Salta al contenuto
Indietro

Mutui verdi in Italia: un workshop a Milano il 9 marzo

31 gen 2018

Mutui verdi in Italia: un workshop a Milano il 9 marzo

Il mercato dei mutui in Europa ha un valore superiore a 7.000 miliardi  di euro e rappresenta più di un terzo del capitale del settore bancario. Il potenziale che questo capitale ha di guidare il miglioramento dell’efficienza energetica del patrimonio costruito e di ridurre le emissioni climalteranti è enorme, ma attualmente non viene sfruttato.

Il Piano d’azione sui mutui per l’efficienza energetica - Energy Efficient Mortgages Action Plan (EeMAP) - è un progetto innovativo che ha lo scopo di creare dei mutui per migliorare l’efficienza energetica degli edifici in Europa.

EeMAP riunisce le principali banche, i valutatori, le compagnie di fornitura e gestione dell’energia e gli esperti di edilizia sostenibile per definire le basi di un mutuo verde in Europa e per sfruttare il valore di questo capitale allo scopo di migliorare le prestazioni energetiche e ambientali dei nostri edifici.

Il progetto mira a stabilire un approccio comune europeo per valutare, finanziare e premiare i mutui verdi, allo scopo di incrementare l’impiego della finanza privata nell’incentivare il mercato dell’edilizia green per raggiungere gli obiettivi climatici europei.

Se ne parlerà il 9 marzo a Milano nel workshop organizzato da UniCredit, GBC Italia e RICS in collaborazione con il consorzio EeMAP.

09 Marzo 2018 dalle 9:00 alle 14:00
Milano, UniCredit, Tower hall

via Fratelli Castiglioni n.12

Obiettivi del workshop

  • Lanciare le linee guida tecniche del progetto EeMAP
  • Lanciare il report di GBC Italia sul contesto nazionale per i mutui verdi
  • Conoscere le più recenti ricerche europee e le migliori pratiche sui mutui verdi, incluse le ricerche sui consumatori.
  • Discutere il feedback di esperti sulla proposta tecnica di EeMAP su come dovrebbero funzionare la valutazione delle prestazioni degli edifici per la concessione di un mutuo green diffuso a livello europeo.
  • Porre le basi per un laboratorio nazionale sui mutui green, che comprenda gli esperti chiave e le aziende che possono supportare la progettazione e la diffusione dei mutui green in Italia.


A chi è rivolto il workshop

Il workshop è rivolto ad aziende e organizzazioni interessate a conoscere le opportunità di business che la diffusione dei mutui green può offrire. Sono invitati a partecipare le banche, i valutatori, le compagnie di fornitura e gestione dell’energia, i consulenti, gli auditor, architetti, ingegneri, imprese, ESCO, imprenditori e proprietari immobiliari. L’evento si focalizzerà principalmente sul mercato della riqualificazione e nuova costruzione del settore principalmente residenziale.

 

Visualizza il programma del workshop qui

 

Per informazioni: internazionale@gbcitalia.org
 

Letture consigliate

EeMAP White Paper
EeMAP Report – Green Building Performance Indicators
EeMAP Report – Green Finance
EeMAP Report – Green Value


___________________________________________
 

  Keynote speaker

  Luca Bertalot
  Secretary General
  European Mortgage Federation


Luca Bertalot è il segretario generale della European Mortgage Federation - European Covered Bond Council (EMF-ECBC), una piattaforma di mercato che funge da catalizzatore e guida gli istituti di credito dell'UE e la comunità di obbligazioni garantite nelle discussioni con le istituzioni europee e gli stakeholders su tutte le questioni relative agli aspetti di retail e di finanziamento del mercato dei mutui. Luca è un esperto nel finanziamento dell'efficienza energetica negli edifici e sta guidando l'iniziativa sui mutui per l’efficienza energetica della EMF-ECBC in qualità di coordinatore del consorzio EeMAP.

___________________________________________

 


This project has received funding from the European Union’s Horizon 2020 research and innovation programme under grant agreement No 746205. The sole responsibility for the content of this material lies with the authors. It does not necessarily represent the views of the European Union, and neither EASME nor the European Commission are responsible for any use of this material