/documents/20182/455633/gbc_advocacy_milan.jpg/7a256ded-d63b-409e-a181-5bae181ccc2a?t=1530613651088
03 lug 2018

Saint-Gobain Advocacy Network Meeting

Il nostro presidente Giuliano Dall’Ò ha partecipato il 26 giugno come relatore al meeting Saint-Gobain International Advocacy Network, un’occasione per condividere e riflettere sull’importanza delle partnership strategiche nel percorso della sostenibilità, come la continuativa collaborazione di successo tra GBC Italia e Saint-Gobain.

 

I membri della rete internazionale di Advocacy hanno avuto il piacere di ritrovarsi in uno degli edifici di riferimento del programma Multi-Comfort del gruppo Saint-Gobain, il centro di innovazione e formazione Habitat Lab, certificato LEED Platinum. I partecipanti hanno qui discusso sul proprio impegno a guidare la trasformazione verso uno stock di edifici sostenibili ed esaminato quale sia, dal punto di vista advocacy, il modo migliore per sostenere la propria strategia per l’habitat sostenibile.

Continua a Leggere »


 /documents/20182/412545/assemblea-soci_imgloca_04.jpg/1ae39e74-01af-4629-b9e0-32746288ad8d?t=1530528346684
02 lug 2018

Economia circolare e CAM: a che punto siamo

Editoriale di Giuliano Dall'Ò

È sempre forte l’interesse che GBC Italia dimostra sulle tematiche che riguardano i Criteri ambientali minimi (CAM) e l'Economia circolare (EC), perché in linea con gli obiettivi di sostenibilità che i nostri strumenti di certificazione aiutano a perseguire.

Negli ultimi sei mesi ci siamo concentrati nel promuovere con tutti i mezzi a nostra disposizione e con tutti gli strumenti che ci caratterizzano, una visione della sostenibilità in edilizia contaminata positivamente sia dall'EC sia dai CAM. Abbiamo attivato dei corsi di formazione su questi temi, abbiamo promosso degli eventi, abbiamo siglato una importante convenzione con l'Associazione Rete Italiana LCA ed abbiamo attivato dei gruppi di lavoro aperti a tutti i nostri soci. Tutto questo per stimolare il nostro "ecosistema" formato dai nostri soci, portatori d'interesse dell'intera filiera dell'edilizia green, il cui numero peraltro è cresciuto di più di trenta unità proprio nell'ultimo semestre.

È una consuetudine che le assemblee generali di GBC Italia siano accompagnate da un evento aperto al pubblico. Allo scopo di approfondire il tema dell'EC e dei CAM, e a ribadire l'importanza che per la nostra Associazione hanno questi due elementi, GBC Italia ha promosso un convegno che aveva per titolo "Economia circolare e CAM in Edilizia" che si è svolto lo scorso 22 giugno a Roma presso l'Auditorium del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane.

L'iniziativa è stata molto apprezzata se si considera che in pochi giorni dalla comunicazione dell'evento i posti erano già tutti esauriti. Chi ha partecipato all'evento, inoltre, ne è uscito più arricchito perché ha avuto l'opportunità di confrontarsi con alcuni operatori di riferimento nazionali.

Per il mercato dell'edilizia si tratta di una sfida molto stimolante, peraltro obbligata, ma tutt'altro che semplice.

Il passaggio dall'economia lineare a quella circolare sarà uno dei principali driver del cambiamento del settore delle costruzioni e della catena del valore.

La complessità dell’attuale sistema socio-economico avvantaggia ancora oggi il modello di economia lineare. In particolare il modello di business nell'industria delle costruzioni non favorisce la collaborazione di tutta la catena poiché le imprese, poco sollecitate da stimoli di mercato, agiscono indipendentemente l'una dall'altra. Stenta così ad avviarsi il ciclo virtuoso, ed economicamente sostenibile, del recupero e riciclo dei materiali da costruzione. L’obbligatorietà dell’applicazione dei CAM, benché limitata alla Pubblica Amministrazione, rappresenta una prima spinta verso l’integrazione dei processi edilizi, l'applicazione di un approccio Life Cycle, la promozione del risparmio di risorse naturali e del riciclo. Si tratta, quindi, di un forte stimolo all’applicazione di modelli di economia circolare.

Gli interventi proposti dai relatori al Convegno di Roma sono stati numerosi e tutti di qualità. Interessante è stata la diversificazione dei punti di vista su tematiche complesse che necessariamente devono essere affrontate da più fronti. L'intervento di apertura è stato curato da Lorenzo Radice, responsabile sostenibilità del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane che ha fornito un interessante aggiornamento sulle attività e sui progetti infrastrutturali di FSI, progetti che contribuiranno in modo significativo a cambiare il volto del nostro Paese e che avranno proprio nella sostenibilità l'elemento attrattore. La riqualificazione del patrimonio edilizio storico e il valore testimoniale nel contesto dell'EC è stato l'importante e illuminato contributo di Francesco Scoppola, DG Ricerca e Formazione di MiBACT. Nel recupero e nella valorizzazione anche storica e culturale del patrimonio edilizio l'Italia ha l'opportunità di giocarsi un ruolo di primo piano nel contesto internazionale. Da qui lo stretto legame che corre tra queste azioni, per le quali GBC Italia come precursore di queste tematiche ha elaborato un protocollo (GBC Historic Buildings), ed il tema generale dell'EC.

Lo stretto legame tra protocolli di certificazione, EC e CAM sono stati oggetto della seconda parte del Convegno introdotta da Toni Cellura, Amministratore unico di NIA e membro del Gruppo di Lavoro CAM di GBC Italia, uno dei massimi esperti in questo settore. Toni Cellura ha evidenziato lo stretto legame che esiste tra Codice Appalti, CAM edilizia, criteri di sostenibilità energetico-ambientale, evidenziando potenzialità ma anche criticità.

La sostenibilità energetica in edilizia non riguarda solo edifici ma anche infrastrutture. Questo tema è stato trattato da Lorenzo Orsenigo, Direttore generale di ICMQ, che ha parlato di protocolli e certificazioni per infrastrutture e prodotti sostenibili, con un focus sulla tracciabilità dei fornitori. ICMQ, socio fondatore di GBC Italia, sta promuovendo in Italia il protocollo internazionale ENVISION, uno schema che sta riscontrando un notevole successo anche in Italia.

I CAM e l'EC non devono essere visti solo come obblighi ma anche come opportunità di mercato. È una concezione che GBC sta cercando di promuovere a tutti i livelli: interessante al riguardo è stato l'intervento di Marco Marcatili, economista di Nomisma, che ha trattato proprio il tema del valore generato dai CAM nel comparto edilizio.

Roberto Coizet, Presidente di Edizioni Ambiente e del Centro Materia Rinnovabile, ha fornito un contributo interessante per comprendere meglio le questioni trattate riguardanti l'EC.   

Come reagiscono le aziende alle spinte di questi cambiamenti? Un caso studio interessante, che conferma molti concetti espressi riguardo le opportunità di mercato, è stato quello presentato da Gianluca Cavalloni, Advocacy & BIM Manager Habitat di Saint Gobain, un socio che sta investendo molto sul tema: l'economia circolare e la sostenibilità come driver per l'innovazione di prodotto.

Hanno concluso il convegno di Roma due interventi istituzionali: quello di Paolo Barbieri, Presidente di ANPAR, sul recupero dei rifiuti da costruzione e demolizione per l'energia sostenibile, e quello di Roberto Morabito, Direttore del Dipartimento Sostenibilità dei sistemi produttivi e territoriali di ENEA che ha illustrato le caratteristiche della prima piattaforma italiana per l'economia circolare.

Nel dibattito finale, Silvano Falocco, Direttore della Fondazione Ecosistemi, ha fornito a tutti i partecipanti interessanti punti di riflessione.

Una giornata intensa, quella di Roma, che ci ha visti come GBC Italia facilitatori di un dibattito propositivo e stimolante interno alla filiera del mondo delle costruzioni sostenibili. Una tappa importante di un percorso che proseguirà con le nostre attività diversificate sui temi dei CAM e dell'EC. Le maggiori criticità al cambiamento, alcune emerse proprio all'interno del convegno, riguardano la complessità di applicazione dei CAM e, più in generale, le difficoltà che inevitabilmente si incontreranno nel passare da una economia lineare ad una economia circolare. Il ruolo di GBC Italia è tanto più importante se si considera che le tematiche non sono solo nazionali e la collocazione di GBC all'interno di un network europeo e mondiale contribuirà, attraverso il continuo confronto con altre realtà, a fornire elementi utili per accelerare un processo che comunque è inevitabile.

News correlate: Disponibili gli atti del convegno CAM ed Economia Circolare

Continua a Leggere »


 /documents/20182/412545/CAMquadrata.jpg/3aa1f3f0-d941-41a1-959b-2b4e7bddff27?t=1530283687760
29 giu 2018

Disponibili gli atti del convegno CAM ed Economia Circolare

Venerdì 22 giugno, in occasione dell’assemblea di GBC Italia, si è tenuto il convegno “L’economia circolare e i CAM edilizia” organizzato come momento di riflessione per un passaggio del settore delle costruzioni a un modello di economia circolare.

Il convegno, molto partecipato, ha visto il susseguirsi di relatori autorevoli sia del mondo imprenditoriale che del settore pubblico che sono intervenuti raccontando le esperienze ed innovazioni in merito ai nuovi scenari economici.


Ad aprire i lavori il presidente Giuliano Dall’Ò che ha sottolineato l’importanza del ruolo dell’associazione nella promozione dell’economia circolare e dei CAM edilizia.

Le presentazioni dei relatori e le foto dell'evento sono disponibili a questo link.

Ulteriori link utili:
Video della diretta Facebook
Articolo pubblicato su Civiltà di Cantiere

Un ringraziamento speciale va a Ferrovie dello Stato Italiane e ICMQ per aver supportato l’iniziativa.

 

Continua a Leggere »


 /documents/20182/412545/gbc_news_wgbw.jpg/d4a19819-8582-41c0-8456-0363b2ba6c69?t=1530196916898
28 giu 2018

World Green Building Week 2018

Le azioni per un mondo più sostenibile iniziano già dentro casa!

Sai che gli edifici e le abitazioni sono responsabili per circa il 40% del consumo energetico globale e della produzione di oltre un terzo delle emissioni di gas serra nel pianeta?

Basti pensare che il consumo medio di elettricità per uso domestico è di 3,500 kWh, equivalente ad una produzione di 2,6 tonnellate di CO2. Sarebbe dunque sufficiente abbassare il nostro consumo elettrico di un 20% per avere una riduzione della CO2 pari a mezza tonnellata!

Tutti possiamo fare qualcosa per rendere le nostre abitazioni più green e dare il nostro piccolo contributo per risparmiare energia, denaro e far sì che il nostro pianeta diventi più verde e più sano per le future generazioni.

È proprio questo l'obiettivo della World Green Building Week 2018 (24 - 30 settembre 2018), l'annuale campagna organizzata dal World GBC e i GBC di tutto il mondo, che ha come proposito quello di motivare le persone ad agire per un mondo più sostenibile e sensibilizzarle sul fatto che tutti possono fare la differenza. Non esiste un pianeta B!

Ecco come è possibile aderire alla campagna e partecipare alla sfida di un pianeta più green!

 Impara
- visita il sito dell'iniziativa per scoprire quali azioni puoi compiere per rendere più green la tua casa: clicca qui
- segui l'hashtag #HomeGreenHome e scopri quali azioni puoi già iniziare a compiere
- partecipa agli eventi che si organizzeranno in questa settimana
- leggi il report redatto da UK GBC sulla salute e il benessere in casa, per scoprire perchè una casa green è una casa salutare: clicca qui

 Condividi i messaggi green
- partecipa alla conversazione sui canali social, tramite gli hashtag #HomeGreenHome e #WGBW2018 (qui trovi del materiale grafico utile)
- pubblica la tua personale promessa #HomeGreenHome (utilizza questo template)
- stampa e distribuisci i poster della WGBW negli edifici dove vivi o lavori: sono disponibili in formato verticale ed orizzontale
- diffondi l'iniziativa tra amici e colleghi, anche tramite l'apposizione della firma ufficiale WGBW (la puoi scaricare qui) nelle tue email

 Partecipa attivamente
- segnalaci le attività legate alle World Green Building Week che stai portando avanti
- divulga report e/o ricerche che stai conducendo sul tema del green housing
- organizza webinar o workshop legati ai temi della WGBW

Per ulteriori spunti, scarica la guida ufficiale della World Green Building Week: clicca qui.

Per ulteriori domande o se desideri approfondire più in dettaglio un'idea su come partecipare alla WGBW, contattaci a: eventi@gbcitalia.org

 

Continua a Leggere »


 /documents/20182/412545/gbc_newsgradtourrestauro.jpg/a738ec43-0f5a-4fee-9532-777b62280585?t=1530107377650
27 giu 2018

Grand Tour del Restauro con Assorestauro

Dall'11 al 14 giugno 2018 si è tenuto il  Grand Tour Restauro, un workshop formativo che ha visto la partecipazione di 24 architetti e operatori stranieri nel settore dei beni culturali, architettura e restauro, provenienti da Israele.

L'evento, organizzato da Assorestauro, in collaborazione con Shimur (The Council for Conservation of Heritage Sites in Israel), è stato possibile grazie alla partecipazione della Soprintendenza Archeologica, Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Milano, la Regione Emilia Romagna e il Comune di Ferrara e ICE Tel Aviv.

Il programma della settimana si è svolto tra Milano, Mantova e Ferrara, permettendo ai partecipanti la visita di alcuni importanti cantieri di restauro accompagnati da imprese ed operatori italiani del settore attivi sul territorio nazionale, in un percorso articolato tra sostenibilità e tradizione. Il Grand Tour si è concluso a Ferrara con la visita al MEIS, il Museo nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah, dove gli ospiti israeliani sono stati accolti dalla Direttrice Simonetta della Seta, dall’arch. Andrea Sardo del Polo Museale dell’Emilia Romagna e da Marco Mari, Vicepresidente di GBC Italia. La visita al nuovo Museo ha messo in evidenza le particolarità del restauro sostenibile delle prigioni, oggi sede di una parte espositiva del Museo che ha conseguito il livello ORO della certificazione GBC Historic Building.

Visita il sito di Assorestauro per una sintesi delle tappe del tour nel restauro italiano: clicca qui.

Continua a Leggere »