17 lug 2018

OPEN POSITION: sustainability specialist

Manens-Tifs, azienda socia di GBC Italia e specializzata nel campo dell'ingegneria e del project management per il settore degli edifici, è alla ricerca di un Sustainability Specialist da inserire nel settore Building Physics & Sustainability.

Ecco i requisiti richiesti ai candidati:

- Qualifica di LEED AP e/o BREEAM Assessor e/o WELL AP
- Laurea in Ingegneria
- Esperienza almeno biennale come consulente per la sostenibilità nel settore delle costruzioni
- Perfetta conoscenza della lingua inglese
- Buona padronanza della lingua italiana

Per candidarsi, inviare il proprio CV all'indirizzo y1-03@manens-tifs.it indicando nell'oggetto della mail il codice della posizione lavorativa (Ref. 2018-04 Sustainability Specialist) e la vostra preferenza sulla località di lavoro (Padova o Verona, Italia).

Scarica l'allegato con le posizioni aperte: clicca qui.



19 lug 2018

Nuova pubblicazione: L’applicazione dei criteri ambientali minimi negli appalti pubblici

La casa editrice Maggioli (azienda socia di GBC Italia) ha recentemente pubblicato il manuale “L’applicazione dei criteri ambientali minimi negli appalti pubblici” aggiornato al correttivo D.Lgs. n. 56/2017.

L’autore del manuale è il nostro segretario del Chapter Sicilia, nonché coordinatore del gruppo di lavoro CAM Appalti di GBC Italia, l’Arch. Toni Cellura che si occupa delle problematiche connesse a questo settore da anni.

Il testo si concentra sui Criteri Minimi Ambientali e sull’impatto che la loro applicazione avrà sul sistema attuale degli appalti pubblici. Un capitolo è dedicato alla conoscenza del GPP (green public procurement); vengono altresì illustrate alcune esperienze regionali riconosciute come virtuose. Oltre agli strumenti predetti, vengono analizzati i Manuali Europei sugli acquisti verdi e le varie direttive, la normativa nazionale, il Piano di Azione Nazionale (PAN GPP). Si illustrano i CAM, sia quelli in vigore che quelli in itinere, con commenti e valutazioni ed alcune schede operative.

Rispetto alla precedente edizione, nella nuova è stato introdotto un nuovo paragrafo sui “Criteri ambientali minimi per l’affidamento di servizi di progettazione e lavori per la nuova costruzione, ristrutturazione e manutenzione di edifici pubblici” (G.U. serie generale n. 259 del 6 novembre 2017), entrati in vigore il 7 novembre 2017.

L’obbligo di inserire i CAM negli elaborati e nei documenti di gara è stato introdotto per la prima volta dal “Collegato ambiente” alla legge di stabilità 2015, con il provvedimento sono state introdotte nel nostro ordinamento una serie di novità in materia di appalti verdi e alcune modifiche al codice dei contratti pubblici. Le norme hanno previsto l’obbligo per le pubbliche amministrazioni di contribuire al conseguimento degli obiettivi ambientali, attraverso l’inserimento nei documenti di gara delle specifiche tecniche e delle clausole contrattuali contenute nei decreti ministeriali sui CAM (Criteri Ambientali Minimi), adottati in attuazione del Piano di Azione Nazionale (PAN GPP).

Tutte le disposizioni, sugli acquisti verdi e sulla obbligatorietà dei CAM, costituiscono una vera e propria rivoluzione nel mondo degli appalti e gli operatori pubblici e privati sono chiamati a conoscere ed utilizzare gli strumenti di gestione ambientale (EMAS e ISO 14001), le etichettature ecologiche (Ecolabel etc.), le dichiarazioni ambientali di prodotto (DAP), le metodologie di analisi del ciclo di vita (LCA) ed infine l’impronta ecologica dei prodotti (PEF) che, tra l’altro, sarà utilizzata per il nuovo marchio “Made Green in Italy”, recentemente oggetto del Decreto 21 marzo 2018, n. 56 del Ministero dell’Ambiente di cui questa edizione tiene conto.

Per acquistare la pubblicazione e maggiori informazioni: maggiolieditore.it



09 lug 2018

Consultazione pubblica per la nuova EPBD 2018

L'associazione EuroACE, un'Alleanza tra imprese che sostengono l'efficienza energetica degli edifici, ha recentemente pubblicato un documento che inquadra e commenta i cambiamenti introdotti dalla nuova EPBD 2018 pubblicata nella G.U. dell'U.E. lo scorso19 Giugno.

Il documento, oltre a definire cosa è cambiato rispetto alla versione precedente della Direttiva, sottolinea l'importanza che rivestono le strategie a lungo termine di riqualificazione energetica dell'edificio, ma anche l'importanza del ruolo chiave dei finanziamenti per l'efficienza energetica, della definizione di un Passaporto dell'Edificio, del controllo delle prestazioni degli impianti tecnici degli edifici (TBS) attraverso i sistemi di automazione e controllo degli edifici (BACS) e del monitoraggio delle prestazioni energetiche dell'edificio per perseguire l'obiettivo "energy efficiency first".

Il documento cita tra le best practice due progetti europei in cui GBC Italia è coinvolto in prima linea: il progetto BUILD UPON come esempio eccellente di collaborazione intersettoriale a supporto della creazione di policy partecipate (pag 07) e il progetto EeMAP come iniziativa promettente nell'ambito del finanzamento dell'efficienza energetica (pag.14).

EuroACE ha lanciato una fase di consultazione del documento aperta al pubblico. I commenti al documento potranno essere inviati al seguente indirizzo email: eemap@gbcitalia.org entro il 30 agosto 2018. Seguiranno due call di approfondimento il 31 agosto e il 5 settembre per sviluppare un documento finale  da consegnare entro il 7 settembre 2018 a EuroACE.

 



17 lug 2018

DIASEN presenta la Green Future Academy

DIASEN, azienda marchigiana associata a GBC Italia, ha inaugurato da poco il polo d'eccellenza dedicato alla formazione ecosostenibile, la Green Future Academy, l'accademia 4.0 nata con l'intento di diffondere una maggiore consapevolezza nei confronti delle tematiche del green building. Il progetto intende raccontare la sostenibilità attraverso la formazione attiva rivolta agli architetti, ingegneri e alle scuole.

"L’intento - ha spiegato Diego Mingarelli, CEO di DIASEN - è quello di realizzare un network capace di condividere il know-how sulle più diffuse problematiche dell'edilizia, un servizio di alta formazione e assistenza tecnica a 360°, pensato per offrire risposte efficaci a chi sceglie di condividere con noi la stessa visione dell'edilizia moderna ed ecologica. All’interno della Green Future Academy, inoltre, utilizzando l’innovativo laboratorio di Diasen, saranno testati nuovi materiali, la cui applicazione sarà a disposizione dei progettisti di tutta Italia e dell’intera filiera dell’edilizia."



09 lug 2018

È disponibilie la registrazione del Webinar di EeMAP

È ora disponibile la registrazione del Webinar di EeMAP del 19 giugno sulla fase di piloting dell'introduzione di mutui verdi in Europa.


Il webinar fa il punto su quali banche hanno aderito all'iniziativa nei diversi paesi e sulle organizzazioni che hanno dato la loro disponibilità per supportare con le loro competenze tecniche la sua implementazione.