Direttore Dipartimento ABC Politecnico di Milano
Il ruolo della ricerca per un’edilizia del futuro

James Drinkwater Direttore European Regional Network del World Green Building Council
Le politiche europee e il ruolo dei Green Building Council a supporto dell’implementazione dello schema LEVEL(s) in Europa

Raffaele Cattaneo Assessore all’Ambiente e Clima della Regione Lombardia
Lo sviluppo e la rigenerazione sostenibile del territorio su base regionale

Roberto Maviglia Consigliere Delegato di Città Metropolitana di Milano
Il progetto di efficientamento energetico degli edifici scolastici di Città Metropolitana di Milano 

Marco Granelli Assessore Mobilità e Ambiente del Comune di Milano
Pensare globale, agire locale: le città protagoniste del cambiamento

Marco Dettori Presidente Assimpredil ANCE di Milano, Lodi, Monza e Brianza
Dinamiche del mercato e sulle strategie imprenditoriali per cogliere le nuove opportunità nell’edilizia

Tavola rotonda con i referenti dei rating system utilizzati in Italia 10:30 – 12:30

Moderatore: Monica Lavagna
Dipartimento ABC Politecnico di Milano e membro del Comitato Scientifico di Green Building Council Italia

Kay Killmann
Managing Director of GBCI Europe
(LEED, WELL, PEER, GRESB, EDGE, SITES, TRUE)

Martin Townsend
Director of Sustainability BREEAM
(BREEAM)

Carlo Battisti
European Executive Director International Living Future Institute 
(Living Building Challenge)

Lorenzo Orsenigo
Direttore ICMQ
(ENVISION)

Ulrich Santa
Direttore Agenzia Casa Clima
(CASA CLIMA)

Andrea Moro
Presidente iiSBE Italia
(ITACA)

Giuliano Dall’Ò
Presidente Green Building Council Italia
(GBC ITALIA)

Scarica la locandina dell'evento: clicca qui.

Richiesta accreditamento crediti per ingegneri e architetti inoltrata agli ordini e in attesa di conferma.


INFORMAZIONI

L’ingresso è gratuito, previa iscrizione obbligatoria. Posti limitati.

Durante la convention sarà disponibile il servizio di traduzione.

Nel pomeriggio si terrà la consueta Assemblea generale di fine anno riservata ai Soci in regola con il pagamento della quota associativa, anticipata da un light lunch di networking.


SPONSOR

     
     
     
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Continua a Leggere »
15 ott 2018

Lavoriamo insieme per la crescita di GBC Italia

Messaggio del Presidente Giuliano Dall'Ò ai soci

 

Cari soci,

si sta avvicinando la fine del primo anno del mandato che è stato assegnato a me e ai colleghi del Consiglio di Indirizzo e del Comitato Esecutivo. Un primo anno sicuramente impegnativo sotto molti punti di vista ma allo stesso tempo stimolante, nel quale GBC Italia è cresciuta nel panorama nazionale, ma anche nel contesto internazionale. All'Assemblea generale del 14 dicembre che si terrà a Milano, vogliamo arrivare insieme a voi e, più in generale, con il coinvolgimento aperto e ampio di tutta la filiera coinvolta nel promuovere l'edilizia "green".

Tutto il lavoro di quest'anno ha avuto come filo conduttore il vostro coinvolgimento attraverso iniziative che consentissero di farvi sentire parte dell’associazione. Sarebbe troppo lungo liquidare qui, in poche frasi, tutte le attività che sono state fatte: l'Assemblea generale di dicembre sarà il giusto momento nel quale descriverle, spiegarle e valutarle insieme, anche con spirito critico, per porre le basi per un 2019 ancora più ricco. Il tutto con l'importante ed indispensabile contributo di tutti noi, soci di GBC Italia.

In queste poche settimane rimaste che ci separano da oggi al giorno dell'Assemblea il lavoro da fare è ancora molto. Una novità di quest'anno è rappresentata da una survey che si chiuderà il 16 novembre, il cui scopo è quello di conoscere meglio il parere dei soci. La compilazione del questionario on-line richiederà un impegno davvero esiguo, tuttavia i dati e le informazioni che ci vorrete fornire, in modo anonimo, sono molto importanti. Il nostro staff fornirà tutto il supporto necessario ed anche i Chapter faranno la loro parte per promuovere e stimolare la compilazione al maggior numero di soci. Controllate con attenzione la vostra mail per non perdere questa occasione di far sentire la vostra voce.
Attraverso la survey ogni socio si potrà esprimere su questioni legate alla nostra Associazione: da come viene gestita, alla qualità dei servizi offerti, ma si potrà anche esprimere, e questo per noi è fondamentale, in modo propositivo offrendo degli spunti su ciò che l'Associazione potrebbe fare per il mercato dell'edilizia e delle infrastrutture green. La sintesi delle informazioni raccolte verrà presentata proprio nella giornata dell'Assemblea generale di dicembre che sarà anche l'occasione per premiare i soci che si contraddistinguono per particolare eccellenza.

I GBC Awards sono per tutti noi una bella tradizione della quale andiamo orgogliosi. Ricordiamo che le iniziative riguardo i premi sono tre: i Leadership Awards, organizzati nelle categorie Leadership in Design & Performance, Leadership d'Impresa e Sostenibilità e Leadership in Green Building nel Settore Pubblico, il Premio Mirna Terenziani ed il Premio Chapter dell'Anno

Come consuetudine l'Assemblea è anche un’occasione per promuovere un evento aperto su tematiche di particolare rilievo. La mattina del prossimo 14 dicembre, presso la prestigiosa Aula De Donato del Politecnico di Milano, abbiamo in programma un importante convegno internazionale dal titolo "La decarbonizzazione e l’economia circolare in edilizia e nelle infrastrutture: il ruolo dei rating-system energetico-ambientali". Il convegno, al quale parteciperanno i più importanti referenti internazionali, ha lo scopo di riunire a confronto, per la prima volta in Italia, i diversi sistemi di rating per la valutazione della sostenibilità in edilizia e nelle infrastrutture, facendo emergere gli obiettivi comuni e le peculiarità dei singoli sistemi che costituisco uno dei principali strumenti per la trasformazione del mercato delle costruzioni.
L’evento sarà suddiviso in due sezioni, una prima di introduzione delle visioni delle politiche di sviluppo dell’edilizia sostenibile ed una seconda di approfondimento dei principali rating system nazionali ed internazionali.

Tante cose sono state fatte in questo primo anno, ma tante devono essere ancora fatte per promuovere GBC Italia, la più importante associazione tecnico-scientifica nel settore dell'edilizia sostenibile. Ci aspettiamo una grande partecipazione da parte di tutti voi. Questo non solo valorizzerà la vostra adesione, ma soprattutto renderà più forte l'Associazione nel lavorare congiuntamente per un mondo in cui gli interessi economici si possano coniugare con quelli ambientali ed etici delle città e del territorio.

Continua a Leggere »
11 ott 2018

GBC Italia al SAIE 2018

GBC Italia sarà protagonista al SAIE 2018 con un'agenda ricca di eventi.

Scopri gli appuntamenti da non perdere.

  

Seminari di GBC Italia | Padiglione 33, Arena Logical Soft
Incontri tecnici gratuiti
18/10 - Ore 15 | I CAM nell'edilizia
18/10 - Ore 16 | Progetto di edifici nZEB
19/10 - Ore 14 | La certificazione GBC Historic Building
20/10 - Ore 11 | La certificazione LEED e GBC
Clicca qui per il programma completo di tutti gli incontri tecnici.

Convegno | Pad. 26 stand A98, Arena Regione Europa
Le prospettive d’azione per una Nuova Cultura Urbana
Tra i relatori: Ing. Marco Mari, Vicepresidente GBC Italia
Clicca qui per il programma completo.

Convegno | Sala Blu Pad. 25, CondominioItalia Expo
L'efficienza energetica nei condomini: un benessere per la popolazione
Tra i relatori: Ing. Lorenzo Balsamelli, GBC Italia
Clicca qui per il programma completo.

Tavola rotonda | Pad. 26, Area Federbeton
Il valore del costruire bene | Sostenibilità
Tra i relatori: Ing. Manuela Ojan, GBC Italia
Clicca qui per il programma completo.

 

Vieni a trovaci al SAIE per scoprire le speciali promozioni sulla nostra offerta formativa ideate appositamente per l’evento!

Continua a Leggere »
01 ott 2018

Qual è il reale valore degli edifici certificati?

Editoriale di Giuliano Dall'Ò

Il 2 ottobre, a Milano, verranno presentati i risultati di una ricerca realizzata da REbuild Italia, in collaborazione con CBRE e GBCI Europe su immobili locati di grande taglia, certificati LEED, destinati a operatori professionali nel cuore del centro urbano di Milano e nel distretto Porta Nuova.


La finalità di questo lavoro è quella di verificare come il mercato del Real Estate consideri di maggior valore un edificio "green" certificato, un tema questo che a noi tutti sta molto a cuore.
Volendo fare una estrema sintesi dei dati che emergono da questa ricerca, c'è la conferma che il mercato immobiliare distingue la qualità specifica della certificazione LEED rispetto a quella di immobili privi di certificazione fornendo perfino delle cifre: l'aumento di valore riconosciuto si colloca tra il 7% e l'11% e più.


Una così importante ricerca, la prima del genere in Italia e una delle prime in Europa, merita un approfondimento sul piano scientifico che faremo senz'altro attraverso una attenta lettura del documento, anche per comprendere che tipo di approccio sia stato adottato e sulla base di quali presupposti sia stata fatta questa interessante valutazione. 
Questi dati forniti in anteprima, e l'esistenza stessa di questo rapporto, sono elementi che invitano a fare delle riflessioni.


Ho evidenziato in più occasioni, sia attraverso miei editoriali sia attraverso interventi a tavole rotonde sul tema, come Il riconoscimento oggettivo di un maggior valore di mercato degli edifici sostenibili certificati sia un elemento non solo importante ma indispensabile per accelerane il cambiamento. La novità è che ora esiste uno studio con valutazioni oggettive, ma soprattutto che questo studio è stato promosso anche da una società, CBRE, leader al mondo nella consulenza immobiliare. 


Il coinvolgimento dei consulenti immobiliari, in particolare i RICS (Royal Intitution of Chartered Surveyors), era l'elemento nuovo del progetto europeo EeMAP (Energy efficient Mortgages Action Plan) che ci ha visti protagonisti all'interno dell'Europe Regional Network del World Green Building Council.  Un riconoscimento del maggior valore degli edifici "green" da parte dei consulenti che di fatto effettuano delle stime degli edifici è un elemento importante. E che finalmente si arrivi a riconoscere un valore concreto agli sforzi di chi si impegna ad investire nell'edilizia sostenibile, può essere considerato un vero punto di svolta.


Senza dubbio si tratta di un’ottima notizia avere la conferma che una progettazione sostenibile paghi, perché è la dimostrazione più lampante che da parte di chi acquista o di chi prende in locazione spazi in questi edifici green certificati, l'atteggiamento sta cambiando e la sostenibilità sta diventando un importante elemento di scelta. 
La maggiore efficienza energetica, tradotta direttamente in un minore costo di gestione, è di più facile comprensione; molto complessa invece è la qualità ambientale che implica una visione sul medio lungo periodo in quanto apparentemente non fornisce, a chi investe su un edificio sostenibile, dei vantaggi immediati. Il maggior valore dell'11% può essere considerato però limitativo se non si considerano due elementi: le dinamiche di mercato e l'aspetto etico.

Le dinamiche di mercato, a prescindere dal maggior valore degli edifici di qualità, premiano la loro appetibilità accelerando notevolmente i processi di collocazione. Se in una fase come quella attuale un edificio sostenibile certificato si vende prima di un edificio tradizionale, in un futuro non tanto lontano un edificio tradizionale si collocherà sul mercato con grandi difficoltà.  Basta guardare una realtà come quella di Milano per verificare la forte accelerazione in atto verso un modello di maggiore sostenibilità che non riguarda solo gli edifici, ma importanti parti del territorio: Milano sta diventando la città più sostenibile europea.
Il forte interesse verso il recupero energetico ed ambientale degli edifici esistenti dimostra come questo passaggio sia indispensabile e come si sia superato già da tempo il punto di non ritorno.
Il maggior valore certificato è certamente una bellissima notizia, ma non può essere l'unico driver del cambiamento.
Un ulteriore approfondimento della ricerca, ed in questo caso il mondo universitario dovrebbe dare una mano, è la risposta ad un quesito che può sembrare fin troppo banale ma che banale non è: negli edifici sostenibili certificati si vive meglio e si lavora meglio? La salubrità intesa come riduzione drastica delle patologie di chi vive negli spazi confinati è un valore che può essere quantificato: una esternalità che pone l'uomo al centro delle scelte. Volendo essere ancora più orientati all'interesse economico possiamo affermare che negli edifici del terziario costruiti nel rispetto dei criteri introdotti dai protocolli di certificazione, non solo LEED e GBC ovviamente, il lavorare meglio si traduce in una maggiore produttività.


Esiste poi l'aspetto etico che non dobbiamo mai dimenticare. Tutti i nostri sforzi e tutte le nostre azioni vanno nella direzione di un miglioramento della qualità ambientale non solo interna, ovvero confinata dall'involucro dell'edificio, ma anche esterna. E mentre la qualità ambientale interna è a beneficio di chi abita questi edifici, la qualità ambientale esterna è a beneficio di tutti.
Il valore degli edifici "green" certificati quindi va molto al di là di una percentuale che rimane comunque un parametro indispensabile per accelerare una trasformazione concreta in un mondo in cui l'economia è importante, ma che oggi più di ieri, non può prescindere dal tenere in considerazione gli aspetti ambientali e sociali.

Continua a Leggere »
01 ott 2018

Conclusa con successo la World Green Building: grazie a tutti!

L'edizione 2018 della settimana mondiale dei green building si è conclusa con una grande partecipazione da parte dell community italiana.

Tanti e vari gli appuntamenti su tutto il territorio italiano che hanno visto il contributo dei soci di GBC Italia e una buona partecipazione del pubblico per le tematiche trattate. Dal Trentino alla Sicilia, dal Piemonte al Veneto, l'Italia si è mobilitata per motivare le persone sul fatto che tutti possono fare qualcosa per rendere le abitazioni più green e dare un piccolo contributo può far risparmiare energia, denaro e far sì che il nostro pianeta diventi più sano per le future generazioni. Perchè non esiste un pianeta B!

Oltre 500 persone hanno partecipato agli eventi organizzati in occasione della World Green Building Week e più di 140 sono state le richieste di adesione al webinar formativo su come gli edifici residenziali possono contribuire alla lotta contro il cambiamento climatico.

Grazie a tutti per la partecipazione attiva!

World Green Building Week


Link utili
Presentato il primo edificio certificato GBC Home in Abruzzo
Chapter Lombardia: i traguardi e gli obiettivi

Continua a Leggere »
28 set 2018

Presentato il primo edificio certificato GBC Home in Abruzzo

In occasione della World Green Building Week (24-30 settembre 2018), il vicepresidente di GBC Italia Marco Mari ed il Chapter Abruzzo - Molise hanno presentato il Condominio Iannini, il primo edificio certificato GBC HOME (Livello Gold) in Abruzzo.

Nella relazione di apertura dell'evento, moderata dal giornalista Angelo De Nicola, il vicepresidente Marco Mari ha evidenziato l'opportunità per la città ed il territorio di incentivare l'utilizzo dei protocolli di sostenibilità LEED/GBC.

Tra i relatori anche Maurizio Sabatino Pirocchi, GBC HOME AP e aderente al Chapter Abruzzo Molise, che è intervenuto sulle strategie di sostenibilità applicate per la certificazione del Condominio Iannini, e Mauro Irti (COAF Srl), che ha focalizzato l'intervento su come le imprese possano contribuire nel realizzare edifici sostenibili e certificati utilizzando protocolli internazionali.

A seguire sono intervenuti: la Dott ssa Augusta Iannin, il presidente ANCE L’Aquila dott. Adolfo Cicchetti, l’onorevole Stefania Pezzopane e il consigliere Regionale Pierpaolo Pietrucci.

Continua a Leggere »
28 set 2018

Chapter Lombardia: i traguardi e gli obiettivi

Martedì 25 settembre, il Chapter Lombardia di GBC Italia ha organizzato un incontro presso il nuovo showroom Ideal Standard a Milano, in vista delle elezioni per il rinnovo delle cariche di fine ottobre 2018.

Numerosa la partecipazione: circa una quarantina i soci intervenuti che hanno potuto incontrare ed ascoltare le parole del Presidente Giuliano Dall’Ò e di alcuni membri del Comitato Esecutivo, invitati ad illustrare la visione del mercato del green real estate in Milano e ad evidenziare le attività strategiche dell’Associazione.

Il Segretario del Chapter Alessandro Lodigiani, con alcuni volontari del Consiglio Direttivo, ha raccontato alla sala quanto è stato fatto in questi anni – dalla nascita del Chapter ai giorni d’oggi: le green session, i temi affrontati, le manifestazioni partecipate, le riunioni organizzative.

Non è mancato il momento dei ringraziamenti verso tutti coloro che volontariamente hanno dedicato idee, risorse e tempo per vincere la scommessa della sostenibilità in edilizia. “Grazie alla capacità di Milano e della community del real estate che rappresentiamo, oggi è possibile passeggiare per interi quartieri costellati di edifici LEED; ed è solo l’inizio” queste le parole del Segretario che ha proseguito nel chiamare tutti i soci alla partecipazione attiva alla vita del Chapter per essere protagonisti della trasformazione del mercato delle costruzioni.

Durante l’incontro si sono creati momenti di confronto e di riflessione, sia per raccogliere eventuali critiche sia per lanciare qualche nuova idea. Sono state anche spiegate nel dettaglio le modalità di candidatura e la data ufficiale delle elezioni che si terrà nella seconda metà di ottobre presso la storica sede del Chapter Lombardia in ICMQ a Porta Nuova.

Continua a Leggere »
27 set 2018

LEED: la certificazione aumenta il valore dell’immobile fino all’11%

La prima ricerca italiana sul valore degli immobili certificati LEED® attesta l'apprezzamento del mercato. L’aumento di valore riconosciuto è tra il 7 e l’11% in più rispetto agli immobili privi di certificazione ambientale. La ricerca, realizzata da Rebuild in collaborazione con CBRE e GBCI Europe, verrà presenta in occasione di REbuild Milano, il 2 ottobre a Milano, evento al quale parteciperà anche GBC Italia, come ente di riferimento per la promozione di LEED in Italia e per il green building.

Il mercato premia gli immobili con la certificazione LEED riconoscendo nella sostenibilità un elemento decisivo per orientare le scelte di investimento: il mercato apprezza di conseguenza il valore dell’asset immobiliare con un incremento tra il 7 e l’11% in funzione della qualità della certificazione.

L’effetto della certificazione non si limita alla diversa valorizzazione dei beni, ma incide sui tempi della loro commercializzazione. L’indagine, condotta sul mercato milanese, evidenzia un significativo miglioramento dei tempi di collocamento sul mercato delle superfici a uso terziario, se l’immobile è certificato.

L’effetto congiunto dei due effetti rilevati nell’indagine - aumento dei prezzi e maggiore rapidità di collocazione sul mercato - determina un aumento del rendimento dell’investimento: un segnale dunque di rilievo per gli investitori per i quali la sostenibilità non è solo una scelta etica, ma un’opportunità per superiori prestazioni economiche e finanziarie.

Questi in sintesi i dati di una ricerca realizzata da REbuild Italia (piattaforma per l’innovazione delle costruzioni italiane), in collaborazione con CBRE (leader al mondo nella consulenza immobiliare) e GBCI Europe (ente terzo che gestisce la certificazione di sostenibilità LEED Leadership in Energy and Environmental Design nel mondo) su immobili locati di grande taglia destinati a operatori professionali nel cuore del centro urbano di Milano e nel distretto Porta Nuova. 

“Dalla ricerca, che verrà integralmente presentata il 2 Ottobre pomeriggio a Milano in occasione di REbuild, emerge chiaramente che il mercato distingue la qualità specifica della certificazione LEED soprattutto nelle versioni Gold e Platinum, rispetto a immobili privi di certificazione, evidenziando una preferenza della domanda per immobili contraddistinti da superiori standard ambientali” conferma Ezio Micelli, Presidente del Comitato scientifico di REbuild.

Questo conferma analoghe indagini condotte, in particolare nel Regno Unito, da RICS che mette in luce la tendenza del mercato immobiliare italiano a riconoscere in modo sempre più netto il ruolo della sostenibilità nella creazione di valore.

“Questa ricerca – dichiara Federica Saccani, Head of Building Consultancy & Sustainability di CBRE Italia - dimostra come anche a Milano la certificazione LEED rappresenta un vero elemento di attrattività per gli investor. I risultati, che per la prima volta riescono a quantificare quello che finora è stato solo un dato qualitativo, confermano che le transazioni di immobili certificati sono più rapide e performanti”.

I programmi di certificazione di sostenibilità a livello di edificio sono diventati parte integrante del settore immobiliare commerciale e il mercato dei capitali ha iniziato a prenderne atto. Le aziende e gli investitori sono attenti ai temi della sostenibilità e considerano i fattori ambientali, sociali e di governance (ESG) come le migliori pratiche da seguire.

Kay Killmann, Direttore di GBCI Europe, punto di riferimento europeo per i Green Building Council continentali evidenzia che “Questo è il primo rapporto in Europa che analizza in profondità i benefici della certificazione LEED. Certificazione che oltre a una serie di significativi vantaggi tangibili apporta molti benefici in grado di ridurre i rischi. Infatti gli edifici certificati LEED non solo risparmiano energia, acqua, materiali e risorse e generano meno rifiuti ma le organizzazioni che occupano tali spazi verificano in misura crescente i loro benefici diretti in termini di incremento di salubrità e produttività e di riduzione del turnover del personale”.

Continua a Leggere »
27 set 2018

GBC Italia al Festival Internazionale

Venerdì 5 ottobre GBC Italia sarà al Festival Internazionale a Ferrara con il convegno "Rigenerazione Urbana e Adattamento ai Cambiamenti Climatici", per discutere della riprogettazione e della trasformazione urbana. Rigenerezione, resilienza e adattamento ai cambiamenti climatici saranno le parole chiave dell'evento, organizzato da RemTech Expo in collaborazione e con il patrocinio di GBC Italia.

Tra i relatori il nostro vicepresidente Marco Mari e il Direttore Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Ispra  Alessandro Bratti.

L'evento, gratuito ed aperto a tutti, si terrà presso la Residenza Municipale di Ferrara (Sala Arengo).

Scarica il programma dell'evento: clicca qui.

Per informazioni:

RemTech Expo
+39 0532 909495
+39 0532 900713
secretariat@remtechexpo.com

Continua a Leggere »