Salta al contenuto

Calendario


I prossimi appuntamenti

Marzo

Aprile

ATTENZIONE! GBC Italia informa che sono sospesi tutti gli eventi in calendario fino al 15 giugno



 /documents/20182/1359791/gbc-italia-news-formazione-online.png/90c1cc8a-efc9-40c0-aaed-1f137321867c?t=1585582616234
30 mar 2020

Corsi di formazione online

In un momento così particolare, il rafforzamento delle competenze all'interno della filiera del greenbuilding potrà essere una delle chiavi per una rapida ed efficace ripartenza di tutto il settore delle costruzioni sostenibili.

Vi segnaliamo alcune opportunità di formazione online per rimanere aggiornati sul tema:

Introduzione ai Green Building e ai sistemi di certificazione LEED/GBC
Per apprendere le informazioni di base in relazione alla sostenibilità applicata all'edilizia, ai Green Building, ai sistemi di rating GBC-LEED® e all’ottimizzazione dei processi di progettazione – costruzione e gestione.
30 aprile 2020 ore 13.30 | Per tutte le informazioni, clicca qui.
 

Inoltre, qui di seguito segnaliamo i webinar promossi dai nostri soci, completamente gratuiti:

FSC Italia

Incontri gratuiti e question time via web a carattere tecnico, per supportare aziende e operatori del sistema FSC
Appuntamenti tecnici, sotto forma di webinar gratuiti della durata di 1 ora ciascuno, che mirano ad approfondire diversi aspetti del sistema e delle filiere FSC.
Per il calendario completo degli appuntamenti, clicca qui.


R2M Solution

“BIMCollab: Il modo facile di controllare gli errori della modellazione BIM"
2 Aprile 2020 ore 10:00 | Per info e registrazioni, clicca qui.
 

 AVVISO AI SOCI   coloro che volessero segnalarci le loro iniziative di formazione online, possono scrivere al seguente indirizzo: comunicazione@gbcitalia.org

 

Continua a Leggere »


 /documents/20182/1400845/gbc-italia_manifesto_news.jpg/9971ed67-21be-4e1c-a89b-f7f5d29884d5?t=1585222020637
26 mar 2020

Pubblicato il Manifesto di GBC Italia: Un ambiente costruito sostenibile per l’Italia del futuro

Green Building Council Italia pubblica il Manifesto che invita il governo a riconoscere il ruolo centrale del settore delle costruzioni per un futuro dell’Italia a emissioni zero e sostenibile.

Il Presidente di GBC Italia Giuliano Dall’Ò presenta, nell’audio disponibile qui sotto, il Manifesto: “Un ambiente costruito sostenibile per l’Italia del futuro: le proposte di GBC Italia” che elenca i temi prioritari, le attività e gli strumenti necessari per il cambiamento, delineando così un chiaro piano programmatico e d’azione.


Il Manifesto tocca e affronta differenti aree tematiche, tra cui quelle indicate dal "Piano d'azione per l'economia circolare"(11 marzo 2020) della Commissione europea e dal Nuovo Green Deal europeo (11 dicembre 2019) per il clima, che ha l’obiettivo di eliminare le emissioni di CO2 entro il 2050. L’Europa è impegnata concretamente ad affrontare le principali questioni ambientali, economiche e sociali, cercando di raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite e promuovendo il New Green Deal: un nuovo patto verde, che integra gli obiettivi energetico-ambientali con quelli economici e sociali per un'Europa equa e giusta, con un’economia sostenibile e un impatto ambientale pari a zero in tutti i Paesi membri.

In Italia, il governo intende investire su molti fronti in materia ambientale nel prossimo triennio. L’Atto di indirizzo sulle priorità politiche per l’anno 2020 e il triennio 2020-2022, recentemente pubblicato dal Ministero dell’Ambiente, delinea le direttive e gli obiettivi.

È importante tenere in considerazione che gli edifici rappresentano un grande potenziale nel raggiungimento degli obiettivi di contrasto al cambiamento climatico poiché sono responsabili del 36% di tutte le emissioni, del 40% di energia, del 50% di estrazione di materie prime nell'UE, del 21% del consumo di acqua.

Il Manifesto evidenzia chiaramente il peso del settore delle costruzioni ed elenca quali siano i temi principali del cambiamento e le azioni che si dovrebbero sostenere per potenziare il settore e rendere possibile un reale patrimonio costruito sostenibile.

Decarbonizzazione, economia circolare, efficienza idrica, uso del suolo e biodiversità, resilienza, benessere e salubrità, giustizia nella transizione. Questi i temi cardine del manifesto di GBC Italia per il cambiamento.

“In ciascuno dei punti citati nel documento, GBC Italia porta la conoscenza che deriva da esperienze maturate negli anni, non solo in Italia, ma anche a livello internazionale attraverso il World Green Building Council, la rete internazionale di cui GBC Italia è socio stabile, oppure attraverso le esperienze maturate nei progetti europei ai quali GBC Italia partecipa da sempre. - dichiara Giuliano Dall’Ò, Presidente di GBC Italia - Con questo Manifesto GBC Italia non vuole semplicemente dare degli stimoli al mondo della politica, ma si mette a disposizione per collaborare in modo costruttivo affinché le politiche già messe in campo possano essere rafforzate nell’interesse di tutti: dai cittadini agli attori coinvolti nella filiera delle costruzioni e delle infrastrutture, molti dei quali fanno già parte della comunità di GBC Italia”.

Il documento suggerisce strumenti legislativi, normativi e finanziari che puntino ad una trasformazione del patrimonio edilizio che azzeri le emissioni di CO2 entro il 2050. Fornisce inoltre una panoramica della governance e delle azioni necessarie per lo sviluppo sostenibile delle costruzioni.

GBC Italia sostiene l’importanza di monitorare le prestazioni degli edifici attraverso piattaforme pubbliche nazionali e di promuovere l’adozione dei protocolli energetico ambientali in coerenza con gli obiettivi europei e lo schema Level(s), sviluppato dalla Commissione europea, uno strumento chiave in grado di fornire i cambiamenti necessari e guidare la domanda di un ambiente costruito a beneficio dell'economia, della società e dell'ambiente.

Continua a Leggere »


 /documents/20182/1359791/gnc-news-action-plan-ce.jpg/cba87e27-c2a3-4313-9d6d-8ca26f42d4ad?t=1584534028230
18 mar 2020

Dobbiamo cambiare il modo di produrre e consumare. Il nuovo piano d’azione per l’economia circolare

L'11 marzo 2020 la Commissione europea ha pubblicato il piano d'azione per l'economia circolare uno dei principali elementi costitutivi del Green Deal europeo, la nuova agenda europea per uno sviluppo sostenibile.

Il nuovo piano d'azione indica la strada verso un'economia competitiva e sostenibile per l’ambiente e la società, con misure che interessano l'intero ciclo di vita dei prodotti. Si punta alla progettazione e produzione di un'economia circolare, con l'obiettivo di garantire che le risorse utilizzate siano conservate il più a lungo possibile.

La transizione verso un'economia circolare è già in corso, grazie ad alcune imprese all'avanguardia, consumatori e amministrazioni pubbliche che hanno già sposato questo modello di sostenibilità. Il Piano di Azione interessa diversi settori produttivi, in particolar modo quelli che utilizzano più risorse e in cui il potenziale di circolarità è elevato come per:

  • elettronica e ICT;
  • batterie e veicoli;
  • packaging;
  • materie plastiche;
  • tessili;
  • edilizia e costruzioni
  • alimentari.

 

Per il settore dell’edilizia e delle costruzioni il documento dichiara l’impegno a pubblicare una nuova strategia globale per un ambiente costruito sostenibile nel 2021, che garantirà una coerenza in tutte le aree di interesse politico come il clima, l’efficienza energetica e delle risorse, la gestione dei rifiuti da costruzione e demolizione, la digitalizzazione e lo sviluppo di competenze.

Il documento promuoverà i principi di circolarità in tutto il ciclo di vita degli edifici puntando a:

  • Migliorare le prestazioni di sostenibilità dei prodotti da costruzione nel contesto della revisione del regolamento sui prodotti da costruzione, compresa l'eventuale introduzione di requisiti di contenuto riciclato per determinati prodotti da costruzione, tenendo conto della loro sicurezza e funzionalità;
  • Promuovere misure per migliorare la durabilità e l'adattabilità degli edifici in linea con i principi dell'economia circolare per la progettazione di edifici e lo sviluppo di “libretti” digitali per edifici;
  • Utilizzare lo schema Level(s) per integrare la valutazione del ciclo di vita negli appalti pubblici e lo schema di finanziamenti per la sostenibilità dell'UE, ed indagare l'adeguatezza della definizione di obiettivi di riduzione del CO2 e il potenziale di stoccaggio di CO2;
  • Considerare una revisione degli obiettivi di recupero dei materiali stabiliti nella legislazione dell'UE per i rifiuti di costruzione e demolizione e le frazioni specifiche dei materiali;
  • Promuovere iniziative per ridurre l'impermeabilizzazione del suolo, recuperare i siti abbandonati o contaminati e aumentare l'uso sicuro, sostenibile e circolare dei terreni già costruiti.


Il Piano di Azione per l’Economia Circolare afferma inoltre che l'ondata di rinnovamento sarà implementata in particolare sull’ottimizzazione delle prestazioni del ciclo di vita. Verrebbero promosse misure per migliorare la durabilità e l'adattabilità dei beni costruiti in linea con i principi dell'economia circolare. Inoltre, verrebbe discussa l'introduzione di requisiti di contenuto riciclato per i prodotti da costruzione, sottolineandone la sicurezza e le funzionalità.

GBC Italia è lieta di vedere pubblicate molte delle posizioni che sostiene da tempo e che sono esplicitate anche in modo più approfondito nel recente Position Paper sull’Economia Circolare in Edilizia.

L’associazione è inoltre felice di sapere che ci sarà una strategia ambientale sostenibile che utilizzerà lo schema Level(s) per integrare la valutazione del ciclo di vita negli appalti pubblici e per i finanziamenti green. Tale misura è significativa perché fornisce una base per il nuovo progetto europeo LIFE Level (s) (guidato da 8 GBC, tra cui GBC Italia) che punta a inserire i concetti di ciclo di vita negli appalti pubblici e pone i GBC del progetto al centro del Piano di Azione per un’Economia Circolare.

Oltre alla pubblicazione del position paper sull’economia circolare disponibile qui, GBC Italia si appresta a pubblicare prossimamente il proprio Manifesto di advocacy.

Seguiteci!

 

Continua a Leggere »


 /documents/20182/1359791/gbc-news-losanna-leed.jpg/e5f68875-2de8-4383-ab54-9eb465f40551?t=1584035114109
12 mar 2020

Olympic House a Losanna è uno degli edifici più sostenibili al mondo

Olympic House, la nuova sede del Comitato Olimpico Internazionale (CIO), ha ricevuto tre delle più rigorose certificazioni per l'edilizia sostenibile. È quindi diventato uno degli edifici più sostenibili al mondo.

Una delle tre certificazioni ottenute è LEED Platinum, il più alto livello di certificazione del programma internazionale LEED per l’edilizia sostenibile. Secondo il Green Building Council degli Stati Uniti (USGBC), la Olympic House ha ricevuto il maggior numero di punti (93) di qualsiasi nuovo progetto di costruzione certificato LEED v4.

Con oltre 98.000 progetti registrati e certificati in 175 paesi e territori, LEED (Leadership in Energy and Environmental Design) è la certificazione per i green building più utilizzata al mondo e un simbolo internazionale di eccellenza della sostenibilità. Un edificio certificato LEED significa che sta riducendo le emissioni di carbonio e preservando le risorse dando priorità alle pratiche sostenibili e creando un ambiente più sano. LEED Platinum è il massimo livello di certificazione possibile.

Oltre a ricevere la certificazione LEED Platinum, Olympic House è la prima sede internazionale - e il secondo edificio in assoluto - ad ottenere il livello più alto (Platinum) dello Swiss Sustainable Construction Standard (SNBS). Ha anche ottenuto lo standard svizzero per gli edifici a basso consumo energetico, Minergie. Olympic House è il primo edificio a ricevere queste tre certificazioni e il primo in Svizzera a ottenere LEED v4 Platinum.

"Siamo orgogliosi del fatto che Olympic House, in quanto nuova sede del Movimento Olimpico, abbia ricevuto certificazioni così prestigiose, riconoscendo il nostro forte impegno per la sostenibilità, che è uno dei tre pilastri dell'Agenda Olimpica 2020", ha dichiarato il presidente del CIO Thomas Bach. “Dall'inizio con il concorso sul progetto architettonico fino alla costruzione, dalla gestione dell'energia a quella degli arredi, il CIO si è concentrato molto sulla scelta di soluzioni sostenibili. Siamo felici che il nostro investimento in sostenibilità abbia portato a ricevere queste tre certificazioni. "

Olympic House riunirà tutto lo staff del CIO sotto lo stesso tetto a Losanna. Il nuovo edificio fornirà un luogo di incontro per il movimento olimpico globale. Olympic House è un investimento in sostenibilità, efficienza operativa, economia locale e sviluppo.

Con la sua forma ispirata al movimento di un atleta, Olympic House combina i più alti standard di progettazione architettonica con un approccio olistico alla sostenibilità. Incorpora criteri rigorosi in termini di efficienza energetica e idrica, ottimizzando al contempo la salute e il benessere dei suoi utenti.

“LEED v4 è stato progettato per essere il sistema di valutazione degli edifici sostenibili più rigoroso al mondo. Dal miglioramento delle prestazioni energetiche all'enfasi sulla salute umana e sulla progettazione integrata degli edifici, LEED v4 incoraggia i team di progetto a operare oltre lo status quo ", ha affermato Mahesh Ramanujam, Presidente e CEO del Green Building Council degli Stati Uniti. "La certificazione LEED Platinum di Olympic House dimostra una straordinaria leadership nel green building e distingue il CIO come leader nella sostenibilità nel mondo dello sport internazionale."

L'80% degli investimenti nell'edificio è stato speso localmente e oltre il 95% dell'ex quartier generale del CIO è stato riutilizzato o riciclato.

I pannelli solari e le pompe di calore che utilizzano l'acqua del vicino Lago di Ginevra forniscono energia rinnovabile all'edificio, che dovrebbe utilizzare il 35% in meno di energia e il 60% in meno di acqua comunale rispetto a una nuova costruzione convenzionale.

Fonte: www.olympic.org

Guarda le immagini scattate dal socio Sequas in visita al centro:

Olympic House a Losanna
Continua a Leggere »


 /documents/20182/1359791/gbc-news-world-gbc-letter.jpg/3ca457a4-c04d-47bc-9bd1-b7352a67de37?t=1583924111007
11 mar 2020

Edilizia circolare per adempiere alla nuova legge sul clima: il monito dei GBC europei e di grandi aziende

Lo scorso 6 Marzo, il World Green Building Council insieme a una coalizione di oltre 60 organizzazioni (tra cui GBC Italia) nel settore dell'edilizia e delle costruzioni ha sottoscritto una lettera aperta invitando la Commissione europea a realizzare una nuova audace politica di economia circolare.

In questi giorni la Commissione europea si prepara a consegnare il suo "Piano d'azione per l'economia circolare" per ridurre le emissioni di gas a effetto serra a zero entro il 2050, come previsto nella nuova legge europea sul clima.

La lettera sottolinea che questo obiettivo può essere raggiunto solo se la politica dell'UE affronta tutti gli impatti del settore delle costruzioni e degli edifici. Sottolinea la necessità di fissare obiettivi sulle emissioni di carbonio “nell’intero ciclo di vita" che vadano oltre il consumo di energia, per garantire che il quadro di "Levels" svolga un ruolo centrale e per allineare il lavoro sulla finanza sostenibile con questo piano d’azione.

Firmatari della lettera includono diversi Green Building Councils europei che rappresentano oltre 4.500 diversi membri nel settore dell'edilizia e immobiliare, nonché i principali attori e organizzazioni del settore come RICS, il World Business Council for Sustainable Development e aziende come ASSA ABLOY, Ramboll, Signify e Skanska

“La presidente Von Der Leyen ha definito il passaggio alla neutralità climatica il momento "dell’allunaggio" dell'Europa - ha affermato Audrey Nugent, Head of Advocacy di World GBC Europe - L'adempimento di questa missione richiede una collaborazione radicale tra tutti gli attori della filiera del settore edile. La numerosità delle organizzazioni e delle aziende che approvano questa lettera dimostra la volontà del nostro settore di collaborare con la Commissione per attuare politiche che possano contribuire a garantire un'Europa neutrale dal punto di vista climatico”.

Fonte: www.worldgbc.org

Per leggere la lettera e vedere la coalizione delle organizzazioni che hanno aderito, clicca qui.

Continua a Leggere »